lunedì, Maggio 16

Samantha Cristoforetti non comanderà la Stazione Spaziale Non sarà capo della missione n.68, contrariamente a quanto programmato perché il piano di volo della ISS è stato recentemente modificato, anticipando la data dell'avvicendamento tra gli equipaggi Crew-4 e Crew-5

0

Giunge oggi la notizia che Samantha Cristoforetti non sarà capo della missione n.68, contrariamente a quanto programmato. Ne dà notizia l’Agenzia Spaziale Europea.

A maggio 2021 l’ESA aveva annunciato che la Cristoforetti, specialista di missione dell’equipaggio Dragon Crew-4, sarebbe stata comandante della Spedizione 68a. Come parte della normale attività di programmazione , il piano di volo della ISS è stato recentemente modificato, anticipando la data dell’avvicendamento tra gli equipaggi Crew-4 e Crew-5. Con questa modifica, la missione dell’equipaggio Crew-4 è accorciata e la spedizione 68a comincerà dopo la partenza di Samantha Cristoforetti dalla ISS. Per tutto il periodo che trascorrerà a bordo,l’astronauta italiana avrà il ruolo di leader del Segmento Orbitale Americano (USOS), che comprende i moduli e i componenti americani, europei, giapponesi e canadesi della Stazione Spaziale.

Le opportunità di volo e i ruoli a bordo della Stazione Spaziale Internazionale vengono assegnati ai membri dell’equipaggio dal Multilateral Crew Operations Panel (MCOP), costituito dai rappresentanti di ESA, NASA, Roscosmos, l’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale JAXA e Agenzia spaziale canadese CSA. L’ESA è rappresentata dal Capo del Centro Astronauti Europeo Frank De Winne. Secondo Frank De Winne, non è raro che il piano di volo venga modificato dato che il traffico della Stazione Spaziale Internazionale deve essere attentamente coordinato in base alle esigenze operative. «Questo significa che Samantha Cristoforetti non sarà più comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ma il Panel conferma la sua fiducia in lei come leader. Continuerà a essere completamente addestrata per la posizione di comandante ed è inteso che, nel caso in cui il piano di volo dovesse tornare a quello iniziale, Samantha assumerebbe questo ruolo». Samantha Cristoforetti ha commentato così il cambiamento di piani: «Come membri dell’equipaggio, siamo pronti a dare il nostro contributo come necessario. È un onore per me essere a capo dello USOS, e questo ruolo comprende la maggior parte dei compiti che avrei assunto come comandante. Riconosco tuttavia che molte persone in Europa, in particolare molte donne, hanno tratto ispirazione dalla prospettiva di avere la prima donna europea comandante dell’ISS. Mi rammarico che questo non accadrà durante la mia missione, ma stiamo selezionando una nuova classe di astronauti e astronaute e sono certa che questa comprenderà donne molto preparate e determinate che saranno pronte, in un futuro non così lontano, ad assumere ruoli di leadership».

Il Direttore dell’Esplorazione Umana e Robotica dell’ESA, David Parker, afferma che la nomina di Samantha Cristoforetti a capo dell’USOS è una conferma delle qualità che porta con sé sulla Stazione Spaziale. «Come astronauta al secondo volo e leader competente, la conoscenza, l’atteggiamento sereno e la precedente esperienza di Samantha Cristoforetti in orbita sono una vera risorsa per l’equipaggio. È un’eccellente figura di riferimento per coloro che attualmente partecipano al processo di selezione degli astronauti dell’ESA, in particolare per le nostre candidate, che desiderano rappresentare l’Europa nello spazio».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->