lunedì, Maggio 17

Scientology lancia il suo primo canale TV Fino ad oggi è stata oggetto di diversi documentari e trasmissioni d'inchiesta, ora lancia un suo prodotto per dire la propria verità

0

‘CIAO MONDO e saluti da Scientology Media Productions a Hollywood, CA! È il momento per noi di raccontare la nostra storia’. COn questo messaggio Scientology ha presentato il suo primo canale TV.

Se fino ad oggi la Chiesa di Scientology è stata oggetto di diversi documentari e trasmissioni d’inchiesta, sembra che l’organizzazione, che vanta tra i suoi adepti più celebri John Travolta e Tom Cruise, abbia deciso di mettersi in mostra in prima persona, senza filtri.

Il debutto è avvenuto lunedì 12 marzo, con un proprio network televisivo ed è disponibile su diverse piattaforme di streaming tra cui Google Play, DirecTv, Apple Tv, Fire Tv di Amazon e altri. La mossa non giunge inaspettata visto che nel 2016 aveva annunciato un suo studio di produzione, lo Scientology Media Productions. Mentre durante il SuperBowl 2018 del 4 febbraio, uno degli eventi più visti della stagione televisiva americana e i cui spazi pubblicitari sono carissimi, è andato in onda uno spot da 30 secondi che voleva appunto lanciare la nuova tv.

La Chiesa di Scientology dalla dottrina controversa è conosciuta per le numerose accuse di alcuni ex seguaci, che hanno parlato di abusi fisici ed emotivi, ricatti, intercettazioni telefoniche, omofobia, molestie e persino omicidi. Tanti altri libri e documentari hanno recentemente indagato su queste accuse e forse è proprio questo il motivo per cui la chiesa ora ha deciso di creare una propria rete TV, ossia per presentare un’immagine pubblica diversa da quella creata da chi li dipinge, secondo il loro parere, in maniera errata.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->