sabato, Novembre 27

Shopping online, ecco le nuove regole della UE field_506ffb1d3dbe2

0

Siete dei fan dello shopping su internet? Bene, perché la Commissione europea ha presentato ieri un pacchetto di misure il cui obiettivo è «consentire ai consumatori e alle imprese di acquistare e vendere online prodotti e servizi in modo più semplice e sicuro in tutta l’Ue». Si tratta di tre proposte che puntano alla promozione del commercio elettronico contrastando la pratica del geoblocking e altre forme di discriminazione in base alla nazionalità o al luogo di residenza, oltre che a rendere meno costosa la consegna transfrontaliera dei pacchi e ad aumentare la trasparenza dei prezzi e migliorare la sorveglianza normativa.

In particolare sul geoblocking, in particolare, la Commissione propone norme per garantire che i consumatori che intendono acquistare prodotti e servizi in un altro Paese Ue, online o di persona, non siano discriminati: «Quando il consumatore entra in un negozio in un altro paese dell’UE, l’esercente non gli chiede i documenti per procedere alla vendita o per adattare di conseguenza i prezzi o le condizioni. Ma nel mondo online troppo spesso ai consumatori è impedito l’accesso a offerte in altri Paesi: essi sono ad esempio reindirizzati verso un sito web specifico per paese, oppure viene chiesto loro di pagare usando una carta di credito o di debito di un determinato paese. Tale discriminazione non è ammissibile nel mercato unico».

«L’iniziativa per contrastare il blocco geografico garantisce il giusto equilibrio tra l’interesse dei consumatori di effettuare acquisti online senza confini e il bisogno delle imprese di far riferimento a norme certe. Sono certo che il nostro approccio, che tiene nella giusta considerazione le specificità di certi settori, darà un fruttuoso slancio al commercio elettronico transfrontaliero nell’Ue», il commento di Günther Oettinger, Commissario responsabile per l’economia e la società digitali. «Vogliamo risolvere i problemi che impediscono ai consumatori e alle imprese di sfruttare appieno la possibilità di acquistare e vendere prodotti e servizi online», ha detto invece Andrus Ansip, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario per il Mercato unico digitale.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->