venerdì, Maggio 14

Sistema solare: scoperto il nono pianeta? A pubblicare lo studio due astronomi del California Institute of Technology

0

Dopo almeno due anni di studi, sembra essere stato scovato il nono pianeta del Sistema Solare. La scoperta è stata fatta da due astronomi del California Institute of Technology, Konstantin Batygin e Mike Brown, che hanno presentato il loro studio sul ‘The Astronomical Journal’. Una scoperta che, secondo gli esperti, potrebbe rivoluzionare la visione del Sistema Solare. Si tratta di un pianeta grande dieci volte la Terra, e si trova a una distanza 600 volte quella che ci separa dal Sole. Il nome provvisorio è semplicemente ‘Pianeta Nove’, ma cosa importante è che ancora non è stato però osservato direttamente, vista la sua incredibile distanza.

E allora come è stato scoperto? Studiando le perturbazioni gravitazionali prodotte sui pianeti più vicini, vedi Nettuno, e il moto di alcuni degli oggetti che si trovano nella Fascia di Kuiper. Un metodo questo che è stato usato in passato e che ha permesso di scoprire Urano e Nettuno. «Sebbene fossimo inizialmente molto scettici che questo pianeta potesse esistere, man mano che abbiamo continuato a studiare la sua orbita e ciò che poteva significare per il Sistema Solare esterno, ci siamo convinti sempre di più che è là fuori», il commento di Batygin. «Per la prima volta in 150 anni abbiamo una evidenza solida che il censo planetario del Sistema Solare è incompleto». Pensate che il Pianeta Nove è così distante che per effettuare un giro intorno al Sole, può impiegare da 10 a 20 mila anni. Per quanto riguarda la sua origine invece si è ancora nel campo delle ipotesi: possibile infatti che potrebbe essere un pianeta gigante come Giove, Saturno, Urano o Nettuno, che in passato è stato vittima di una ‘carambola gravitazionale’ che lo ha portato ai confini del Sistema Solare.

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->