domenica, Luglio 25

Smart Tv, tra spionaggio e privacy

0

Grazie a Wikileaks abbiamo scoperto tutti che la Cia spia tramite smartphone ma anche con i nuovi apparecchi televisivi, le Smart Tv. Si tratta di apparecchi che riescono a navigare nella rete e a fornire nuovi contenuti. E i servizi segreti, grazie a sistemi di ultima generazione, riescono ad entrare nel televisore e riescono a captare dialoghi e immagini. Nei 8761 file sulla divisione della Central Intelligence Agency si scopre che questa che sviluppa software e hardware per sostenere le operazioni di spionaggio. Nel mirino prodotti come l’iPhone della Apple, gli Android di Google e Microsoft ma anche i televisori Samsung, utilizzandoli come microfoni segreti.

Di sicuro c’è che il mercato delle Smart Tv cresce a ritmi vertiginosi. Secondo lo studio ‘Global Smart TV and Streaming Media Devices Markets, Forecast to 2021‘, il mercato dei televisori intelligenti, che ha raggiunto 190 milioni di dispositivi nel 2016, crescerà ad un tasso di crescita medio annuale del 5,1% tra il 2016 e il 2021.  Ma impazzano anche i consigli su come difendere la propria privacy pur possedendo una Smart Tv. Ebbene ogni prodotto ha le proprie impostazioni per limitare se non ridurre a zero le informazioni che partono verso l’esterno, ma in realtà l’unico modo per essere certi che niente arrivi a nessuno è quello di scollegare la Smart Tv da Internet: misura super drastica, che praticamente fa tornare il proprio apparecchio, come direbbero i più tecnologici, alle funzioni standard.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->