venerdì, Settembre 24

Sinistra Italiana: io so

0
1 2


Io so.
Io so i nomi dei responsabili di quello che si potrebbe chiamareil suicidio politicodei comunisti in Italia (e che in realtà è una serie di ‘illusioni/autoillusioni & disillusioni’ allestita a sistema di protezione del Potere).

Io so i nomi dei responsabili del fallimento della Sinistra Arcobaleno del 2008.
Io so i nomi dei responsabili della scissione (ennesima) di Chianciano del 2009, da cui nacque SEL.
Io so i nomi dei responsabili del rapidissimo inaridirsi della corrente di protesta nota come Popolo Viola del 2010.
Io so i nomi dei responsabili della trasformazione in fattacci di ordine pubblico delle aurorali manifestazioni degli Indignati del 2011.
Io so i nomi dei responsabili dell’evaporazione della Federazione della Sinistra nel 2012.
Io so i nomi dei responsabili dell’aborto indotto alla Rivoluzione Civile del 2013.
Io so i nomi dei responsabili della condanna all’irrilevanza della Via Maestra, ancora del 2013.
Io so i nomi dei responsabili della morte in culla dell’Altra Europa, o Lista Tsipras, del 2014.
Io so i nomi dei responsabili dell’impalpabilità perenne della Coalizione Sociale dal 2015.

Io so i nomi dei responsabili del fallimento (ennesimo) cui sono andate incontro l’esperienza della Sinistra Italiana e, da essa inscindibili, le candidature a sindaco di Roma di Stefano Fassina (4% circa), di Torino di Giorgio Airaudo (3% circa), di Milano di Basilio Rizzo (3% circa), per esempio, nel 2016  -proprio ieri.

Io so i nomi dei responsabili dell’ulteriore emorragia di consensi dall’area ‘naturalmente’ anticapitalista verso proposte politiche intrinsecamente populiste come il Movimento5Stelle.

Io so i nomi dei responsabili dell’infinita, estenuante, velleitaria, gemmazione o prosecuzione di altre ancor più piccole e vane nicchie di dissenso politico, sociale, sindacale, territoriale, rispetto al Potere egemonico di classe, che drenano e ‘ibernano’ i residui scampoli di un antagonismo possibile.

Io so i nomi dei responsabili dello scadimento a ‘reducismo macchiettistico’, a ‘dirigismo burocratizzato’ o viceversa a ‘spontaneismo orizzontale’, delle idealità e delle pratiche comuniste che a dispetto di tutto quanto sopra, pure sopravvivono in qualche individuo o collettivo proletario, precario, marginalizzato.

Io so i nomi delverticeche ha manovrato per tutta questa lunga stagione; di quelli che ne sono usciti strada facendo per motivi anagrafici, di opportunità, di affidabilità; e di quelli che sono ad essi subentrati.

Io so i nomi di chi ha gestito ogni fase del periodo, apparentemente ondivago ma in realtà perfettamente conforme all’esigenza deltaglio dell’ala sinistra‘ rispetto alla scena politica nazionale, entro la più grande e profonda ristrutturazione capitalista globale della Storia contemporanea.

Io so i nomi e le rispettive motivazioni del gruppo di potenti, semi-potenti, sotto-potenti e organizzatori degli impotenti, che di volta in volta hanno prima indicato le condizioni apparenti per la creazione di una forza politica anticapitalista, o quantomeno costituzionalista in senso sostanziale (che in Italia, a Costituzione vigente, vuol quasi dire anticapitalista), e poi hanno affossato quella stessa ipotesi con le più varie modalità d’azione  -da ‘fuori’, da ‘dentro’, ‘di fatto’, ‘di diritto’- comunque infallibili, sempre implacabili salvo poi rendersi conto che un focolaio di ‘irregolari’ nasceva ancora altrove; e allora ricominciavano e ‘colonizzavano’ anche là.

Io so i nomi di coloro che, tra una riunione e l’altra, un appello e l’altro, una manifestazione e l’altra, hanno ricevuto disposizioni e a loro volta dato disposizioni perché -in ultima analisi- il blocco di potere che per decenni ha gestito a livello politico la vecchia Democrazia Cristiana, si riorganizzasse prima (e a lungo) intorno alle emanazioni politiche dell’impero mediatico berlusconiano, e poi alla più recente mutazione democristiana ossia al Partito Democratico renziano; questo, mentre la destra prima post-fascista, poi ‘folclorico-secessionista’ e adesso ‘sdoganatissimo’ mix di securitarismo, xenofobia, sovranismo e qualunquismo, attirava e imprigionava l’attenzione dell’opinione pubblica alle prese con la Grande Crisi.

Io so i nomi delle persone serie e importanti che stanno dietro alla strategia del ‘democìdio’, di quelle serie e importanti che la calano nella tattica, di quelle serie e importanti che operano concretamente per realizzarla.

 

Io so tutti questi nomi e so tutti questi fatti.

Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->