venerdì, Agosto 19

S-400, la ‘spada di Damocle’ russa tra USA e India ‘Sanzioni CAATSA a New Delhi o no?’ è questo il dilemma di Washington che, a fronte dell’acquisizione indiana del sistema di difesa russo, deve fare i conti con le sue priorità strategiche

0
Tira dritto l’India nell’acquisizione del controverso sistema di difesa anti-missilistico terra-aria S-400, di cui la Russia – ha annunciato, a margine del Dubai AirShow, Dmitry Shugaev, direttore del Servizio federale russo per la cooperazione tecnico-militare (FSMTC) – ha iniziato la consegna programmata che terminerà entro la fine del 2021.
Nell’ottobre 2018, New Delhi ha firmato l’accordo da 5,43 miliardi di dollari (40.000 crore di rupie) con Mosca per cinque squadroni da consegnare entro i successivi cinque anni. Nel mese di ottobre, il capo dell’Indian Air Force (IAF), Air Chief Marshal (ACM) V.R. Chaudhari, ha commentato che “il primo reggimento dovrebbe essere insediato entro quest’anno”. Le consegne, non previste in questi tempi, sembrano essere state accelerate in vista della visita del Presidente russo Vladimir Putin in India e dell’incontro al vertice con il Primo Ministro Narendra Modi di queste ore.
Dopo che le consegne saranno completate, saranno assemblate per “prove di accettazione” alla presenza di funzionari e specialisti russi che – secondo Alexander Mikheev, il direttore generale dell’esportatore statale russo di armi Rosoboronexport – all’inizio del prossimo anno, nel gennaio 2022, si recheranno in India per consegnare le attrezzature presso i siti di installazione oltre che per fornire assistenza ai tecnici indiani dell’IAF che hanno seguito corsi di assemblaggio in Russia.
Il Triumf S-400 (codice NATO SA-21 Growler) è uno dei sistemi di difesa multistrato anti-accesso e area denial (A2/AD), anti-missile e anti-aereo tra i più avanzati al mondo, capace di intercettare qualsiasi velivolo, compresi aerei quali velivoli di preallarme e controllo aereo (AEW&C) oppure gli F-16 o gli F-22, dormi UAV e missili balistici o da crociera, in un range di 400 chilometri e un’ altitudine pari a 30 chilometri cosÌ da neutralizzarli. E’ caratterizzato da un sistema di controllo e diversi radar in grado di rilevare, tracciare e identificare qualunque bersaglio. Dotato di otto batterie a corto, medio e lungo raggio, ha una doppia efficacia rispetto al suo predecessore, l’S-300, ed è l’unico sistema in grado di sparare 4 tipologie diverse di missile teleguidato, attraverso operazioni totalmente automatiche.
Più nel dettaglio, la storia di questo sistema di difesa inizia negli anni ‘80, sul finire di quella dell’Unione Sovietica, il cui crollo nel 1991 rallenterà la progettazione. Il suo sviluppo da parte dell’Almaz Central Design of Russia affonda le sue radici nella disperazione della Guerra Fredda e, più nello specifico, nel tentativo di trovare un contrasto credibile alla minaccia dei missili e degli aerei nemici in arrivo. L’S-400 costituisce, infatti, un notevole upgrade del  S-200 (codice NATO: SA-5 ‘Gammon’) e, in seguito, del S-300 (codice NATO: SA-10 ‘Grumble’), che era il pilastro della difesa aerea dell’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, quando la minaccia missilistica nucleare era al suo apice. L’S-300 era stato inizialmente sviluppato contro i missili da crociera e gli aerei in arrivo, ma le ultime versioni potevano anche intercettare i missili balistici. Sono stati schierati negli anni ’70 in tutta l’Unione Sovietica per proteggere complessi industriali chiave, città e altre risorse strategiche come centrali nucleari o basi militari o perfino centri amministrativi e finanziari vitali: la loro agilità e flessibilità operativa rende rapido il dispiegamento autonomo.
Cuore nevralgico del S-400 è il sistema di amministrazione 30K6E, con protezione contro inceppamento e una cadenza di fuoco che è 2,5 volte quella di quest’ultima variante. Ogni squadrone S-400 comprende due batterie missilistiche, acquisizione Big Bird 91NGE multifunzionale a lungo raggio e radar di ingaggio associati, reti dati e veicoli di supporto per trasportatori-erettori fuoristrada che includono quattro camion con almeno otto lanciatori che trasportano un totale di 32 missili. Il radar di acquisizione phased array 3D resistente agli inceppamenti può tracciare contemporaneamente circa 300 bersagli e l’S-400 è in grado di ingaggiarne 36 contemporaneamente lanciando 72 missili assortiti, a seconda del tipo e della gamma di minacce aeree in arrivo. I suoi quattro missili intercettori a corto, medio, lungo ed esteso raggio hanno rispettivamente una gittata di 40 km, 120 km, 250 e 400 km e possono ingaggiare bersagli ad altitudini fino a 30 km.
Dopo aver rilevato qualsiasi minaccia aerea all’interno della sua bolla di difesa aerea o area di responsabilità protettiva, il radar di ingaggio 92N6E dell’S-400 dirige il missile appropriato verso il bersaglio in arrivo per neutralizzarlo. Tutti i missili sono dotati di testate a esplosione diretta progettate per ottenere il danno totale al bersaglio, principalmente dall’effetto dell’esplosione.
In servizio dal 2007, le forze russe ne hanno schierato una mezza dozzina di reggimenti, di cui almeno due per la protezione di Mosca, ma anche in Siria e in Crimea. Una singola unità, composta da otto lanciatori, 112 missili e veicoli di comando e supporto, costa almeno $ 400 milioni (₹ 2.500 crore). Diversi paesi tra cui Arabia Saudita, Bielorussia, Algeria, Qatar, Vietnam, Iraq e Iran hanno espresso il loro interesse per l’S-400. La Cina è stata la prima acquirente e persino la Turchia, alleato della NATO,  come si ricorderà più avanti, lo ha acquistato, mandando su tutte le furie Washington che ha imposto sanzioni ad Ankara e l’ha esclusa dal programma F-35 Joint Strike Fighter.
“Circa dieci Paesi mostrano il loro vivo interesse”, ha detto il direttore del servizio federale russo per la cooperazione tecnico-militare Dmitry Shugayev in un’intervista con il gruppo dei media RBC, non esplicitando i nomi se non quello della Bielorussia che, ha reso noto, potrebbe ben presto schierare questo sistema. La procedura di firma di un contratto per l’acquisto di sistemi missilistici antiaerei S-400 a clienti stranieri è un processo complesso e in più fasi, ha spiegato Shugayev. La Cina è stato il primo acquirente straniero a negoziare un accordo con la Russia, ma poi Turchia e India l’hanno seguita. E finora sia Pechino che Ankara, per questo motivo, sono andate incontro a delle sanzioni USA.
“Dieci richieste non significano dieci paesi pronti a firmare un contratto”, ha aggiunto Shugayev, sottolineando che oltre alle trattative e alle firme su carta, la Russia e i potenziali acquirenti devono confrontarsi con i problemi inerenti le consegne oltre che con le capacità disponibili nell’industria russa per l’adempimento degli appalti.
Non è solo il sistema di difesa aerea S-400 che ha dimostrato di essere più popolare tra gli acquirenti stranieri, secondo Shugayev. Nella sua intervista, ha anche notato che i lanciatori di missili/cannoni antiaerei Pantsyr-S, che si sono dimostrati in grado di distruggere i droni, hanno attratto acquirenti stranieri. Ha anche affermato che l’accresciuta domanda di sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica russi suggerisce che i metodi di guerra sono cambiati.
“Ora vediamo che è arrivata un’era di droni e robot”, ha aggiunto. “Più frequentemente vengono utilizzati droni e veicoli robotici – e oggi i veicoli aerei senza equipaggio sono impiegati ovunque – maggiore è la necessità di armi di distruzione e sistemi di guerra elettronica”.
Va poi detto che la scelta di New Delhi di acquistare questo sistema di difesa russo non è seguita al rifiuto delle offerte da parte americana del sistema di difesa missilistico anti-balistico Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) o del Patriot Advanced Capability-3 (PAC-3).
L’India ha declinato l’offerta convinta della superiorità del S-400 rispetto a THAAD e a  PAC-3 e, stando alle valutazioni tecniche degli analisti, neanche a torto: sulla base delle informazioni disponibili, è noto che l’S-400 può essere assemblato in un tempo molto breve, anche di soli cinque minuti, e può essere sparato da qualsiasi terreno. Viene fornito con la capacità radar, ma, al contempo, è difficile da rilevare e distruggere poiché molto mobile e i lanciatori sono montati funzionare per oltre 12000 ore prima del primo service e 30.000 ore per la prima revisione del sistema ed è progettato per fornire un servizio ininterrotto di oltre 20 anni. Come altri sistemi russi, può funzionare efficacemente a temperature comprese tra +50 gradi e -50 gradi e può resistere a un’atmosfera polverosa, fangosa e salina senza alcun danno al sistema. Può resistere a urti, cadute e persino immersioni parziali in acqua. Il montaggio del sistema è su veicoli 8×8 Ural e MZKT che possono muoversi agevolmente su tutti i terreni, inclusi deserto, neve e giungle.  Inoltre, può sparare diversi tipi di missili con diverse gittate fino a 400 km, riuscendo a contrastare anche bombardieri strategici.
Il THAAD americano, invece, ha una difesa a strato singolo che viene utilizzata per contrastare i sistemi balistici intercontinentali e missilistici a raggio intermedio. È un sistema missilistico unidimensionale in quanto può sparare un solo tipo di missile fino a un raggio di 150-200 km e non può intercettare un jet da combattimento. Anche il PAC-3 d’altra parte ha la capacità di intercettare bersagli aerei a una distanza di 180 km. Ha anche la capacità di lanciare missili balistici fino a un raggio di 100 km. Ma il tempo di schieramento è di 25 minuti contro i 5 rischiesti dall’S-400 che – è opinione diffusa tra molti analisti militari – risulta operativamente più versatile, preciso e sfaccettato in tutti gli aspetti rispetto ai suoi rivali statunitensi, e questo spiegherebbe la volontà indiana di acquisirlo nonostante la minaccia di sanzioni statunitensi incombenti sul loro acquisto. Nel complesso, il sistema S-400 ha la capacità di rilevare bersagli a distanze fino a 600 km, il che in effetti fornirebbe all’IAF la capacità di seguire i caccia della Pakistan Air Force (PAF) quasi al decollo da qualsiasi base nel loro paese . Idealmente, consentirebbe anche all’IAF di inibire le operazioni aeree nemiche all’interno del proprio spazio aereo e questa struttura di rilevamento sarebbe applicabile anche ai lanci di missili nemici, hanno affermato gli analisti.
Oltre a colmare numerose lacune operative, innescate dal costante ritiro degli squadroni di caccia IAF da una forza sanzionata di 42 a circa 29 squadroni attualmente, i sistemi di difesa aerea S-400 compenseranno anche la copertura radar inadeguata dell’India e la limitata capacità SAM che rimane in fase di sviluppo.
Gli S-400 sarebbero anche perfettamente integrati nella rete di difesa aerea del sistema automatizzato di comando e controllo dell’aria (IACCS) della IAF, che incorpora tutti i sensori terrestri e aerei, altri sistemi d’arma di difesa aerea e vari comandi e controlli. nodi. L’eventuale fusione dell’IACCS con altre reti di servizi e radar civili dovrebbe fornire all’IAF un quadro generale della situazione aerea per adempiere abilmente ai suoi obblighi di difesa aerea; uno in cui l’S-400 svolgerà un ruolo fondamentale.
Uno dei due sistemi verrà schierato nel nord-orientale Ladakh, presso il fronte conteso con la Cina. Ricordiamo che la consegna del primo reggimento avviene in un momento in cui le forze armate di India e Cina sono in una situazione di stallo nel settore orientale del Ladakh. Come già detto, anche la Cina dispone dell’S-400, precisamente due squadroni schierati in Ladakh e Arunachal Pradesh, presso la base aerea di Ngari Gar Gunsa e Nyingchi in Tibet, rispettivamente in Ladakh e Arunachal Pradesh. La Cina ha implementato questi sistemi anche di fronte a Taiwan.
Il sistema in arrivo in India, stando alle fonti, verrà schierato in una posizione vicina al confine occidentale del Paese e questo dispiegamento si occuperà delle minacce provenienti dai confini occidentali e settentrionali con il Pakistan e la Cina. A detta dell’ex vice capo del personale aereo, il maresciallo dell’aria Bhushan Gokhale, “non è puramente incentrato sul Pakistan. A seconda del numero di sistemi [S-400] che riceveremo, potremmo schierarli anche lungo il nord-est. Ma sì, ciò che accade nel caso del Pakistan è di grande profondità. Al momento la loro profondità è aumentata a causa dell’Afghanistan. Tuttavia, è ancora discutibile se l’Afghanistan consentirà loro di utilizzare la propria area per aerei da combattimento volanti o qualsiasi altro tipo di risorse aeree. Quindi, la loro profondità è davvero inferiore, diciamo da Lahore a Peshawar, si può letteralmente prendere i loro aerei anche quando sono all’interno del proprio paese una volta iniziata la guerra. L’S-400 ci offre l’enorme vantaggio di contrastare non solo gli aerei nemici, ma anche altre minacce aeree. Quindi, c’è una discreta quantità di miglioramenti nella nostra capacità di difesa aerea offensiva. In questo modo è un potente sistema di armi.
Quando gli è stato chiesto del suo potenziale dispiegamento lungo il confine pakistano, ha spiegato: “Non direi che non è necessariamente rivolto al Pakistan. Questi sono tutti sistemi mobili. Inoltre, dipenderanno tutti dai numeri che possiamo acquistare e distribuire. Saranno schierati in modo tale da poter far fronte a tutte le nostre minacce. Queste piattaforme di difesa aerea non sono statiche, ci danno un’enorme flessibilità di implementazione. Un vantaggio che abbiamo schierando gli S-400 dalla parte del Pakistan è che non ci sono spazi radar che si verificano perché il terreno è piuttosto piatto. Il terreno lungo il lato cinese è montuoso, questi a volte portano a problemi come la perdita del contatto radar tra gli altri problemi tecnici che possono sorgere. Tuttavia, al giorno d’oggi ci sono molti sistemi, ad esempio anti-clutter, che mitigano queste sfide. Forse avranno anche un sistema collaborativo, che dia un avviso tempestivo agli S-400 partner che potrebbe servire a decidere la linea d’azione. Ci sono radar che funzionano abbastanza bene nelle aree montuose, dipingono un’immagine composita raccogliendo dati da diverse immagini radar raccolte nel corso degli anni. Questo aiuterà. Infine, non esiste una regola ferrea secondo cui gli S-400 saranno schierati esclusivamente nel settore occidentale”.
Alla domanda sul potenziale utilizzo dell’S-400 in un conflitto su due fronti, Air Mshl Gokhale ha risposto: “Un fronte lo accorceremmo, sul secondo avremo una certa deterrenza poiché alcuni degli obiettivi sono in pianura e per le montagne ci saranno sistemi alleati che aiuteranno nella navigazione del terreno. Dopo tutto, operiamo su un concetto noto come difesa a strati. Ci sono vari sistemi in uso, l’idea [dietro la difesa aerea]alla fine della giornata è quella di eliminare un aereo nemico o una minaccia aerea in arrivo alla prima occasione”.
Il capitano del Gruppo, Badal Debnath, è convinto che “il dispiegamento di S-400 vicino al confine pakistano renderà più difficile per la PAF (Pakistan Air Force) gestire le sue risorse aeree vicino al confine internazionale e alla linea di controllo. Il radar di sorveglianza dell’S-400 può guardare per 600 km verso lo spazio aereo del Pakistan. I missili S-400 possono abbattere qualsiasi aereo PAF, drone, missile da crociera, aereo Airborne Warning And Control Systems (AWACS) fino a 400 km. Questa capacità dell’S-400 limiterà e limiterà gravemente la flessibilità operativa e la libertà del PAF di lanciare un tipo di disavventura del tipo “Operazione Swift Retort” contro l’India”. Secondo Gp. Il capitano Johnson Chacko (in pensione), che in passato aveva comandato uno squadrone di armi guidate terra-aria, ha dichiarato: “Il piano di schieramento sarebbe stato studiato per arrivare al numero di unità necessarie. Questo piano sarebbe sicuramente classificato. Poiché sono trasportabili, la flessibilità di implementazione sarà eccezionale. È un’arma di difesa dell’area e dovrebbe proteggere le nostre aree vitali. La minaccia di entrambi è grave lungo la linea di controllo perché l’arsenale pachistano di SRBM mobili su strada continua a crescere. Ci sono anche recenti progressi con il missile da crociera d’attacco terrestre Babur, il Nasr SRBM e il lanciarazzi multiplo a lungo raggio Fateh. Naturalmente, anche l’aviazione pakistana è un formidabile avversario. Ora, se le batterie S-400 vengono installate lungo la LoC, questo costituisce un efficace deterrente contro qualsiasi incursione di aerei da combattimento pakistani, guardando indietro ai conflitti passati, sia del 1965 che del 1971. Senza la capacità di colpire attraverso la LoC, i pakistani hanno meno opzioni dovrebbero intensificare le ostilità in futuro. Questo gioca sui punti di forza dell’esercito indiano poiché il suo vantaggio numerico è preservato e minaccia l’esercito pakistano con battaglie persistenti attraverso il confine o una disfatta monumentale se si verifica una guerra convenzionale limitata. Anche l’IAF ha da guadagnare poiché l’immensa copertura dell’S-400 e di altre difese aeree mobili su strada scoraggia le intercettazioni e gli attacchi aerei di rappresaglia dal Pakistan. Quindi, i comandanti indiani capiscono sicuramente come usare l’S-400 e ottenere influenza sul Pakistan”.
Ovviamente Pechino non è indifferente a quanto sta avvenendo, ma monitora costantemente anche attraverso satelliti e droni. Secondo informazioni esclusive accessibili da Zee Media, cyber attaccanti con sede in Cina avrebbero addirittura preso  di mira il settore della difesa e dell’energia indiano per ottenere informazioni sulla preparazione della difesa dell’India.
“Gli attori delle minacce informatiche con sede in Cina hanno preso di mira i settori della difesa, delle telecomunicazioni e dell’energia. Anche gli attori delle minacce informatiche sono stati notati utilizzando computer indiani compromessi per accedere a dettagli sensibili”, ha detto a Zee Media un ufficiale a conoscenza di questi sviluppi.
Secondo le fonti, negli ultimi mesi sono stati segnalati un gran numero di casi di attacchi informatici dalla Cina e dal Pakistan. Le agenzie di intelligence identificano continuamente attacchi informatici al settore delle infrastrutture critiche del paese e condividono informazioni con il Centro e con gli stati.
“Durante il periodo dal 1 al 30 settembre, le informazioni sulle minacce informatiche relative a 40 computer compromessi e quasi 100 applicazioni web vulnerabili sono state condivise con 20 stati e territori dell’Unione. È stato riscontrato che la polizia di stato, le banche cooperative e altri dipartimenti governativi erano i principali bersagli della minaccia informatica”, ha affermato un alto funzionario della sicurezza.
Gli attori delle minacce informatiche con sede in Pakistan hanno preso di mira la Difesa e le forze di polizia armate centrali (CAPF). Secondo il rapporto, 11 computer sono stati trovati compromessi in Jammu e Kashmir, seguiti da 7 in Karnataka e 6 in Uttar Pradesh.
È stato anche riferito in passato che il People’s Liberation of Army of China gestisce un’unità segreta per lo spionaggio informatico e tiene d’occhio le informazioni relative alla difesa e alla ricerca dell’India, secondo il rapporto People’s Liberation of Army (PLA) ha intensificato le sue attività contro l’India. Negli ultimi mesi sono stati segnalati molti casi in cui hacker cinesi associati al PLA hanno tentato di raccogliere informazioni sensibili del Paese attraverso il cyberspionaggio.
Dal 2015, il PLA ha centralizzato le sue risorse spaziali, cibernetiche e di guerra elettronica (EW) nella nuova Forza di supporto strategico PLA (PLASSF). Pertanto l’unità di spionaggio cibernetico che si occupa di guerra informatica ed era sotto 3 PLA (Dipartimento di Stato Maggiore Generale Terzo Dipartimento) è stata subordinata al dipartimento di sistema di rete del PLASSF.
Anche dal punto di vista cyber, l’S-400 sembra garantire una certa sicurezza mediante un mix di più radar che operano in diverse bande, frequenze multiple, salto di frequenza a un ritmo ultraveloce, più opzioni di backup. Di conseguenza, questo sistema è virtualmente immune a qualsiasi attacco elettronico e può cambiare se stesso in base alle necessità del campo di battaglia. Secondo alcuni dei rapporti disponibili, nel 2017-18, Stati Uniti e Regno Unito hanno cercato di analizzare senza successo questo sistema quando è stato schierato ai confini della Crimea vicino all’Ucraina e hanno cercato di bloccarlo. Israele ha anche affermato che il suo sistema Sky Shield Airborne può bloccare l’S-400 ma non può produrre alcun risultato o dato. L’invulnerabilità ai cyberattacchi sarebbe garantita da un funzionamento a nodi. Ogni sistema d’arma o stazione di controllo diventa un nodo in questo sistema che non è l’unico mobile ma anche sempre più connesso in rete con una tecnologia di elaborazione digitale ad alta velocità, consentendo a una posizione di rilevamento di condividere rapidamente i dati di tracciamento con un’altra, creando un’immagine sicura ma completa in tutto il zona di battaglia. Crea un collegamento dati sicuro utilizzando più piattaforme tra cui collegamento radio, rete locale e sistemi di comunicazione basati su satellite e crea una rete di comunicazione autorigenerante che è quasi impossibile da intercettare e interrompere.
Dal punto di vista dell’equilibrio strategico,
cosa cambierà nella regione dopo lo schieramento dell’S-400 da parte dell’India?
Come noto, il possesso dell’arma nucleare ha di fatto sempre reso, in Asia Meridionale, le due potenze reciprocamente vulnerabili, disincentivando un attacco per paura della ritorsione. È la cosiddetta ‘deterrenza nucleare’ che, ben presto, è diventata un cardine della stabilità regionale.
La ricerca di un’egemonia regionale è stata un esito ‘perverso’ della fine della Guerra Fredda e l’India non fa eccezione se è vero che sta provando a spostare l’asticella della vulnerabilità reciproca puntando su sistemi di difesa in grado di ridurla: ha già sviluppato uno scudo difensivo multistrato autoctono, e ha raggiunto anche la tecnologia di Stati Uniti, Russia e Israele per completare il suo scudo difensivo a quattro strati, nella sua capitale Nuova Delhi e Bombay. L’India ha poi acquisito il sistema israeliano Iron Dome e, non ultimo, l’S-400 Triumf. Rumors sostengono che i vertici indiani si sarebbero convinti che così facendo l’India sarà in grado di isolarsi dalla minaccia pakistana con solo 2 o tre unità di questo sistema e se schiera tutte e cinque le unità ordinate dalla Russia giustamente, sarà in grado di sostenere efficacemente una guerra su due fronti con il Pakistan così come la Cina.
L’implementazione di un sistema di difesa e l’acquisizione di quello russo può creare un falso senso di sicurezza nei decisioni politici indiani, illudendoli di esseri invincibili a tal punto da intraprendere una qualsiasi azione aggressiva soprattutto contro il Pakistan. Questo sarebbe deleterio per la regione che, rotto l’equilibrio della deterrenza, verrebbe destabilizzata, aumentando il rischio di conflitto. Anche il Pakistan, a sua volta, potrebbe decidere di sviluppare un suo sistema difensivo, o quanto meno di dedicarsi alla ricerca di alternative più economiche. La proliferazione, da questo punto di vista, aumenterebbe.
Quella indiana di ‘invincibilità’ sarebbe, per l’appunto, un’illusione in quanto nessun sistema di difesa, per quanto efficace, ad esempio, contro aerei, droni o missili da crociera, potrebbe non esserlo altrettanto contro i missili balistici. Ma quand’anche lo fosse, non sarebbe capace di neutralizzare contemporaneamente tutti i veicoli di rientro multiplo indipendenti (MIRV) e di proteggere solo alcune grandi città, ma non l’intero territorio nazionale che sarebbe anche soggetto ad eventuali detriti.
“Il missile S-400 è un sistema potente in termini di capacità operativa di fornire un sistema di difesa aerea continuo ed efficace in un’area molto vasta. Con l’introduzione di questo sistema, la capacità di difesa aerea della nazione sarà notevolmente migliorata”, ha dichiarato il Ministro della Difesa indiano, Ajay Bhatt jr, per poi rimarcare che “il governo è a conoscenza di tutti gli sviluppi che potrebbero avere un impatto sull’approvvigionamento di attrezzature per la difesa. Il governo prende decisioni sovrane basate sulla percezione delle minacce, sugli aspetti operativi e tecnologici per mantenere le forze armate in uno stato di prontezza per affrontare l’intero spettro delle sfide alla sicurezza”.
Quella di New Delhi, rivendica il governo, è una “decisione sovrana” basata sulle percezioni di minacce esistenti, pur nella consapevolezza che potrebbe costargli la possibilità di sanzioni statunitensi ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA) del 2017 che creerà notevoli difficoltà nelle relazioni tra USA e India. L’India ha rapporti considerevoli con la Russia nell’arena della difesa e l’induzione dell’S-400 costituisce una “transazione significativa”, secondo la legislazione CAATSA.
Da dove viene questa legislazione? Nel 1996, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge che accentua le sanzioni secondarie, in base alla quale i terzi potrebbero affrontare gli effetti negativi delle sanzioni semplicemente per impegnarsi con la parte principale, l’obiettivo previsto delle sanzioni di cui l’Helms-Burton Act contro Cuba e l’Iran Sanctions Act contro l’Iran sono alcuni esempi.
Nell’agosto 2017, a soli otto mesi dall’inizio dell’amministrazione Trump, il Congresso ha approvato il CAATSA, che è iniziato come uno sforzo per colpire la Russia, poiché c’era una delusione bipartisan nei confronti dell’ingerenza di Mosca nelle elezioni statunitensi e nell’annessione della Crimea nel 2014. Queste sanzioni non sono solo mirate a Mosca, ma include altri avversari quali Iran, Corea del Nord e Siria. Tuttavia, entrano in funzione solo a consegna iniziata.
Washington teme che, grazie all’S-400, possa accedere a tecnologie militari sensibili degli Stati Uniti in servizio con i potenziali acquirenti, minando la potenziale integrazione tra forze armate. Il mese scorso, il Vicesegretario di Stato Wendy R. Sherman aveva avvertito di una decisione difficile nel caso in cui l’India si impossessasse del sistema di difesa missilistico S400. Sherman ha definito l’S400 ‘pericoloso’ indicando che la decisione di imporre sanzioni nell’ambito del CAATSA sarebbe stata presa in considerazione dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.
Il membro del Congresso, Mac Thornberry, Presidente del Comitato per i servizi armati della Camera degli Stati Uniti, durante una recente visita a Nuova Delhi, dove ha incontrato anche il Premier Narendra Modi, ha dichiarato: “C’è molta preoccupazione negli Stati Uniti per il sistema S-400. C’è la preoccupazione che qualsiasi Paese, e non solo l’India, che sceglie di acquisire il sistema renderà più difficile avere il livello di interoperabilità che vogliamo avere”. “Il Primo Ministro ha apprezzato il costante sostegno del Congresso degli Stati Uniti nell’approfondimento del rapporto India-U.S. partnership strategica”, si legge in un comunicato diffuso dal MEA dopo l’incontro. Dopo l’incontro, il senatore Cornyn, cofondatore e copresidente del comitato del Senato sull’India e gli indiani-americani, ha affermato che entrambe le parti hanno discusso di “pandemia e stabilità della catena di approvvigionamento”. Ma di S-400, nelle note ufficiali, neanche l’ombra, e, quindi, non è chiaro come gli Stati Uniti risponderanno all’introduzione da parte dell’India dei sistemi di difesa aerea S-400.
Entrambi i senatori statunitensi Mark Warner (D-VA) e John Cornyn (R-TX), copresidenti dell’India Caucus del Senato degli Stati Uniti, hanno scritto al Presidente Joe Biden – è il Presidente USA l'”autorità di deroga modificata” della legge per “alcune transazioni sanzionabili” – esortandolo a non imporre sanzioni CAATSA all’India. I senatori hanno sostenuto che una deroga alle sanzioni “farebbe avanzare gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti”. L’India ha trovato ulteriore sostegno sotto forma di un emendamento recentemente introdotto da tre senatori repubblicani, Ted Cruz, Todd Young e Roger Marshall, al National Authorization Act per l’anno fiscale 2022, che renderebbe più difficile per gli Stati Uniti imporre sanzioni CAATSA a uno qualsiasi dei membri del Quad (Australia, Giappone e India) per i prossimi 10 anni. L’emendamento, chiamato Circumspectly Reducing Unintend Consequences Impairing Alliances and Leadership (CRUCIAL) Act, 2021, rappresenta un valido motivo per non applicare le sanzioni CAATSA ai membri Quad, affermando che la mossa influenzerà negativamente le dinamiche di sicurezza nella regione indo-pacifica.
“La legge CRUCIAL impedirà l’imposizione di sanzioni contro i nostri più stretti alleati regionali nell’Indo-Pacifico. L’India è una parte fondamentale dell’architettura di sicurezza che convergeva contro la Cina durante l’amministrazione Trump. Ora, imporre queste sanzioni dal presidente Joe Biden, volte a dissuadere la Russia, significherebbe annullare tutti questi progressi”, ha detto Cruz sottolineando che gli Stati Uniti e l’India hanno forti relazioni alleate.
Sia la Turchia, un alleato della NATO, sia la Cina hanno acquistato i sistemi di difesa e sono stati sanzionati per questo. A meno che non venga emessa una deroga presidenziale, potrebbero essere imposte le stesse sanzioni anche all’India. Nel caso della Turchia, oltre alle sanzioni economiche, gli Stati Uniti hanno annullato la vendita di aerei da combattimento F-35 di quinta generazione ad Ankara. Da questo punto di vista, New Delhi sembra ragionevolmente fiduciosa in una deroga da parte dell’amministrazione Biden a causa del miglioramento delle relazioni strategiche tra i due Paesi. L’India vede gli S-400 come un requisito fondamentale per la sicurezza nazionale a causa della crescente minaccia missilistica e altre minacce aeree sia dalla Cina che dal Pakistan, soprattutto considerando l’attuale cattivo stato delle relazioni dell’India con questi due vicini.
New Delhi spera che le sue rassicurazioni di preservare la ‘segretezza tecnica e operativa’ dei sistemi d’arma che ha acquistato da molti fornitori nel corso dei decenni convincerà gli Stati Uniti che gli S-400 non comprometteranno la tecnologia delle armi degli Stati Uniti che l’India ha acquisito. Ha anche affermato che sta “riducendo” la sua dipendenza dalle attrezzature di difesa russe, indicando la sua preferenza per i kit militari statunitensi in tempi di rallentamento economico per Washington a causa del COVID-19.
New Delhi, peraltro, ha ricordato a più riprese a Washington che le discussioni e i negoziati per l’S-400 erano in corso molto prima del CAATSA. È probabile che questo dossier sarà in cima all’agenda del prossimo India-U.S. Dialogo ministeriale 2+2 a dicembre, già avviato nei colloqui tra funzionari indiani e statunitensi.
Ted Cruz ha poi rimarcato: “Ora sarebbe esattamente il momento sbagliato per il Presidente Biden di annullare tutti questi progressi attraverso l’imposizione di queste sanzioni, che avrebbero dovuto dissuadere la Russia. In questo modo non si otterrebbe nulla se non minare i nostri obiettivi di sicurezza condivisi di combattere l’aggressione della Cina e costringere l’India a diventare dipendente dalla Russia”.
Se il CAATSA fosse attuato attraverso la burocratica rigidità delle leggi, piuttosto che con la flessibilità della realpolitik, metterebbe in discussione l’autenticità stessa delle sanzioni e inciderebbe ulteriormente sui sempre più forti legami tra Washington e Nuova Delhi. Secondo l’ex inviato in India, l’ambasciatore David C. Mulford, aggiunge che “queste sanzioni sono difficili da gestire, difficili da rimuovere o ancora più difficili da perdonare o dimenticare in seguito quando le relazioni si normalizzeranno”. In altre parole, i rapporti tra Washington e New Delhi potrebbero subire una regressione, ritornando al clima di sospetto, cresciuto nella Guerra Fredda – ostacolo della cooperazione anche su temi molto cari ad entrambi i Paesi – che faceva sì che l’India percepisse l’America come una potenza neocolonialista, da cui aspettarsi  interferenze indesiderate negli affari interni e internazionali.
Se questo emendamento fosse approvato, sarebbe valido per un decennio e lascerebbe l’India fuori dai guai non solo per l’S-400, ma anche per altre apparecchiature russe che ha acquisito o noleggiato. Ciò include fregate stealth, caccia, un sottomarino nucleare, elicotteri e fucili d’assalto, tra gli altri. La soluzione potrebbe stare nel fatto che il Congresso emenda la legislazione per fare un’eccezione per l’India come fatto in passato con l’India nell’Atomic Energy Act, che ha consentito all’India il pieno accesso alla tecnologia nucleare civile mantenendo il suo programma nucleare in atto.
Qualora non fosse approvato, si potrebbe ripetere quanto avvenuto nel 1998 con le sanzioni imposte dall’amministrazione Clinton per i test di Pokhran che hanno visto diminuire le relazioni commerciali e di difesa, aumentando il deficit di fiducia. Mentre le sanzioni sono state infine revocate, l’India e gli Stati Uniti non erano alleati ma semplicemente partner strategici provvisori.
L’India non è un avversario e non è membro di alcuna alleanza formale con gli Stati Uniti e, a differenza della Turchia, non è un alleato della NATO. In qualità di partner strategico, l’India non è obbligata con gli Stati Uniti allo stesso modo di Ankara. In questo senso, sono del tutto fuori luogo le accuse di ‘doppio standard’ ed ‘ipocrisia’ rivolte dal quotidiano turco ‘Yeni Shafak’ a Washington: l’acquisizione turca dell’S-400 costituisce, tecnicamente (mina l’interoperabilità) oltre che politicamente (minaccia due alleati, Grecia e scopro), un problema per la coesione dell’Alleanza Atlantica e gli Stati Uniti non possono permetterlo.
Le sanzioni, inoltre, indebolirebbero un importante partner americano, cosa che gli Stati Uniti non avrebbero ragioni per evitare visto che verrebbe intaccata la credibilità del Quadrilateral Security Dialogue (Quad),  l’alleanza che la Casa Bianca sta man mano trasformando in un baluardo della democrazia contro l’autocrazia nell-Indo-Pacifico, specialmente in chiave anti-cinese.
Il Quad, nell’ottica del contenimento cinese, sarebbe uno strumento tutt’altro che secondario visto che comprende due potenze nucleari (Stati Uniti e India), tre dei cinque eserciti più potenti del mondo, tre delle prime sei economie del mondo e un PIL combinato di oltre trenta trilioni di dollari, che è più del doppio di quello della Cina.
Sia l’India che gli Stati Uniti riconoscono i vantaggi strategici e i benefici economici di una stretta collaborazione tra India e Stati Uniti. collaborazione. Per l’India, un’alleanza militare con gli Stati Uniti può essere un vero toccasana, data la posizione regionale sempre più assertiva della Cina, che ha già portato a due schermaglie militari nel 2017 e nel 2020. Per gli Stati Uniti, Washington ottiene un alleato che è una potenza nucleare, un partner commerciale che è un colosso economico emergente e altrettanto impegnato a garantire che la Cina non domini la regione indo-pacifica. Ma l’India è un alleato problematico, che potrebbe non solo indebolire l’alleanza, ma anche minare la politica degli Stati Uniti in Cina, non solo acquistando l’S-400 che, tuttavia, va nella direzione politica opposta rispetto a quanto fatto dall’Australia con l’AUKUS.
A parte la sua riluttanza ad essere completamente collegata ai sistemi di difesa degli Stati Uniti, il tallone d’Achille potrebbe essere proprio la sua democrazia, sempre più in bilico a causa del nazionalismo indù che, dal 2019, mediante leggi e politiche che prendono di mira i musulmani indiani (circa 200 milioni di persone), sta minando la coesione del Paese? L’India è già scivolata nelle valutazioni democratiche e la Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale ha raccomandato che l’India sia designata come un paese di particolare preoccupazione per il suo triste primato. Se gli Stati Uniti persistono nel lanciare la “competizione” USA-Cina in termini di autocrazia contro democrazia, allora non possono ignorare il declino della democrazia in patria o nelle nazioni alleate. Un’India non democratica minerà la base morale della strategia indo-pacifica.
Sebbene ci sia una certa delusione a Washington per le continue relazioni di difesa dell’India con la Russia, oltre che per la ‘prossimità’ potenzialmente minacciosa delle attrezzature russe a quelle americane, il rafforzamento della difesa indiana, in fondo, è anche un vantaggio per gli USA: l’autonomia strategica dell’India è cruciale per i suoi obiettivi di politica estera e per la nozione di multipolarità in questo ordine mondiale.
L’India aveva ripetutamente fatto presente le sue esigenze per l’S400 e Jim Mattis, ex segretario alla Difesa, aveva compreso questa preoccupazione strategica, ma è rimasta nel vuoto per quanto riguarda il presidente Trump. In quest’ottica, se è vero che una deroga non concessa all’India non danneggerà necessariamente le difese dell’India ai confini quanto, è anche vero che lederebbe gli interessi strategici degli Stati Uniti nella regione.
Ne vale la pena, considerando anche il fatto che l’S-400 fornito da Mosca non è utilizzato dall’India contro il Pakistan, un importante “alleato degli USA non NATO”, ma come deterrente contro la Cina, un avversario strategico? È chiaro che sarebbe controproducente se l’obiettivo è contenere una Cina belligerante: non a caso, soprattutto da quando l’Indo-Pacifico è tornato al centro delle preoccupazioni americane, c’è una rinnovata sintonia sulla Grande Strategia nella prospettiva di Washington e Nuova Delhi nel garantire un “Indo-Pacifico libero e aperto” e “ordine internazionale basato su regole”.
In quest’ottica, è chiaro che l’India sembra più uno spettatore di una crisi ben più ampia che è quella delle relazioni bilaterali tra Russia e Stati Uniti. Ciò non toglie, che anche per l’establishment indiano è stata una decisione difficile visto che con Mosca la relazione ha riguardato non solo negli armamenti, ma anche nelle aree delle industrie non militari come lo spazio e il nucleare. Fin dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, la Russia continua a essere il principale fornitore della difesa dell’India con quasi il 50%, seguita da Francia, Israele e Stati Uniti: Nuova Delhi ha acquistato armi per un valore di 70 miliardi di dollari da Mosca dal 1991. L’India ha assorbito un terzo delle esportazioni di armi russe nell’ultimo decennio, superando di gran lunga gli acquisti di armi della Cina dalla Russia. Uno studio afferma che sebbene le vendite di armi americane in India siano cresciute da zero a 16-18 miliardi di dollari in 15 anni, Nuova Delhi ha firmato 15 miliardi di dollari in nuovi contratti di armi con Mosca nell’arco di un anno tra il 2018 e il 2019. Mentre gli acquisti di armi indiane dagli Stati Uniti sono cresciuti da zero nel 2005 a $ 4 miliardi in 15 anni, nello stesso periodo, gli acquisti cumulativi di armi indiane dalla Russia sono cresciuti di sette volte quella cifra. L’85 percento dei principali sistemi d’arma indiani anziché la cifra del 60 percento spesso citata”, hanno creato un effetto di “blocco”. “La profondità del relativo supporto alla base tecnologica e ai sistemi strategici dell’India ha generato un grado relativamente elevato di indebitamento e fiducia nei circoli strategici chiave”.
Non è che l’approvvigionamento di armi dell’India dalla Russia sia sta priva di attriti. C’è stato un problema di qualità visto New Delhi ha riscontrato diversi problemi, inclusi sistemi scadenti o il mancato rispetto degli obblighi contrattuali e, per quanto concerne la fornitura di pezzi di ricambio, i funzionari indiani si sono lamentati privatamente di ritardi, revisioni dei prezzi, superamento dei costi e richieste di pagamenti anticipati o contratti nuovi o a lungo termine, alcuni addirittura progettati per sfruttare la dipendenza dell’India dalla Russia.
L’India rimane perennemente insoddisfatta dei limiti dei trasferimenti e dell’accesso di tecnologia. Ciò nonostante, il legame con Mosca per la difesa rimane centrale: ad avvalorare tale affermazione, la familiarità operativa reciproca consolidata, la convenienza dei costi, ma anche la ‘fame’ di valuta estera della Russia.
Inoltre, a differenza di altri Paesi, la Russia si è resa disponibile alla domanda indiana di produzione su licenza o sviluppo congiunto su alcuni sistemi tecnologicamente avanzati, come missili da crociera (con la venture India-Russia, BrahMos Aerospace), sottomarini nucleari, aerei da combattimento, o, nello spazio, capacità avanzate di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) e sistemi di navigazione satellitare migliorati.
Questa cooperazione ha reso l’India più attrezzata nel lato ‘ricerca’, come dimostra lo sviluppo di missili balistici lanciati da sottomarini indiani, a medio raggio e intercontinentali attraverso l’SSBN autoctono, l’INS Arihant, o la realizzazione di  tecnologia di miniaturizzazione dei reattori nucleari per essere installati a bordo di un sottomarino, come ammesso dal defunto Ashok Parthasarathi, ex consigliere scientifico e tecnologico del Primo Ministro indiano. Tutto questo, senza la richiesta da parte di Mosca di condivisione di basi o informazioni.
Ecco perché New Delhi non vuole rinunciare alle relazioni con la Russia – nonostante l’amore di Mosca con la Cina – ma non vuole nemmeno appiattirsi troppo gli Stati Uniti. A riprova di questa tendenza, è possibile che, come paventato dal Ministro della Difesa russo Shoigu, l’India potrebbe acquisire anche il sistema di difesa aerea S-500 Prometey o l’S-550, quest’ultimo in fase di sviluppo: il primo è stato testato con successo per la prima volta nel luglio di quest’anno e a settembre, le forze armate russe hanno iniziato a ricevere le loro prime spedizioni. Ad ottobre, la prima brigata S-500 è stata schierata dalla 15a armata delle forze speciali delle forze aerospaziali russe per coprire Mosca e la regione industriale centrale del paese. Il raggio operativo dell’S-500 è di circa 370 miglia (600 chilometri), entro il quale secondo quanto riferito può rilevare e contrastare contemporaneamente fino a 10 testate balistiche supersoniche ICBM terminali che volano a velocità fino a 4,34 miglia (7 chilometri) al secondo. Oltre a fornire una difesa aerea tattica sul campo di battaglia, il sistema mobile S-500 Prometheus è considerato uno dei più avanzati al mondo, secondo quanto riferito in grado di distruggere raffiche di missili ipersonici attualmente in fase di sviluppo da vari paesi. Gli analisti russi affermano che l’S-500 potrebbe persino prendere di mira i satelliti in orbita terrestre bassa e gli aerei stealth di quinta generazione, oltre ai suoi obiettivi primari di missili da crociera e balistici. Inoltre, la capacità di sopravvivenza del sistema sarebbe potenziata dalla sua elevata resistenza alle interferenze elettroniche. L’S-500 è stato sviluppato dalla Almaz-Antey Air Defense Concern per sostituire i vecchi sistemi missilistici A-135 attualmente in uso. È considerato un passo avanti rispetto all’S-400 Triumf ma integrerebbe quella piattaforma piuttosto che sostituirla.
Per quanto riguarda l’S-550 SAM, si ritiene che sia stato sviluppato sulla base dell’S-500 Prometheus. Diventerà il primo sistema di difesa missilistica mobile specializzato (missili anti-balistici-ABM) e anti-spazio al mondo in grado di distruggere efficacemente gli ICBM. Attualmente, Paesi come la Russia e gli Stati Uniti possiedono sistemi di difesa missilistica in grado di abbattere con precisione le testate ICBM. Ma questi sistemi non sono mobili e, invece, sono basati in silos, aumentando la loro vulnerabilità a un primo attacco preventivo. L’S-550 supererà questo lasso di tempo. L’agenzia di stampa russa RIA Novosti ha riferito il 13 novembre che “il nuovo sistema mobile [S-550] è in fase di sviluppo come versione del sistema di difesa aerea S-500 e sarà specializzato in compiti di difesa antimissile e antispaziale. Le sue capacità di intercettare testate di missili balistici di varia gittata, principalmente intercontinentali, nonché armi da attacco spaziale saranno di un ordine di grandezza superiori a quelle dell’S-400 e dell’S-500, nonché dei sistemi di difesa missilistica americani-THAAD e Aegis con missili SM-3Block ll B”.
Inoltre, ritirarsi dagli S-400 presenterà difficoltà politiche interne per il governo Modi in questa fase. Questi imperativi in ​​competizione suggeriscono da entrambe le parti che Washington e Nuova Delhi faranno del loro meglio per trovare una soluzione di compromesso che permetta a Biden di evitare di imporre sanzioni CAATSA all’India.
Paradossalmente, le sanzioni CAATSA potrebbero spingere l’India più vicino alla Russia, piuttosto che allontanarla. La replica dell’ex ministro degli Esteri Kanwal Sibal è che “Anche la Russia può sentirsi vulnerabile riguardo alla sua tecnologia nelle mani degli americani, data la vicinanza dell’India con gli Stati Uniti, ma Mosca non ha mostrato tali preoccupazioni”. Nell’improbabile eventualità che la Russia dovesse adottare una legge simile sull’India per l’approvvigionamento di armi dagli Stati Uniti, New Delhi non si sottometterebbe a tali richieste, ergo lo stesso principio dovrebbe essere applicato.
India e Cina si sono ancora scontrate al confine e Washington riconosce la minaccia della belligeranza di Pechino, ed è forte la probabilità che l’India continuerà a fare affidamento sulla Russia per le sue attrezzature di difesa, indipendentemente da una deroga all’S-400 poiché la Russia è una chiave fornitore di attrezzature per la difesa. Cosa non molto gradita alla Cina, il che smentisce coloro che sostengono che Mosca si stia lasciando andare ad una junior partnership con Pechino.
Appare chiaro agli USA che New Delhi non cerca un’alleanza formale e Washington non ne ha bisogno per farlo. L’India continuerà le sue relazioni diplomatiche con Teheran e le relazioni di difesa con Mosca, mentre Washington continuerà a impegnarsi con Islamabad come importante alleato non NATO.
Intanto, lo scorso lunedì, l’India ha fatto un passo avanti verso la firma di un accordo da 3 miliardi di dollari per i droni armati dagli Stati Uniti con il Defense Procurement Board (DPB) che ha dato un primo via libera. L’acquisizione di 30 droni Predator/MQ 9 che avranno la capacità di effettuare attacchi aerei di precisione a lungo raggio nell’ambito di un patto da governo a governo si aggiungerà al crescente inventario del paese di attrezzature militari prodotte negli Stati Uniti che includono elicotteri d’attacco, sottomarini -aereo da caccia e fucili d’assalto.
L’acquisto di Predator dovrebbe poi passare al Consiglio per l’acquisizione della difesa (DAC) guidato dal ministro della Difesa Rajnath Singh prima di ottenere l’approvazione finale dal Comitato del gabinetto per la sicurezza guidato dal primo ministro Narendra Modi. Poiché viene acquistato dalla rotta delle vendite militari estere (FMS), l’India invierà una richiesta formale al governo degli Stati Uniti per fornire i droni realizzati da General Atomics.
L’accordo da 3 miliardi di dollari per 30 droni li renderà i droni più costosi dell’India, che tradizionalmente si affida alla tecnologia israeliana. Dieci droni ciascuno per l’esercito, l’aeronautica e la marina sono stati sanzionati. La marina gestisce già una versione disarmata dei droni per la ricognizione marittima in base a un contratto di locazione con gli Stati Uniti.
In conclusione, se Washington vuole giocare di ‘ripicca’, in maniera poco pragmatica, ha gli strumenti per farlo, ma deve tenere conto che questo avvantaggerà: gli scettici nei confronti degli USA nell’establishment indiano; la Russia, che, in nome della storica consuetudine, potrà provare ad alimentare dubbi sull’affidabilità americana; potenzialmente, la Cina, che vedrebbe crearsi una ‘piccola’ crepa nel formato Quad.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Caporedattore centrale mail: emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->