lunedì, Ottobre 18

Sachs: ‘Gerusalemme capitale, Iran finanzia il terrorismo” Russia: lascia ultimo sindaco anti-Putin. Turchia a Venezuela, 'sosteniamo amici'

0

In Germania, il tribunale dello Schleswig Holstein ha respinto la richiesta della procura, che rappresenta gli interessi della Spagna, di rimettere in detenzione fino al termine della procedura di estradizione il presidente catalano deposto Carles Puigdemont.

Passiamo alla Thailandia, dove una protesta di circa 200 persone contro la giunta militare a Bangkok, nel giorno del quarto anniversario del colpo di stato, è stata dispersa con l’arresto di alcuni leader studenteschi. I manifestanti non hanno potuto raggiungere la sede del governo e per questo è scattata la violenza.

In Afghanistan invece almeno 21 agenti di polizia sono morti la notte scorsa nel corso di diversi attacchi. Il bilancio più pesante si è registrato nel distretto di Dih Yak, dove sono morti almeno 14 poliziotti, incluso il capo della polizia locale. Stamane invece un’autobomba è esplosa a Kandahar City, causando la morte di 16 persone ed il ferimento di altre 36.

Lo Zimbabwe ha richiesto di tornare a fare parte del Commonwealth, dopo aver lasciato l’organizzazione 15 anni fa. La richiesta di Harare è stata presentata dall’attuale Presidente Emmerson Mnangagwa e accolta con entusiasmo dal ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson.

Chiudiamo con la Francia, dove il presidente Emmanuel Macron ha presentato un nuovo piano per il rilancio delle periferie e per riconfigurare i quartieri difficili. Tra le proposte annunciate, aiutare i giovani di banlieue a trovare uno stage già dall’adolescenza, ma anche un piano per l’istruzione, la salute e la sicurezza. Intanto oggi son socesi in piazza a Parigi, per la terza volta in un anno, gli statali, contrari alle misure previste dal governo per riformare il settore. Una prova generale in vista di sabato, quando i sindacati per una volta uniti, e diversi partiti, parteciperanno ad un corteo che coinvolgerà tutti gli oppositori alla politica di Macron.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->