domenica, ottobre 21

Shampoo pericoloso? Gli errori da evitare quando si lavano i capelli Affidarsi a dei siti o negozi specializzati per acquistare solo ed esclusivamente i migliori prodotti, aiuta a prevenire tutti i possibili danni al cuoio capelluto e alla nostra salute

0

Probabilmente leggere una notizia di questo tipo può destare stupore ma, stando a quanto emerso grazie a una ricerca condotta dal Times, lo shampoo risulta essere pericoloso esattamente quanto i gas di scarico e, pertanto, influirebbe in maniera del tutto negativa sulla nostra salute.

Ecco, quindi, che è utile sapere quali accorgimenti prendere e quali errori evitare quando si utilizza questo prodotto.

A quanto pare, lo shampoo contiene delle micro-particelle che non risultano essere dannose solo ed esclusivamente per l’ambiente (cosa in alcuni casi già nota), ma anche per il cuoio capelluto. Infatti, alcune sostanza contenute in questo tipo di prodotti andrebbero a privare il nostro cuoio capelluto dagli oli naturali che lo proteggono, svolgendo un’azione sgrassante.

Ma non solo, infatti si rischia anche di andare a ostruire i pori che, quindi, non produrrebbero più le sostanze protettive della cute.

Lo studio in questione, per quanto importante, deve ancora essere debitamente approfondito anche se è preferibile iniziare da subito a prendere dei piccoli accorgimenti per evitare danni, soprattutto quelli alla nostra salute.

Quali sono questi trucchi che potrebbero impedire allo shampoo di danneggiare il nostro cuoio capelluto? Lo vediamo immediatamente nel dettaglio.

La prima regola da seguire è quella di non eccedere con il lavaggio dei capelli: non più di due o tre volte a settimana, così da andare a evitare il contatto troppo frequente dello shampoo con la cute. Come detto, uno dei danni maggiori è quello di andare a sgrassare troppo il cuoio capelluto ed è proprio quello che si deve evitare. Lavare i capelli troppo frequentemente, quindi, comporterebbe un danno per il capello, che rischierebbe anche di sfibrarsi.

Anche la temperatura dell’acqua è importante: non deve mai essere troppo calda, sempre per non aggredire troppo il capello. Una regola fondamentale, quando si effettua il lavaggio dei capelli, è quella di usare acqua a temperatura non troppo elevata e, soprattutto, fare un risciacquo freddo.

Altra regola molto importante è quella di non utilizzare molto shampoo: troppo prodotto non serve a lavare meglio! Utilizzare una gran quantità di shampoo, infatti, non solo aggredisce il capello e il cuoio capelluto, ma va anche a inquinare. Si deve sempre saper dosare la giusta quantità di prodotto e, soprattutto, si dovrà andare a diluirlo con l’acqua. Come? Ci si può aiutare con un praticissimo spargi-shampoo, ad esempio. Quanto se ne deve usare? Per il primo sciacquo si deve usare una quantità pari alla grandezza di una moneta da 2 euro, mentre per il secondo si deve utilizzare ancor meno prodotto. Non è poco e probabilmente non si vedrà la testa ricoperta di schiuma ma, quantomeno, non si arrecheranno danni ai capelli e alla salute!

Ma non basta! Infatti, è anche molto importante saper scegliere i prodotti per capelli giusti e di qualità.

Come ci conferma lo staff di Farmacosmo.it, lavarsi il capo con shampoo o balsamo di scarsa qualità, infatti, è estremamente deleterio, così come lo è anche acquistare dei trattamenti di dubbia formulazione.

Avere un occhio di riguardo per gli ingredienti di ciò che viene in contatto con il proprio cuoio capelluto è molto importante, perché aiuta a prevenire alcuni disastri e danni! Oggi come oggi, è possibile acquistare i migliori prodotti anche: in questo modo si ha sempre a propria disposizione una gamma vastissima tra cui scegliere.

Affidarsi, quindi, a dei siti o negozi specializzati per acquistare solo ed esclusivamente i migliori prodotti per capelli che ci sono sul mercato, aiuta a prevenire tutti i possibili danni al cuoio capelluto e alla nostra salute. Si tratta di un aspetto estremamente importante che, quindi, non può in alcun modo essere sottovalutato!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore