martedì, Settembre 21

Siria: esame tattico di Hezbollah

0
1 2


Hezbollah respinge ogni accusa di attentati rivolti contro la popolazione inerme, ribadendo di aver colpito con tali tattiche bersagli esclusivamente militari e non civili; inoltre si dissocia da qualsiasi atto terroristico di matrice sciita. Nonostante ciò le procedure di guerriglia del ‘Partito di Dio’ sono state con forza denunciate da Paesi come Israele e Stati Uniti.

Al di là delle visioni naturalmente differenti tra queste fazioni in costante lotta, non si può non constatare la superiorità dell’addestramento e della preparazione tattica dei miliziani sciiti della ‘Resistenza Islamica’ in confronto ad altre organizzazioni paramilitari sciite o sunnite. Sebbene la prima spinta espansionistica di Daesh e dei suoi alleati abbia messo seriamente in crisi le Forze regolari siriane negli scorsi mesi e abbia talvolta evidenziato i limiti oggettivi della difesa libanese e irachena, Hezbollah ha mostrato una grandissima capacità di compiere azioni belliche contro i suoi rivali dalla bandiera nera.

Non deve stupire tuttavia il fatto che il braccio armato del ‘Partito di Dio’ sia tanto efficiente: difatti, godendo di addestramento, di armi e di tattiche di stampo straniero, Hezbollah ha goduto molto dell’appoggio di Paesi dai governi filo-sciiti come Siria, Iran e Russia. Rischiando di cadere il primo, gli altri due hanno operato affinché ai combattenti sciiti in Siria non mancassero mai i necessari mezzi di sussistenza per continuare a difendere il precario potere di Assad. Hezbollah si è unito alla lotta, ricevendo rifornimenti e potendo godere di arsenali totalmente rinnovati in seguito all’intervento moscovita nel vicino-Oriente. Da ciò ne consegue che i miliziani del partito libanese abbiano notevolmente implementato le loro capacità tecnologiche, superando sotto molti aspetti le Forze regolari del Paese dei cedri, loro Patria.

Nonostante le nuove e sofisticate armi in dotazione, che galvanizzano i guerriglieri e preoccupano i vicini israeliani, Hezbollah nel corso della sua guerra in Siria ha contribuito ad addestrare le nuove reclute siriane, ha respinto moltissimi attacchi dei ribelli e ha inferto diverse perdite ai jihadisti sunniti, tuttavia non si è mai reso protagonista della conquista di rilevanti territori o dell’occupazione di qualche importante centro abitato. Da qui è facilmente individuabile il grande limite delle milizie di Hezbollah: abilissimi schermagliatori, le forze irregolari libanesi non riescono ad effettuare grandi avanzate lampo, rimanendo attestati su territori facilmente difendibili, ricchi di nascondigli e ostacoli.

Nonostante questi limiti oggettivi d’impiego, le milizie del ‘Partito di Dio’ hanno dato prova di una certa versatilità nell’alternare azioni di guerriglia a vere e proprie attività tattiche offensive e difensive di fanteria leggera. Oltre a ciò, la capacità di adattamento anche sul territorio di un Paese straniero fa dei miliziani sciiti un nemico davvero temibile dal punto di vista tattico per i combattenti salafiti, nettamente inferiori a loro per addestramento e armi. Hezbollah ha superato a pieni voti il suo esame in Siria.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->