lunedì, Giugno 21

Sanità: il sostegno UE field_506ffb1d3dbe2

0

vietnam:hospital

Bangkok – L’Unione Europea ha fornito sostegno al settore della Salute del Vietnam per più di 20 anni ed ora intende continuare a sostenerlo per almeno altri tre anni sotto forma di aiuti bilaterali, ha confermato Franz Jessen, Ambasciatore e Capo della Delegazione UE in Vietnam.

Intervenendo ad una due giorni di workshop per approfondire ed analizzare i cinque anni  del Progetto Sostegno alla Capacità nel Settore Sanità HSCSP  fondato dall’Unione Europea e che è stato aperto ad Hanoi nella giornata di ieri, l’Ambasciatore ha aggiunto: «Ci aspettiamo che ad Ottobre o Novembre nell’arco di quest’anno si passerà a siglare un’operazione ancora più grande di 114 milioni di euro (148 milioni di Dollari USA) nella speranza di migliorare la qualità delle cure medico-sanitarie nelle Provincie povere del Vietnam».

Il Progetto Sostegno alla Capacità nel Settore Sanità HSCSP è un ulteriore contributo dell’Unione Europea ai programmi di sostegno al Ministero della Salute ed alla sua capacità istituzionale finalizzata ad una più forte governance nel settore sanitario oltre che alla qualità dei servizi sanitari offerti.

Il programma è stato progettato per sorreggere le riforme governative nel management del settore creando la strada per un approccio programmatico per la cooperazione tra il Ministero della Salute e l’Unione Europea e lo sviluppo dei partners interessati.

Il programma si concentra sul disegnare, pilotare e testare l’apparato delle riforme che saranno intraprese dal Ministero e dai Dipartimenti vicini alle tematiche inerenti la gestione della Sanità nelle province di Bac Ninh, Bac Giang e Ha Nam mentre si provvede anche alla condivisione delle informazioni con 15 Provincie partners.

«Il Progetto Sostegno alla Capacità nel Settore Sanità HSCSP fondato dall’Unione Europea è uno dei sostegni tecnici e progettuali più recenti nel periodo di transizione teso a stabilizzare la gestione del budget», ha chiosato il Ministro per la Salute Nguyen Thi Kim Tien.

« Il Progetto è teso a sostenere importanti riforme nel settore della Salute verso i più generali obbiettivi della crescita e del miglioramento dello stato di salute della gente in Vietnam, specialmente coloro che sono in condizioni di povertà o vicino allo stato di povertà, come contributo alla riduzione della povertà stessa e per l’ottenimento degli Scopi di Sviluppo del Millennio».

In cinque anni di implementazione del Programma sono stati sostenuti e incoraggiati risultati ed il Ministero della Salute oggi pianifica di replicare questo modello su scala nazionale.

«Con il focalizzarsi del settore Salute sulle riforme per rinnovare il management del comparto sanitario al fine di raggiungere un correlative miglioramento della qualità del servizio offerto, specialmente la qualità delle cure mediche a livello locale, il sostegno della Comunità Europea è un valido contributo negli sforzi per rafforzare la qualità dei servizi ed espandere un accesso egualitario ai servizi sanitari per tutta la popolazione del Vietnam».

Al workshop i leader della Commissione del Popolo delle tre Provincie dove il programma è stato assegnato hanno apposto le firme per mantenere la sostenibilità dei suoi risultati.

Nei decenni trascorsi, il Vietnam ha visto una rapida riduzione del livello di povertà. I dati messi a disposizione dalla Ricerca sugli  Standard di Vita in Vietnam VLSS e dalla Ricerca sulla Qualità della Domesticità in  Vietnam VHLSS  condotte dall’Ufficio Statistiche Generali in anni come il 1993, il 1998, il 2002 ed il 2004 mostrano la curva di discesa della povertà di circa due terzi dal 58 per cento del 1993 fino al 20 per cento nel 2004. Il che è dimostrativo della efficacia delle misure intraprese dal Governo centrale nella lotta strenua alla povertà nelle sue varie forme. Questi successi, però, sono stati finora conseguiti generalmente senza una equa ripartizione per i vari settori sociali così che non è stato finora possibile bilanciare le misure di intervento e distribuzione della ricchezza così come degli altri servizi sociali, non è stato possibile definire i target precisi di azione e rispettare gli standard internazionali.

Ecco perché oggi si reitera nell’auspicarsi un’ulteriore e progressiva riduzione della povertà per meglio focalizzare pesi e misure nella distribuzione delle cure mediche del comparto sanitario pubblico. Sono in realtà numerosi i programmi in essere ed applicati in Vietnam, al giorno d’oggi, in tal senso e che vanno a coprire e interessare vari settori della vita civile. Allo stesso tempo, sono altrettanto numerose le valutazioni che vengono effettuate, a margine di tali programmi, per meglio individuare le forme di più equa distribuzione di risorse e servizi. Nel recente passato, le forme di individuazione delle vie per accedere al raggiungimento degli standard applicativi erano alquanto claudicanti e risultava alquanto complicato individuare le aree e la collocazione della povertà nel tessuto sociale vietnamita. Per gli studiosi di Scienze Sociali ma soprattutto per i pianificatori, proprio perché si assiste ad un progressivo diminuire delle quote e dei livelli di povertà, la individuazione chiara e netta dei target di intervento diventa una sfida ancora più forte da affrontare.

Il Governo, certo, non s’è preoccupato di mostrarsi entusiasta nel ricercare le sempre più rinnovate vie per ridurre la povertà e non si può certo biasimarlo per questo. Da questo punto di vista, negli ultimi anni, gli sforzi maggiori sono stati intrapresi per testare e verificare un obbiettivo primario: la metodologia di individuazione delle piccole aree di valutazione statistica e la produzione più estesa di mappe sempre più disaggregate della povertà lungo il territorio nazionale. La metodologia della valutazione su base calcolata per le piccole aree è oggi un modo di procedere considerato acquisito tra gli studiosi ed i pianificatori e varie agenzie governative hanno mostrato altrettanto entusiasmo e desiderio di applicarle sempre con il fine di ridurre la povertà sia nelle sedi e nelle Provincie periferiche sia nel cuore stesso della Nazione e delle aree a più forte inurbazione in Vietnam.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->