venerdì, Maggio 14

Singapore uber alles Nonostante l’alto costo della vita è prima tra 61 Nazioni per gli intervistati di una ricerca

0

singapore

Bangkok – In base ad una recente ricerca Singapore – tra le aree asiatiche – raggiunge la vetta tra le mete preferite per espatriare, seguita dalle Filippine. Nonostante il costo della vita locale sia alquanto elevato, coloro che sono espatriati in via più o meno definitiva nella Repubblica asiatica affermano di essere felici con un livello di auto sostenimento gradevole, con un buon livello di vita, di vita familiare, salute e altro. Circa i due terzi di coloro che hanno risposto alla ricerca hanno citato la stabilità politica come fattore attraente ed hanno affermato che il Paese è pacifico tra le risposte più comuni a sostegno del proprio parere.

Nel complesso, Singapore si è così ben collocata tra 61 Nazioni comprese nella ricerca con Ecuador, Lussemburgo e Amburgo che hanno conseguito le altre tre piazze successiveSvizzera e Stati Uniti si sono attestate al quarto e quinto posto rispettivamente, secondo il resoconto derivante dalla ricerca condotta nel 2014 da ‘Expat Insider, guidata da ‘InterNations’ che afferma di essere la prima comunità online a caratura internazionale per le persone che vogliono vivere e lavorare all’estero, via dalle proprie Nazioni di origine.

La Spagna si colloca al settimo posto, seguita dalle Filippine, dall’Australia, da Hong Kong nella lista delle primi dieci località descritte nell’indagine, realizzata e completata alla fine del mese di Giugno dell’anno in corso.

I risultati della ricerca si basano su descrizioni fatte da 14.000 espatriati distribuiti nelle 169 Nazioni e città prese in esame. Gli esiti finali sono stati poi pubblicati e sono riscontrabili sulla testata ‘Philippine Daily Inquirer del 13 ottobre. La testata è membro del quotidiano volontaristico appartenente al Gruppo Editoriale Asia News Network del quale è componente anche ‘The Straits Times come membro fondatore.

Il resoconto descrittivo giunge nello stesso momento in cui già numerosi altri sondaggi hanno sottolineato come Singapore s’attesti tra i più alti livelli raggiunti in termini di costo della vita.

Circa un intervistato su due contattato da ‘Standard Life afferma che gli alti salari degli espatriati non riescono a stare al passo con gli alti livelli di costo della vita nella Città Stato, secondo un report di Yahoo! News. Ma allo stesso tempo, l’80 per cento degli espatriati intervistati ha affermato di guadagnare di più rispetto al periodo in cui non viveva a Singapore ed il 70 per cento ha affermato che ha accumulato più denaro dopo essersi trasferito a Singapore. Standard Life è una compagnia assicurativa ed anche di investimenti con sede a Edimburgo. Il Gruppo ha anche intervistato 128 britannici ed europei espatriati a Singapore dove vivono e sono oggi compresi nella indagine conoscitiva completata a Giugno 2014.

La testata ‘The Economist’ posizionò Singapore tra i luoghi più costosi dove vivere nel suo numero di marzo. Nella ricerca ‘Expat Insiders’, Singapore è sesta in termini di Indice di Qualità della Vita con tre quarti (circa il 76 per cento) che descrivono la qualità delle cure mediche collocate tra buone e molto buone. La media finale totale è stata del 53 per cento. La città Stato si posiziona in alto anche in termini di mezzi di spostamento e trasporti (quarta posizione) e Salute e Sicurezza (quarta posizione).

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->