domenica, Settembre 26

Shopping alimentare online, gli italiani scoprono un nuovo modo di fare la spesa L’e-grocery favorisce un'ulteriore espansione di fatturato del settore alimentare, aumentando di conseguenza il valore azionario di quelle società quotate in Borsa verso cui si dirigono gli interessi di nuovi investitori

0

Durante i mesi di maggiore emergenza sanitaria che hanno costretto gli italiani a casa, la spesa alimentare online è letteralmente esplosa. I dati statistici forniti dai marketplace come Amazon indicano che la spesa online è aumentata del +5,436%, mentre secondo la ricerca Nielsen nella settimana di Pasqua l’acquisto di cibo online è aumentato del +178,1%. xChannel, elaborando i dati del Politecnico di Milano, ha messo in evidenza come da metà febbraio 2020 l’e-grocery è cresciuto a un ritmo medio settimanale del +119% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con punte del +217%. Una crescita esponenziale dettata chiaramente dall’esigenza dovuta alle misure di quarantena, tuttavia l’acquisto di cibo online è un trend in aumento da tempo: infatti, nel 2019 gli italiani hanno speso per questa voce un +43%, equivalente in termini monetari a 1,6 miliardi di euro secondo i dati della ricerca Netcomm realizzata in collaborazione con Tuttofood. Possiamo quindi dire che l’accelerazione dell’e-grocery di marzo e aprile è la conferma di una direzione presa da tempo, ma che ora coinvolge un numero di consumatori più ampio e a tutto beneficio di quelle imprese grandi e piccole che in questo settore lavorano, ma anche a favore degli investitori di Borsa che hanno nel proprio portafoglio titoli società del settore alimentare. Per questi ultimi si prospetta un nuovo scenario che potrebbe far lievitare il valore delle società del Food di cui possiedono titoli.

L’e-grocery e il valore del settore alimentare in Borsa

L’e-grocery favorisce un’ulteriore espansione di fatturato del settore alimentare, aumentando di conseguenza il valore azionario di quelle società quotate in Borsa verso cui si dirigono gli interessi di nuovi investitori, attratti dalle opportunità di guadagno ma anche dalla sicurezza di poter usare piattaforme di demo trading prima di fare investimenti reali. Gli account di demo trading sono l’anticamera del trading dal vivo e offrono la tranquillità di un ambiente sicuro dove i valori espressi sono quelli reali dei mercati finanziariL’attività finanziaria svolta dal neoinvestitore è simulata per consentire la piena comprensione dei meccanismi che sono alla base dell’attività di trading, inoltre favoriscono la valutazione della migliore strategia da applicare prima di prendere decisioni finanziarie. Prima di investire nel comparto alimentare sarà utile tenere in conto due aspetti dell’andamento dell’alimentare online. Il primo riguarda la situazione eccezionale nella quale molti consumatori si sono trovati tra marzo e aprile, che li ha spinti a fare acquisti online per oggettiva necessità: una riduzione degli acquisti web è quindi possibile. Il secondo aspetto, incoraggiante, riguarda i dati in tempi normali, i quali indicano una tendenza di fondo favorevole all’acquisto di cibo attraverso l’e-commerce: nel 2016, prendendo dati più storici, la crescita rispetto al 2015 è stata del 40% secondo i numeri dell’Osservatorio eCommerce B2c.

Avendo come punti d’orientamento questi due aspetti, quindi, l’investitore che desidera aggiungere al portafoglio finanziario il settore Food dovrà tenere conto anche dell’investimento in innovazione tecnologica fatta dalle società quotate in Borsa, volto a favorire nuove modalità d’acquisto della spesa che non appaiono essere meramente transitorie.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->