giovedì, Maggio 6

Siria, Isis accerchiato ma ancora combattivo

0

Continuano i combattimenti in Siria contro l’Isis. E’ di 15 persone uccise il bilancio di un bombardamento con mortai compiuto nella notte dai jihadisti su Dayr az Zor, località nell’est della Siria al confine con l’Iraq.

Secondo l’Ondus i mortai sparati dai miliziani hanno colpito il quartiere di Qusur. L’attacco è stato sferrato poco prima dell’inizio dell’iftar, il pasto che mette fine al digiuno durante il mese di Ramadan.

Da Roma l’inviato speciale del presidente Usa per la lotta al Califfato, Brett McGurk, ha sottolineato però che la Coalizione internazionale lancerà presto un attacco per liberare Raqqa, roccaforte dell’Isis in Siria e ha confermato che «stiamo sconfiggendo lo Stato Islamico a Mosul». McGurk ha ricordato che i militanti dell’Isis «sono ormai asserragliati in un’area di soli 4 kmq».

Nel frattempo il Consiglio dell’Unione Europea ha prolungato per un altro anno le sanzioni alla Siria, esattamente fino al giugno 2018. Una decisione, spiega la nota del Consiglio, «in linea con la Strategia Ue sulla Siria, secondo la quale la Ue manterrà le misure restrittive contro il regime siriano ed i suoi sostenitori finché continuerà la repressione dei civili».

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->