mercoledì, Ottobre 27

Semestre in rosso per Easyjet

0

La compagnia aerea inglese low-cost punta sull’arrivo dell’estate e sui vacanzieri per risollevarsi da questo semestre in rosso. Cruciali, gli attacchi terroristici a Sharm el-Sheikh, Parigi e Bruxelles, che hanno significativamente inciso sui conti. La solida domanda per destinazioni come la Spagna, il Portogallo, l’Italia e la Grecia ha spinto addirittura il vettore ad annunciare l’aumento dei dividendi. La compagnia ha calcolato perdite lorde per 20 milioni di sterline (circa 25 milioni di euro), nei sei mesi terminati al 31 marzo e la flessione maggiore della domanda è stata registrata dopo gli attentati di Parigi. Il risultato è comunque migliore delle attese degli analisti che si aspettavano.  I vertici del vettore sono, comunque, fiduciosi di recuperare la crescita dei passeggeri e del giro d’affari, «nonostante il settore stia diventando sempre più competitivo» spiega Carolyn Mccall, amministratore delegato della compagnia, convinto di recuperare terreno entro la fine dell’anno. Infatti, compagnie sempre più competitive, come Vueling e Ryanair, in forte espansione soprattutto negli aeroporti principali, frenano in modo significativo i guadagni di Easyjet.

Tuttavia, nonostante il semestre rosso, sul listino di Londra il titolo sale del 2,4%, anche perché il gruppo intende aumentare i dividendi portando il payout ratio al 50% dell’utile netto.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->