lunedì, Aprile 19

Sesso al telefono, valido strumento in tempi di lockdown? La complicità attraverso la cornetta aiuta la coppia e fa scoprire anche dei lati di ogni persona inimmaginabili

0

Sesso al telefono di coppia oppure con una linea erotica, sono strumenti validi durante il lockdown? I rapporti intimi sono sempre meno e la possibilità di stare insieme ad una persona anche: ma non manca la predisposizione e la voglia dar corso alla propria fantasia anche in un periodo storico non proprio positivo.

Sesso al telefono, i vantaggi

Da sempre quando una coppia è lontana o qualcuno ha voglia di dar sfogo alle proprie fantasie, il sesso al telefono è un’ottima alternativa. In effetti questa pratica nasce proprio con l’avvento del telefono, quando le persone si potevano vedere poco oppure per trovare una sorta di intimità ancora prima di poter avere degli attimi per sé dal vivo.

Oggi con la pandemia da Coronavirus e i vari lockdown, sembra di essere tornati indietro nel tempo ma con la consapevolezza che la tecnologia possa dare un valido aiuto a tutte quante le persone. Dai messaggi sino al telefono, fare sesso virtualmente offre innumerevoli vantaggi:

Si può scatenare la fantasia senza aver paura di essere giudicati
La timidezza scompare e si scoprono zone di piacere mai esplorate prima
Ci si fa guidare e si immaginano scenari che possono aiutare ancora di più al momento di piacere
Si crea una aspettativa per le coppie
Si crea un mondo soddisfacente per chi chiama la linea erotica
Offre un ventaglio esclusivo di tantissime possibilità per restare soddisfatti.
Come fare sesso al telefono di coppia?

Una coppia che è lontana per via del lockdown e non si può vedere, passa ore al telefono. Ma dopo una chiamata per raccontare i fatti della giornata, la voglia cresce così come la distanza. Se possibile, fare del sesso al telefono aiuta la coppia e fa scoprire anche dei lati di ogni persona inimmaginabili.

La complicità di un telefono, con le luci soffuse creando la location adatta, si trasforma in attimi di piacere intenso con il proprio partner.

La regola numero uno è senza dubbio quella di non avere timori o timidezza in generale: la persona dall’altra parte è il proprio partner, quindi consapevole di tutto. Ma la parte migliore è quella di poter dire cose che mai si sarebbe nemmeno pensato di poter raccontare.

È quindi il momento giusto per dar corso alle fantasie, sogni, voglie e andare ad esplorare zone che di norma non vengono nemmeno considerate. Il sesso al telefono di coppia aumenta l’intesa tra due persone, favorisce la complicità e sicuramente il desiderio di poter poi mettere in pratica tutto quello che si è detto al telefono.

Messaggi e videochiamate

I messaggi espliciti correlati da video possono essere uno strumento atto ad anticipare la telefonata con tutta quanta la procedura. Sia che si tratti del partner o meno, meglio sempre utilizzare degli strumenti che possono cancellare le foto/video senza poter effettuare il download per motivi di sicurezza.

I messaggi di testo accompagnati da una foto servono per aumentare il desiderio che poi viene raccontato durante la telefonata. Durante il lockdown ogni genere di fantasia è ben accetta, sempre per conoscersi meglio e toccare tasti che di solito (anche solo per mancanza di tempo) non vengono messi in evidenza.

Linee erotiche per momenti di intimità personale

Non tutti sono in coppia o conoscono qualcuno con la quale poter fare del sesso al telefono. Per questo motivo ci si può avvalere alle linee erotiche per dei momenti di intimità e per sfogare le proprie fantasie.

Proprio durante questi mesi di lockdown le chiamate ai numeri erotici hanno avuto un fortissimo aumento. Sono molti i siti specializzati che offrono questo servizio, il quale ha ovviamente visto un forte aumento per via dell’impossibilità delle persone di spostarsi liberamente. Non è solo dovuto alla solitudine ma anche al tempo ritrovato con la voglia di conoscere qualcuno per del sesso al telefono appagante, senza secondi fini e per andare a conoscersi meglio.

I professionisti del settore consigliano questo genere di pratica – che sia in coppia oppure avvalendosi dei servizi di linea erotica – anche per conoscere meglio il proprio corpo e i propri desideri.

Partendo dal fatto che ogni soggetto sia diverso da un altro, il sesso al telefono lavora con il cervello e la fantasia andando poi a sollecitare il corpo. Dall’altra parte della cornetta ci può essere il partner oppure una operatrice di call center erotico: quello che dice è lineare ai propri desideri? Cosa piace al corpo e cosa non desidera assolutamente?

Tastare il terreno in questo caso è doveroso, soprattutto in dei momenti come il lockdown dove si ha a che fare con se stessi dimenticando in parte il mondo intorno per un attimo. Riscoprire quindi i sensi, le voglie e le risposte di un corpo attraverso il sesso telefonico è molto importante.

Non tutte le risposte possono arrivare subito, ma piano piano si può capire sin dove si può arrivare e dove fermarsi. Il piacere deve quindi essere messo in correlazione con i propri bisogni primari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->