sabato, Aprile 17

“Sarò ora libera dopo l’uscita di Vanity Fair”

0

Caitlyn Jenner, finora conosciuta come Bruce, ex campione olimpico, ex patrigno di Kim Kardashian, si  presenta al mondo per la prima volta sulla copertina della rivista americana di ‘Vanity Fair con i capelli lunghi, finalmente sciolti e dice di sentirsi finalmente libera ora. La donna ha accettato di farsi ritrarre dopo la transizione da uomo a donna che aveva annunciato ad aprile in Tv. Un’immagine che ha fatto il giro della rete, così come il nuovo profilo Twitter di Caitlyn, che ha raggiunto un milione di follower più in fretta di chiunque altro nella storia del social network, persino di Obama.

Nell’intervista, Caitlyn racconta l’operazione di femminilizzazione dei tratti del viso, durata dieci ore, e l’attacco di panico che l’ha colpita il giorno seguente, oltre al rimorso per come poteva essere interpretato dalla gente quello che aveva fatto, cosa  che si ripeva ossessivamente ogni giorno. Pensiero che, però, è svanito in fretta perché come lei stessa ammette ora «Se mi fossi trovata sul letto di morte con questo segreto, senza aver mai fatto nulla al riguardo, sarei rimasta lì a dirmi: che avevo rovinato tutta la tua vita, fatto che non volevo che succedesse».

Con il suo coming out, Caitlyn ha potuto anche recuperare il rapporto con i quattro figli Burt, Cassandra, Brandon e Brody, avuti dalle prime due mogli, per i quali era stata un genitore assente. Cassie, in particolare, ha cominciato a partecipare alle serate «tra donne» organizzate da Jenner per prendere confidenza con la sua nuova identità. Lì, hanno potuto imparare a conoscersi di nuovo, a parlare come non avevano mai fatto prima. «Spero che Caitlyn sarà una persona migliore di Bruce. Non vedo l’ora», ha commentato Burt.

Caitlyn sta lavorando a una serie di documentari che andrà in onda quest’estate che racconteranno la sua transizione, non fatta per ottenere soldi ma per «aiutare me stessa e gli altri», tanto che parlerà anche di come si può diminuire il tasso di suicidi nella comunità transgender. Nel video di backstage del servizio della rivista, aggiunge: «Bruce ha dovuto raccontare tutto il tempo una bugia, ogni giorno. Ha avuto sempre un segreto, dalla mattina alla sera. Caitlyn non ha segreti. Non appena sarà in stampa questo numero di Vanity Fair, sarò libera».

(tratto dalla sezione video del sito di ‘The Guardian‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->