mercoledì, Dicembre 8

Siriani in protesta al quinto anniversario di guerra civile

0

Cinque anni di estenuante guerra civile. E’ per questo che in questi giorni, per il quinto anniversario dall’inizio della primavera siriana, la popolazione è scesa in piazza a protestare e a chiedere le dimissioni del Presidente Bashar al-Assad.

Iniziate il 15 marzo 2011, le rivolte popolari contro il regime di Assad sono poi sfociate in un conflitto in cui diversi Paesi sono ormai coinvolti. Inoltre, secondo i dati diffusi da Oxfam (confederazione internazionale specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo), il 2015 è stato l’anno più tragico dall’inizio della guerra siriana. A peggiorare le cose è anche l’attuale emergenza umanitaria, nonostante il 27 febbraio fosse entrato in vigore il ‘cessate fuoco’. I dati raccolti dall’Onu mostrano quanto tragico sia il contesto in cui si trovano i siriani: il 70% della popolazione non ha accesso all’acqua potabile, un terzo della popolazione non può sfamarsi adeguatamente, e più di 2 milioni di bambini non hanno accesso all’istruzione. La povertà è dilagante: quattro siriani su cinque vivono in condizioni di totale indigenza.

 

(video tratto dal canale YouTube di Reuters)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->