sabato, Maggio 15

Siria, l'avanzata dei governativi e dell'ISIS field_506ffbaa4a8d4

0

Damasco – Le fonti ufficiali in Siria e quelle sul terreno affermano che martedì l’esercito siriano, in collaborazione con il partito libanese Hezbollah, ha stabilito il controllo sul distretto di al-Mas nella città di al-Zabadani situato a nord-ovest di Damasco. Una notizia che arriva durante le battaglie in corso con le brigate islamiche in più distretti vicini al centro della città, nonostante la tempesta di sabbia che ha colpito la regione che ha bloccato momentaneamente gli attacchi aerei.

Nel frattempo nell’ambito della campagna ‘per il bene di Zabadani’, “al-Furqan“, “Yarmuk Army“, “Ababil Army”, “Al-Izz Brigade”, e “al-Bara ‘bin Malik Brigade”, hanno annunciato il lancio dell’operazione “Vittoria Triangle” volta al recupero di tutti i settori che sono caduti, alcuni mesi fa, sotto il controllo dell’esercito siriano ed Hezbollah nel nord della provincia di Daraa. In una dichiarazione, l’al-Furqan Brigate ha affermato che la sua sconfitta si trasformerà in vittoria anche nelle zone di al-Quneitra e Damasco. Queste aree sono conosciute come il ‘Triangolo della morte’ a causa della lotta feroce che ha avuto luogo lì. Tuttavia, l’al-Furqan Brigate annuncia di convertirlo in quello che ha definito come ‘Triangolo della Vittoria’.

Proseguono comunque gli scontri in uno dei villaggi della provincia occidentale di Daraa tra “Jaish Fateh al-Janoub” e la “Yarmuk Brigata dei Martiri”, che è accusata di essere vicina all’ISIS. Intanto fonti dell’opposizione siriana hanno rivelato che al-Nusra ha preso di mira attraverso l’artiglieria la residenza di Abu Ali al-Baridi, conosciuto da al-Khal, che gli ha causato una grave ferita ed è dovuto essere trasportato in uno dei ospedali da campo in zona. Nello stesso contesto, le Brigate dei Martiri di Yarmuk hanno annunciato in un comunicato che sono riuscite a respingere l’attacco condotta da Al-Nusra ed altre fazioni militari che partecipano agli scontri. Comunque dalle fonti dell’opposizione sono circolate notizie in merito ad una unione nei prossimi giorni tra “Jaish al-Islam” e “Faylaq al-Rahman” nella provincia di Damasco, per aumentare lo sforzo bellico nella zona.

In un’altra nota, è stato riferito che l’esercito siriano ha bombardato le posizioni di al-Nusra ad Abu al-Ḑuhūr Aeroporto militare a Idlib, provincia orientale, utilizzando diversi di terra. Nel frattempo, al-Nusra ha annunciato che è stato in grado di catturare 4 soldati dell’esercito siriano, tra cui un ufficiale, confiscando due cannoni e un lanciamissili. Fonti dal campo sottolineano che le operazioni militari sono aumentate nelle zone circostanti l’aeroporto durante le ultime 24 ore, dopo che al-Nusra ha condotto un attacco feroce contro le posizioni dell’esercito siriano.

Per quanto riguarda la situazione ad Hammah, è stato riferito che scontri feroci sono avvenuti tra l’esercito siriano e i militanti, con l’opposizione che ha affermato che i combattenti hanno stabilito il controllo su un posto di controllo vicino alla Brigata 47. Nel frattempo, una fonte militare siriana ha detto che l’esercito siriano, insieme con i Comitati popolari, hanno respinto un attacco alla periferia della provincia di Hammah, uccidendo e ferendo decine di loro membri.

Spostandoci a nord della Siria, alcune fonti hanno affermato che l’ISIS ha fatto esplodere un’auto nei pressi di un sito appartenente alla “Unità di protezione del popolo curdo” ad al Sweida in provincia di al-Hasak. L’esplosione ha provocato la morte di 35 curdi e il ferimento di decine di persone. Tuttavia, fonti vicine all’ISIS hanno annunciato che l’organizzazione avanza nella zona denominata “Rajem al-Tufaihi”, approfittando della incapacità della coalizione di condurre raid aerei a causa della recente tempesta di sabbia nella regione. Inoltre, le fonti hanno rivelato che l’ISIS ha giustiziato 4 persone nella città di al-Bu Kamal nella provincia occidentale di Deir al-Zour, accusandoli di sequestro e vendita di organi umani.

dall’inviato Rim Al-Samman

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->