martedì, Settembre 21

Sanremo, Tozzi: dal '66 non ti conosco

0
1 2 3 4


Perché tornare a fare musica a 71 anni?

Proprio perché ho ritrovato questa canzone, ‘Le donne sole’. Tutti gli addetti ai lavori sono contenti di questa canzone, ascoltandola si capisce che ha un testo attualissimo, parla delle donne che arrivano anche dai Paesi africani, quelle donne sole. E’ una un testo che fa capire le condizioni della donna adesso, quindi è totalmente attuale. In più, alla mia età lo posso cantare, un ragazzino di vent’anni questa canzone non l’avrebbe mai potuta cantare.

 

Non ha pensato di ripartire proprio da Sanremo?

Stendiamo un velo pietoso [ride]. Io ho provato a presentarla l’anno scorso. Il mio manager ha mandato il provino, però, non se n’è fatto niente. Non ho mai incontrato Carlo Conti, in tutta la mia carriera. Ho conosciuto un sacco di persone, però con lui credo non ci sia feeling, il perché non l’ho capito, e me lo chiedo pure io. Come mai, per esempio, alla sua trasmissione ‘I migliori anni’, dove sono passati tutti i cantanti degli anni ’60proprio tutti eh, anche quelli che non so da dove arrivavano [ride]- lui non mi ha mai chiamato. Si vede che si è dimenticato di me. Ma tutti ci sono andati! Va beh!

 

Com’è cambiato nel tempo il modo di fare musica?

Una volta i cantanti bravi uscivano dal Festival di Castrocaro, da altri festival dove si cantava veramente. Adesso questi ragazzi dei talent vanno in televisione e devono essere veramente ben ben istruiti, non devono solo cantare, devono anche fare spettacolo. Hanno veramente una marcia in più rispetto a noi. Su questo sono sicuro, però sono pochi quelli che dopo riescono a uscire e a fare di quello che gli piace veramente un lavoro. Il problema è che tanti -come sempre- avranno delle delle grosse delusioni: come cantava Morandi ‘Uno su mille ce la fa’.

 

Secondo lei, Umberto tornerebbe mai al Festival?

Umberto è un cantante internazionale. E quindi non ha bisogno del Festival di Sanremo. Lui sa cosa fare. Ha avuto la possibilità di poter lavorare con grandi artisti, grandi musicisti, grandi arrangiatori, per cui sa cosa scegliere e sa come muoversi.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->