lunedì, Maggio 10

Scambi Italia-Messico: +85% in dieci anni

0
1 2 3


Mexico CityLo scambio commerciale ItaliaMessico è cresciuto dell85% nel periodo che va dal 2004 al 2014, una stima media annua dell8,5% e le prospettive degli esperti indicano che questo trend positivo continuerà nei prossimi anni, favorito dal Trattato di Libero scambio (TLC) tra Messico e Unione Europea, dall’accordo sulla promozione e la protezione reciproca degli investimenti, dal quadro di cooperazione e da altri accordi sulla promozione turistica e sul trasporto aereo. Inoltre, i due Paesi sono membri di assemblee e organismi internazionali come il G20 e lOrganizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).
Il rapporto tra i due Paesi è molto migliorato negli ultimi dieci anni. Attualmente l’Italia è il nono tra i più grandi partner commerciali del Messico ed è al terzo posto tra i Paesi dell’UE. Al contrario, il Messico è il secondo partner italiano tra i più importanti in America Latina. Lo scambio commerciale è passato da 3,7 trilioni di dollari nel 2005 ai 6,8 trilioni di dollari nel 2014. Il risultato ottenuto è stato determinato dal forte aumento delle esportazioni messicane in Italia che sono aumentate dell’835%, sebbene anche i prodotti italiani abbiano mostrato un andamento positivo con un aumento del 49%. Nel 2013 è stato raggiunto il flusso commerciale più alto ma c’è stato un calo marginale nel 2014“, ha spiegato Patricia Krause, economista di Coface per l’America Latina.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->