martedì, Luglio 27

Schwarzenegger vs Trump, lotta politica e di audience

0

Entrambi repubblicani, almeno di facciata, ma tra i due non scorre buon sangue. Parliamo di Donald Trump e Arnold Schwarzenegger. I due hanno infatti da tempo dato vita ad un botta e risposta a distanza abbastanza piccato. Il motivo del contendere la trasmissione ‘The Celebrity Apprentice‘, lo show in onda sulla Nbc, ideato e condotto dall’allora magnate.

Trump, a pochi mesi dall’insediamento, ha subito prodotto un tweet al veleno nei confronti dell’attore hollywoodiano che ora conduce il programma: «Wow, i dati dicono che Schwarzenegger viene distrutto nel confronto con Donald Trump. Un po’ poco per uno degli attori più famosi al mondo. Ma chi se ne frega, lui ha sostenuto Hillary e Kasich».  La risposta dell’attore non si è fatta attendere, con un video nel quale chiede scherzosamente di scambiarsi i ruoli.

Ma la vicenda è continuata, visti gli ascolti flop del programma. Quando c’era Trump anche punte di 21 milioni di spettatori, con Schwarzenegger una media di soli 4 milioni. E allora ecco che l’attore è sbottato: «Quando la gente ha scoperto che era ancora coinvolto come produttore esecutivo, e quindi percepiva ancora compensi, è cominciato il boicottaggio. Con il presidente ancora coinvolto nel programma, c’è poca voglia di partecipare, sia da parte del pubblico che da parte degli sponsor». E per questo ha mollato il reality.

Apriti cielo, riecco il confronto fra i due riaccendersi. Trump su Twitter: «Arnold Schwarzenegger non sta lasciando volontariamente the ‘Apprentice’, è stato licenziato per i suoi cattivi (patetici) indici d’ascolto, non per me. Triste fine di un grande show«. La risposta non si è fatta attendere: «Dovresti pensare a trovare un nuovo autore di barzellette e un ‘fact checker’». E chissà che il confronto non si sposti sul campo politico.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->