mercoledì, Dicembre 1

Silver economy: demografia e opportunità

0
1 2 3


L’invecchiamento come opportunità anche economica. È l’analisi condotta dal think tank del Parlamento europeo dal titolo ‘The silver economy: Opportunities from ageing‘.  Il report traccia la problematica dal punto di vista politico e i dibattiti attivi sull’argomento nei Paesi dell’Unione, poi entra qui nel vivo della tematica dal punto di vista economico.
Un’UE che invecchia
La popolazione dell’UE sta invecchiando per via di una combinazione di longevità in aumento e basso tasso di natalità. La relazione sull’invecchiamento del 2015 prevede per gli uomini nell’UE un aumento della speranza di vita alla nascita di 7.1 anni, arrivando a 84.8 nel 2060, mentre per le donne dovrebbe essere di 6.0 anni, per arrivare a 89.1 nello stesso anno. Nella stessa relazione, il tasso di fertilità totale si prevede aumenti dall’1.59 nel 2013 all’1.76 entro il 2060 in tutta l’UE, una cifra che rimane comunque altamente al di sotto del tasso naturale di sostituzione di 2.1. Di conseguenza, si pensa che lUE passerà dallavere circa quattro persone in età attiva (1564) per ognuna che superi i 65 anni nel 2013 ad averne solo due nel 2060.
Maggiori opportunità per gli anziani
Un aumento della speranza di vita e il fatto di rappresentare una maggior fetta della popolazione dà un ruolo più importante agli anziani nella società e nelleconomia. Coloro che vogliono e sono capaci possono sperare in maggiori opportunità di far parte del mercato del lavoro per più tempo, aiutati anche da fattori come opzioni di pensionamento più flessibili, posti di lavoro più adatti, formazione permanente e sforzi per combattere la discriminazione legata alletà.
Le nuove tecnologie, come la terapia cellulare, il controllo sanitario, la prevenzione sanitaria e i veicoli senza conducente potrebbero aiutare gli anziani a continuare ad avere una vita attiva e sana, fatto che li porterebbe a essere parte del mercato del lavoro più a lungo. Queste innovazioni possono anche dar loro più potere e indipendenza nell’occuparsi della propria salute e nell’essere totalmente inclusi nella società, per esempio rendendoli capaci di continuar a vivere e viaggiare in modo autonomo. La tecnologia può anche migliorare la cura degli anziani nelle fasi successive della loro vita con innovazioni quali la teleassistenza o i robot di cura.
Crescita del mercato di beni e servizi per le persone anziane
Gli europei di oltre 65 anni hanno un potere dacquisto di oltre 3 000 miliardi di euro, secondo le stime della Commissione Europea, e questa fetta di mercato è in crescita. Un maggior numero di anziani favorirà anche l’aumento delle persone con difficoltà legate all’età e la crescita del mercato di beni e servizi dedicati a ridurre, gestire e rendere più sopportabili queste problematiche. Euromonitor prevede che il potere d’acquisto globale degli ultrasessantenni raggiunga i 15 000 miliardi di dollari nel 2020. In base al rapporto ‘L’economia d’argento nell’Europa sudoccidentale‘ del progetto SilverSUDEO, «con 420 miliardi di euro in Europa, il mercato per l’economia d’argento rappresenta l’inizio di un’importante sviluppo». In Francia, uno studio recente ha affermato che il 53% della domanda economica nel 2015 verrà dagli anziani (Fonte CRE‑DOC). In Germania, si stima che gli anziani abbiano un potere d’acquisto di 316 miliardi di euro.
Nuove tecnologie sviluppate per questi mercati possono ispirare le imprese di spicco del futuro e, di riflesso, favorire il successo della più ampia economia dell’UE. Per esempio, il progetto SilverSUDEO sottolinea il bisogno di segmentare il mercato e coinvolgere gli anziani nella creazione di prodotti e servizi a loro destinati. Offre esempi di Paesi quali Francia, Portogallo e Spagna per quanto riguarda i mercati di consumo degli anziani e degli sforzi per soddisfare i loro bisogni. Per esempio, «in Spagna, il mercato degli anziani include già il 41% del budget per il consumo alimentare». In Francia, il Progetto ICARE, che include un consorzio di soci interessati agli anziani, vuole mantenere l’autonomia delle persone a casa mano a mano che invecchiano; inoltre si proveranno le applicazioni per oltre 24 mesi in 2000 case francesi. Un rapporto dell’Associazione Americana dei pensionati mette in luce nove aree di opportunità per le società che vogliano dirigersi al mercato del consumatore anziano in campi quali l’idoneità fisica, l’assistenza e il controllo delle costanti vitali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->