sabato, Ottobre 16

Scomparso il re delle fake news, Paul Horner E' giallo sulla causa della morte

0

Addio a Paul Horner, noto come “il re delle fake news” per aver diffuso sulla rete  vere e proprie ‘bufale’ durante le ultime presidenziali americane. Sarebbe morto a soli 38 anni in circostanze ancora da chiarire: il corpo del giovane sarebbe stato ritrovato nel letto della sua casa nei pressi di Phoenix, Arizona. Stando a quanto affermato dal portavoce dell’ Ufficio dello Sceriffo della Contea di Maricopa, Mark Casey, la morte sarebbe avvenuta 10 giorni fa, il 18 settembre. Non si tratterebbe di delitto e si attendono gli esiti degli esami tossicologici.  Non improbabile un abuso di farmaci.

Horner era divenuto famoso per le notizie false, diffuse tramite i social media. Numerosi coloro che hanno creduto nella veridicità delle sue “bufale”. Tra le più celebri: quella secondo cui l’ex presidente Barack Obama sarebbe musulmano radicale e gay.  Si era inoltre convinto che l’ elezione di Donald Trump fosse avvenuta grazie a lui.

C’era un grande genio dietro tanto lavoro, che spingeva idee che la gente pensava o voleva credere fossero vere“, sono state le parole del fratello di Honer, JJ che ha aggiunto “Penso volesse solo che le persone pensassero a se stesse e fossero credibili per le loro azioni”.

Nel video, un brano di una delle ultime interviste di Paul Horner alla CNN.

(Video tratto dal canale Youtube CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->