martedì, Ottobre 19

Siria, abusi su donne da parte degli addetti agli aiuti umanitari La testata inglese 'Bbc' parla di una sorta di scambio di cui i favori sessuali delle donne sono la moneta

0

La pausa umanitaria annunciata dalla Russia in Siria, nell’enclave ribelle della Ghuta orientale, è durata ben poco. Attacchi aerei e lancio di razzi da parte delle forze governative hanno rotto dopo poche ore la tregua. A dirlo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che ha riferito di raid aerei, tra cui il lancio di due bombe-barili e di missili. I media governativi hanno accusato invece le forze ribelli di aver bombardato i corridoi umanitari aperti al fine di tenere i civili in ostaggio.

Intanto emerge, grazie ad un’inchiesta della ‘Bbc‘,  che in Siria si sono verificati diversi casi di donne sfruttate sessualmente da uomini addetti alla consegna e distribuzione degli aiuti umanitari. La testata giornalistica parla di una sorta di scambio di cui i favori sessuali delle donne sono la moneta. Nel rapporto sono stati forniti esempi di donne o ragazze che hanno persino sposato addetti delle agenzie umanitarie per un breve periodo di tempo «per fornire servizi sessuali in cambio di pasti»; distributori che chiedono numeri di telefono di donne e ragazze o concedono passaggi in auto a casa «per avere qualcosa in cambio».

(video tratto dal canale Youtube della Bbc)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->