sabato, Maggio 8

Russiagate? ‘Per noi dell’FBI solo spettacolarizzazione’

0
1 2 3


Crede che si arriverà ad un impeachment prima delle elezioni di medio termine?

Questa è una spettacolarizzazione, è questo che intendevo quando le chiedevo di separare politica e legge, e lo stesso Presidente, come lei, non fa. Il processo di impeachment è un processo politico, il Parlamento è in mano ai repubblicani, che al momento non hanno nessuna prova. Per i repubblicani stessi sarebbe ad ogni modo svantaggioso. Ma il problema non è questo, il problema è che questa Amministrazione non è in grado di trovare una stabilità, quello che ha dimostrato finora è che dovremmo aspettarci una crisi, seguita da un’altra crisi. La cosa giusta da fare è che queste registrazioni, se ci sono, venissero consegnate alla stampa, ai media, così finalmente si saprebbe la verità. Donald Trump è Presidente e deve comportarsi come tale.

 

Lei ha parlato di registrazioni, le stesse che ha chiesto il Congresso? Quindi esistono? Cioè, le procedure prevedono che i colloqui tra il Presidente e il Direttore dell’FBI, chiunque esso sia, vengano registrati?

Io non sono mai stato all’interno della Casa Bianca, ma le posso dire qual è il normale corso delle cose. In alcuni distretti, come Maryland, registrare le conversazioni è contro la legge, ma non è questo il caso di Washington DC. Qui, o in Virginia, se una conversazione viene registrata all’insaputa di uno dei due interlocutori il fatto non costituisce reato. Nel sistema federale, un agente federale può registrare, e viene accettato come metodo investigativo dal Dipartimento di Giustizia. Donald Trump stesso ha detto che ha le registrazioni con il direttore Comey, l’unica cosa che non sappiamo è chi ha effettuato le registrazioni, perché non sappiamo se, chi le possiede, possa aver distrutto, in tutto o in parte, alcune registrazioni. Però, i servizi segreti hanno affermato che la Casa Bianca non è in possesso di tali nastri, quindi, probabilmente, perverranno da Comey. Non ci risulta che Trump abbia altre registrazioni.

 

Un amico di Trump, Christopher Ruddy, ha lasciato intendere la volontà di Trump di lasciare a casa il Procuratore Robert Mueller che si sta occupando delle indagini sul Russiagate, lei cosa ne pensa?

La figura di Mueller è una figura inattaccabile, in quanto un uomo ineccepibile, che si basa sui fatti, tanto che si pensava potesse sostituire Comey come direttore dell’FBI. Ci sono uomini che si fanno comprare dai politici, ma questo non è assolutamente il caso di Robert Mueller, un uomo indipendente, e lo ha dimostrato nei dodici anni passati all’FBI, ed è per questo che è rispettato da tutti gli schieramenti politici, sia dai repubblicani, sia dai democratici. E’ sorprendente come un Procuratore nominato dallo stesso Presidente meno di due settimane fa si possa pensare che venga sostituito. Non è possibile attaccare Mueller sulla sua integrità, sulla sua indipendenza, e sul suo knowledge dopo aver gestito situazioni veramente complicate. Se si guarda la riunione di gabinetto tenuta da Trump ieri, dove ha discusso con il suo gruppo dei maggiori problemi all’ordine del giorno, lo stile di leadership del Presidente è alquanto discutibile, e quando qualcuno gli fa notare gli sbagli, lui li taglia fuori. Ama circondarsi di persone con poco carattere, che stanno a guardare cosa ‘Lui’, come un Dio, decide di fare. E’ necessario che Donald Trump faccia il Presidente, nell’interesse degli Stati Uniti e di tutto il mondo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->