giovedì, Maggio 6

Scarafaggi cyborg? Il futuro è adesso

0

Esseri viventi sempre più simili ai cyborg? Controllare i movimenti attraverso dei sensori appositi sulla pelle e muovere altri ‘corpi’ come fossero dei burattini? Ebbene sì. Ci si sta lavorando da anni a Singapore, in particolare la Nanyang Technological University, con alcuni ricercatori che hanno trasformato degli scarafaggi viventi in cyborg, tramite il controllo elettrico delle loro funzioni motorie.

Dopo aver studiato la configurazione muscolare degli insetti, le reti neurali e il controllo delle zampe, i ricercatori sono riusciti a creare una centralina che ne riesce a controllare i movimenti. Praticamente gli uomini, con alcuni dispositivi, riescono a guidare gli scarafaggi, che diventano letteralmente delle macchine al pari quasi di un giocattolo, senza alcuna possibilità di poter controllare i propri movimenti in maniera autonoma. Anche se i muscoli sono guidati dagli insetti stessi, questi non hanno potere decisionale su come contrarli.

Inoltre, la trasformazione degli scarafaggi in robot sembra non avere conseguenze dannose per la loro salute: è stato confermato che la durata naturale è la stessa. Le applicazioni di questa tecnologia cyborg sugli scarafaggi? In particolare possono essere utilizzati in situazioni catastrofiche come i terremoti, per scovare e segnalare persone sotto le macerie grazie ai sensori di calore. Ma anche nell’ambito di un’indagine criminale per la lotta al terrorismo. I ricercatori parlano di studi per scopi pacifici. Ma sarà sempre così? Non ci sarà qualcuno che tenterà di controllare i movimenti di qualche animale più grande?

(video tratto dal canale Youtube di Motherboard)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->