domenica, Maggio 9

Senato, ecco gli altri ‘furbetti delle missioni’ Adesso diamo anche la classifica dei Senatori specializzati nel ‘mettersi in missione’, elaborata da ‘L’Indro

0

Su ‘L’Indro’ abbiamo ineditamente avviato l’indagine sul possibile (forse probabile) abuso dell’‘autoinvio’ in missione da parte dei parlamentari. In ‘Parlamento e assenteismo: i ‘furbetti delle missioni’. ‘L’Indro’ fornisce la classifica dei Deputati specializzati nel ‘mettersi in missione’, nel precedente appuntamento de ‘il Contrappunto’ del 30 marzo 2016, abbiamo definito i contenuti e fornito i dati riguardanti per l’appunto la Camera. Nei due rami del Parlamento, con normativa interna sostanzialmente analoga, ci si può infatti far indicare in ‘missione’ con la conseguenza di rilevanti benefici sia politici (riguardanti il numero legale) che economici (concernenti l’integrazione economica della diaria). Oggi proseguiamo fornendo le percentuali del Senato, il cui Regolamento pure prevede missioni e congedi (regolati dall’articolo 62, comma 1). La facoltà di ‘mettersi in missione’ spetta prioritariamente ai componenti dell’Ufficio di Presidenza, ai Presidenti delle Commissioni parlamentari, ai Capigruppo, oltre che ai membri del Governo.

Per quanto riguarda questo ramo del parlamento pure si riscontrano curiose situazioni, visto che a volte anche chi dovrebbe più essere presente per l’incarico ricoperto ai vertici operativi del Senato stesso o dei Gruppi, tra assenze e missioni risulta stranamente svogliato frequentatore dell’Aula e dei suoi voti. Ogni caso va certamente esaminato singolarmente, ma di ‘coincidenze’ che incuriosiscono, e che ulteriormente approfondiremo, ne emergono diverse. Certo, l’ex Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi è in condizioni tali da non aver mai potuto prendere parte ai lavori in questa diciassettesima legislatura. Colpisce invece il ricorso assiduo a missioni (o congedi) da parte di alcuni suoi ‘colleghi’ Senatori a vita di nomina presidenziale. Va peraltro notato a favore della Camera Alta come a fronte di un plenum che è quasi esattamente la metà di quello della Camera dei Deputati (321 membri contro 630) i Senatori che risultano in missione per oltre il 20% delle votazioni (quelli che abbiamo preso in considerazione nella nostra tabella a seguire) siano solo 35 (tra cui cinque Senatori a vita su sei) contro ben 111 Deputati. Ed anche come le percentuali di missioni per ogni singolo eletto siano complessivamente più basse.

Questa la classifica elaborata da ‘L’Indro’ dei ‘supermissionari’ a partire dai dati di ‘Openpolis’, rintracciabili su www.openpolis.it con link interno ad ‘openparlamento’. Riguarda il Senato della Repubblica ed è riferita alle 12.822 votazioni avvenute in Aula dalla prima di inizio legislatura del 15 marzo 2013 a quella del 23 marzo 2016. Sono esaminati i Senatori attualmente in carica; alcuni sono subentrati, in ogni caso la valutazione percentuale è realizzata sull’effettivo periodo di mandato.

Elenco di componenti del Senato con ‘missioni’ superiori al venti per cento. Indicati gli attuali Gruppi di appartenenza.

 

Carlo Azeglio Ciampi Autonomie-PSI-MAIE (Senatore a vita-Ex Capo dello Stato) 100,00%

Renzo Piano Autonomie-PSI-MAIE (Senatore a vita) 94,71%

Mario Monti Misto (Senatore a vita) 76,73%

Giacomo Stucchi Lega 74,75%

Roberta Pinotti PD 70,64%

Simona Vicari AP (NCD-UDC) 63,21%

Filippo Bubbico PD 60,11%

Benedetto Della Vedova Misto 50,51%

Elena Cattaneo Autonomie-PSI-MAIE (Senatore a vita) 48,93%

Stefania Giannini PD 47,58%

Riccardo Nencini Autonomie-PSI-MAIE 47,29%

Gaetano Quagliariello GAL 46,47%

Cristina De Pietro Misto 44,42%

Antonio De Poli AP (NCD-UDC) 43,98%

Carlo Rubbia Autonomie-PSI-MAIE (Senatore a vita) 38,05%

Marco Minniti PD 37,74%

Giuseppe Esposito AP (NCD-UDC) 37,65%

Massimo Cassano AP (NCD-UDC) 37,12%

Fabiola Anitori AP (NCD-UDC) 33,30%

Felice Casson PD 32,79%

Angela D’Onghia GAL 32,40%

Andrea Olivero Autonomie-PSI-MAIE 31,74%

Claudio Fazzone FI 31,06%

Renato Guerino Turano PD 30,81%

Mario Mauro GAL 27,47%

Francesco Maria Amoruso ALA 24,48%

Alfredo Messina FI 23,84%

Bruno Marton M5S 23,55%

Bartolomeo Pepe GAL 22,97%

Paolo Corsini PD 22,88%

Adele Gambaro ALA 21,61%

Laura Bignami Misto (Movimento X) 21,39%

Francesco Giacobbe PD 20,75%

Vito Claudio Crimi M5S 20,46%

Luigi Compagna Conservatori e Riformisti 20,46%

 

Alcune considerazioni da questa nostra ‘inchiesta aggiuntiva’ sulla partecipazioni di Deputati e Senatori ai lavori delle Camere, incentrata sull’uso di ‘missioni’ e ‘congedi’ parlamentari, dopo i dati recentemente pubblicizzati della presenza complessiva ai lavori ed alle votazioni. Molte di queste ‘assenze per missione’ sono certamente reali, come già indicavamo. Risulterebbe però davvero utile, e forse anche doveroso visti certi ‘recordmen delle missioni’, se si decidesse di formalizzare e pubblicizzare i contenuti di queste ‘altre’ attività. E poi riflettere se per quanto riguarda i membri del Governo, e la giusta necessità di dedicarsi al loro specifico compito, non sia opportuno ragionare in prospettiva su una riforma riguardante i rapporti tra ruolo esecutivo e legislativo. A partire sia dall’ipotesi di una totale incompatibilità, oppure quantomeno dall’istituzione anche nel nostro ordinamento, come già in altri, di ‘parlamentari supplenti’ che ne svolgano le funzioni durante il periodo di mandato governativo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->