giovedì, Ottobre 28

Siria, le immagini della devastazione Lo stato delle città colpite dalla guerra, che sta per entrare nel suo ottavo anno

0

Il 15 marzo 2018 la guerra in Siria, iniziata nel 2011, entrerà nel suo ottavo anno. Ma la fine ancora non si vede. Cambiano ormai forma gli schieramenti. Ma oggi a che punto è la guerra in Siria? Dove si sta combattendo?

Nel Ghuta orientale, l’area che circonda la città di Damasco, si combatte alacremente. Tra le città maggiormente colpite Idlib, nel nord-ovest, controllata da una coalizione di islamisti e jihadisti e le vicine Latakia, Hama e Aleppo, alcune di queste zone sono controllate dai ribelli.

Poi c’è la provincia di Homs, oltre alla zona meridionale del Paese, che comprende le province di Daraa e Quneitra, dove ci sono vaste zone controllate dai ribelli.

Ad Afrin invece Il 20 gennaio la Turchia ha lanciato una massiccia operazione militare contro la parte abitata in maggioranza da curdi e controllata da anni dalle Unità di protezione del popolo (YPG), legate al partito siriano dell’Unità democratica (PYD), considerate da Ankara organizzazioni terroristiche.

E intanto arrivano nuove immagini della devastazione lasciata in Siria, sia nelle zone ora liberate che in quelle dove ancora si combatte.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->