giovedì, Dicembre 9

Sa màrcia nostra sighit

0

Sa die de su 13 de cabudanni in Cabu Frasca at a abarrare pro tempus meda in s’ammentu e in su coro nostros. Dae sos càrculos fatos, prus de deghe mìgia sardos, arribados a manera ispontànea dae onni angrone de s’ìsula, ant isseberadu de nàrrere bastat a sos bombardamentos e a sos giogos de gherra chi oramai dae sessanta annos sunt bisestrende a cara manna su territòriu nostru, annientende cale si siat possibilidade de isvilupu.
Cussa de sàbadu 13 de cabudanni, a dispetu de su fàghere cumbessu de calicunu chi at chircadu de marcare “sa manifestada” petzi che fenòmenu antimilitarista, at a èssere mentovada comente una segherada natzionale.
Ca in Sardigna, galu a dies de oe, in su 2014, benint catzigados sena piedade sos deretos a fundamentu de sa tzitadinàntzia; su deretu a sa salude, su deretu a sa mobilidade. Su deretu de pòdere sebestare cun profetu su benidore nostru. Eris totus sos sardos ant cumpresu su ligàmene istrintu e tosconosu intre sos polìgonos e su suta-isvilupu, intre isperimentatziones bèllicas e ispopulamentu de su territòriu; sos sardos ant cumpresu chi semus su territòriu prus militarizadu e bombardadu de Europa. Ant atuadu chi pro s’Itàlia sa natzione sarda est una terra sacrificàbile.
Ma sa “Màrcia de sa Terra” nostra contra sas tzerachias militares non podet acabbare cun una manifestada, mancari cumpartzida dae medas.
Custu est petzi su primu passu.
Mudare disinnos e bisura polìtica si podet e si depet fàghere, ca cun s’istadu italianu nos amus a dèpere cunfrontare a mala bògia e no at a bastare a nàrrere petzi chi nono a sas tzerachias. S’ant a dèpere apostivigare fundamentas e làcanas vinculantes pro pòdere printzipiare su cunfrontu istitutzionale.
Tres puntos: dismìtere de su totu sos polìgonos de Cabu Frasca, Teulada e Chirra; bonificare in deretura in terra e in mare; ricunversione econòmica.
Sunt custas sas cunditziones chi ant a dèpere èssere cumpartzidas dae su guvernu de Roma puru, paris amus a tratare tempos e maneras pro pònnere in atu custu pianu.
Nointames connoschimus bene su tràgiu dipendentista de su cussìgiu regionale de oe, legitimadu dae una lege eletorale trampista chi nch’at lassadu fora de su parlamentu sardu pròpiu cussas fortzas riformistas e annoadoras, capassas de regollere mìgias de botos. Pro dare boghe a totu sos isetos de sas comunidades nostras, pro sighire cun s’ispìritu de sa manifestada de Cabu Frasca, penso chi non si podet prus trantzire s’ativatzione de una prataforma natzionale a tretu de mantènnere unidos sugetos diferentes chi abbàidant a sos problemas de sa terra nostra cun su matessi aficu. Una mirada atinada e annoadora, de liberatzione dae sas tzerachias, una mirada natzionale chi punnat a sos bisòngios de su pòpulu sardu, capassa de definire istrategias pro como e pro su benidore, chi iscant pònnere su fundamentu pro fraigare una Sardigna giusta, lìbera e bundante.

Una prataforma natzionale duncas chi aunat, chi produat sinergias subra unas cantas chistiones cumpartzidas de importu. Una prataforma aberta, laica, plurale, capassa de truncare sas cadenas de sa dipendèntzia culturale, polìtica e econòmica. Sa Sardigna e sos sardos si isetant de mudare passu in custu momentu istòricu. Unu passu capassu de detare tempos e temas noos pro s’atzione polìtica colletiva de su cambiamentu. Sebestamus sos temas cumpartzidos ue cuncordant sas positziones e subra de custos mustramus sa maturidade polìtica abarrende paris e cumpartzende atziones e istrategias. Damus a sos sardos sa possibilidade de crèere torra in protzessos de cambiamentu reales. Mustramus de èssere capassos e unidos che a su pòpulu iscotzesu o su pòpulu catalanu.
Petzi gosi amus a pòdere iscrìere un’istòria noa, petzi gosi amus a pòdere sestare un’alternativa natzionale de guvernu.

La giornata del 13 settembre a Capo Frasca rimarrà a lungo impressa nella nostra mente e nei nostri cuori. Secondo le stime, oltre diecimila cittadini sardi arrivati spontaneamente da ogni angolo dell’isola hanno scelto di dire basta ai bombardamenti e ai giochi di guerra che ormai da sessanta anni devastano impunemente il nostro territorio, annichilendo ogni possibilità di sviluppo. Quella di sabato 13 settembre, malgrado il goffo tentativo di alcuni di voler connotare la “manifestada” esclusivamente come un fenomeno antimilitarista, passerà invece alla storia come una grandiosa presa di coscienza nazionale. Perché in Sardegna, ancora oggi, nel 2014, vengono sistematicamente e brutalmente calpestati i più elementari diritti di cittadinanza: il diritto al lavoro, il diritto alla salute, il diritto alla mobilità. Il diritto alla “scelta” di poter determinare positivamente il nostro futuro. Ieri i sardi tutti hanno capito la correlazione diretta e nefasta tra poligoni e sottosviluppo, tra le sperimentazioni belliche e spopolamento del territorio; i sardi hanno capito che siamo il territorio più militarizzato e bombardato d’Europa. Hanno realizzato che per l’Italia la nazione sarda è una terra sacrificabile.

Ma la nostra “Marcia della Terra” contro le servitù non può finire con una manifestazione, seppur partecipata. Questo è solo il primo passo.
Cambiare strategie e atteggiamento politico si può e si deve, perché con lo stato italiano ci dovremo necessariamente confrontare e non basterà semplicemente dire no alle servitù. Servirà porre le basi e i paletti imprescindibili su cui intavolare il confronto istituzionale. Tre punti: dismissione totale dei poligoni di Capo Frasca, Teulada e Quirra; bonifiche immediate a terra come a mare e riconversione economica. Sono queste le condizioni che dovranno essere condivise anche dal governo di Roma con cui assieme tratteremo tempi e modi per la messa in atto di questo piano.

Tuttavia conosciamo bene il carattere dipendentista dell’attuale consiglio regionale legittimato da una legge elettorale truffaldina che ha tenuto fuori dal parlamento sardo proprio quelle forze riformiste e innovatrici capaci di raccogliere decine di migliaia di voti.
Per dare voce alle tante aspettative delle nostre comunità, per proseguire con lo spirito della manifestazione di Capo Frasca, ritengo fondamentale l’attivazione di una piattaforma nazionale in grado di tenere assieme soggetti differenti che guardano ai problemi della nostra terra con la stessa prospettiva. Uno sguardo cosciente e innovativo, di liberazione dalle servitù, uno sguardo nazionale rivolto agli interessi del popolo sardo, capace di definire strategie di breve, medio e lungo periodo, che sappiano porre le basi per la costruzione di una Sardegna giusta, libera e prospera. Una piattaforma nazionale quindi che tenga assieme, che crei sinergie su alcuni temi di rilievo condivisi. Una piattaforma aperta, laica, plurale, capace di rompere le catene della dipendenza culturale, politica ed economica. La Sardegna e i sardi si aspettano un cambio di passo importante in questo momento storico. Un passo capace di dettare tempi e temi nuovi all’azione politica collettiva delle forze del cambiamento.
Individuiamo i temi condivisi su cui le posizioni concordano e su questi dimostriamo maturità politica stando assieme e condividendo azioni e strategie. Diamo ai sardi la possibilità di credere nuovamente in processi di cambiamento reali. Dimostriamo di non essere meno capaci e meno uniti del popolo scozzese o del popolo catalano. Solo così potremo scrivere una nuova storia, solo così potremo dar forma ad una alternativa nazionale di governo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->