martedì, Maggio 11

Sei un freelancer? Ecco cinque servizi online che ti aiuteranno a gestire al meglio la tua attività! Strumenti utili, digitali e a basso costo, che aiutano ad ottimizzare le risorse e ad andare avanti con successo

0
Lavorare in proprio comporta molti aspetti positivi, come la maggiore libertà in fatto di orari, la possibilità di scegliere i propri collaboratori e la continua apertura verso nuove sfide e traguardi da raggiungere.
Accanto a tutti questi vantaggi, vi sono però anche alcune difficoltà: gestire un’attività in piena autonomia, cercare di far quadrare i conti’ ogni anno, mantenere un certo equilibrio tra carriera e vita privata.
Insomma, come puoi intuire, il lavoro freelance non è una scelta adatta a tutti. Per fortuna, oggi esistono strumenti utili, digitali e a basso costo, che aiutano ad ottimizzare le risorse e ad andare avanti con successo.
Quali sono? Ecco cinque servizi online di cui non potrai più fare a meno!
1. Slack
Slack è molto più di un semplice servizio di messaggistica: è uno strumento fondamentale per le aziende e i professionisti che necessitano di comunicare in tempo reale con più interlocutori.
Efficiente ed intuitivo, Slack è disponibile sia gratuitamente che nella versione a pagamento, con varie funzionalità extra da sperimentare.
2. Trello
A metà tra un calendario online ed una bacheca da riempire con etichette e post-it, Trello è uno strumento gestionale davvero prezioso, che aiuta a tenere traccia delle attività svolte (e di quelle ancora in corso) ed a pianificare i prossimi impegni nei minimi dettagli.
Tra gli aspetti più interessanti: la possibilità di creare infinite schede con formattazione e contenuti personalizzati e la versione per daltonici.
3. Fiscozen
Gestire le incombenze relative alla Partita IVA è un compito sgradito per un’ampia fetta di professionisti. Al tempo stesso, c’è chi ritiene eccessivo il compenso medio di un commercialista e, quindi, ricerca una soluzione ‘alternativaper contenere il più possibile il costo dell’assistenza fiscale.
Questa soluzione, oggi, si chiama Fiscozen: un portale che sostituisce in tutto la figura del consulenteconvenzionale’, proponendo un servizio economico e ‘all inclusive’ (dall’apertura della Partita IVA all’emissione delle fatture, dalla dichiarazione dei redditi al calcolo delle imposte).
4. Wordreference
Collaborare con aziende e brand esteri è un’esperienza che capita, ormai, sempre più frequentemente. Per facilitare la comunicazione e permettere, anche a chi non possiede particolari competenze linguistiche, di intrattenere rapporti lavorativi con committenti provenienti da altri Paesi, lo strumento più consigliato è Wordreference.
Wordreference offre un dizionario online molto ricco, grazie al quale è possibile effettuare rapide traduzioni dall’italiano all’inglese (e viceversa). Tuttavia, ciò che rende davvero unico questo servizio è la sua community pronta a rispondere ad eventuali dubbi e domande.
5. MyNoise
Chi lavora freelance sa bene quanto sia complicato riuscire a concentrarsi su una relazione, un articolo o un qualsiasi altro progetto, quando ci si trova in un luogo diverso dalla ‘solita’ postazione.
Per simili esigenze nasce MyNoise: un generatore di suoni naturali e sintetici (tra cui il ‘classico’ white noise, ideale per coprire le voci e i rumori in sottofondo), con tantissime opzioni per tutti i gusti.
MyNoise è completamente gratuito ed è accessibile sia dal PC, sia come applicazione per smartphone e tablet. Da provare senza indugio!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->