domenica, Agosto 1

Sindone 2015

0

La Sindone di Torino è quasi sicuramente l’oggetto più studiato e controverso al mondo. Il dibattito, anche aspro, prosegue da secoli, ma dalla fine dell’Ottocento ha assunto le forme di una discussione che, a dire di molti, a tratti, è imbarazzante’, per la scienza e per la religione. Quelli che sono stati definiti ‘fondamentalismi sindonici’, che percorrono, come una linea rossa, sia gli ‘autenticisti’ che i ‘non autenticisti’, hanno inquinato il percorso di studio e di conoscenza del Telo di Torino. Nel corso del XX secolo: leggende, palesi falsi, ricerca dello scoop a tutti i costi si sono mischiati alla ricerca storica e scientifica -in alcuni casi di vera eccellenza- fino a farne una indistinta paccottiglia.

Con ‘Sacra Sindone: l’Amore più grande’ inizia la pubblicazione di una serie di servizi giornalistici -alcuni dei quali a firma degli stessi protagonisti degli studi del Telo-, che confluiranno in uno ‘Speciale Sindone’, che hanno l’obiettivo di offrire al Lettore gli elementi per accrescere la conoscenza dell’oggetto, del lavoro di studio condotto nei decenni su tale oggetto, delle ipotesi sulle quali i ricercatori stanno lavorando, e distinguere chiaramente ifattidalleelaborazioni’ fantasiose.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->