giovedì, Maggio 19

Russia VS Ucraina: il ponte dei desideri Putin tira il freno su Mariupol per poter liberare e spostare truppe in Donbass. Lì per la Russia è vitale la conquista delle intere regioni di Donetsk e Luhansk. Obiettivo finale: creare un ponte di terra tra le città russe al confine con l'Ucraina e la Crimea occupata

0

Cinquantottesimo giorno di guerra in Ucraina. Mariupol sotto controllo russo, forse, ma non completamente, l’80% dell’area urbana si ritiene. Secondo Kiev, la città -ex fiorente porto del Mar Nero di quasi mezzo milione di abitanti- continua,dall’11 marzo, a resistere, là dove per ‘città’ che resiste si intendono le centinaia di asserragliati nell’acciaieria Azovstal, civili e combattenti del famigerato Battaglione Azov.
Ieri, il Presidente russo Vladimir Putin, in un incontro trasmesso in tv con il suo Ministro della Difesa, Sergei Shoigu, ha detto: «Consideroinopportuno il proposto assalto alla zona industriale. Ordino che venga annullato». ‘Annullare’ l’assalto ad Azovstal perchè «questo è il caso in cui noi dobbiamo pensare, anzi, dobbiamo sempre pensare, ma tanto più in questo frangente, alla conservazione della vita e della salute dei nostri soldati e ufficiali». E ha aggiunto: «Non c’è bisogno di arrampicarsi in queste catacombe e strisciare sottoterra attraverso queste strutture industriali». «Bloccate questa zona industriale in modo che non voli una mosca attraverso». Che tradotto significa: assediare l’acciaieria Azovstal,anziché attaccarla. Detto in altri termini: prenderli per fame o lasciarli morire dentro per fame, e ferite, malattie, ecc….

Quando il Presidente ‘ha ordinato’, il Ministro della Difesa aveva appena letto una nota che riferiva che all’inizio dell’assedio, a Mariupol, «il numero totale delle forze armate ucraine e delle formazioni nazionaliste, nonché dei mercenari stranieri era di oltre 8.100 persone. Durante la liberazione della città ne sono stati annientati più di 4.000, 1.478 si sono arresi, il restante gruppo -più di duemila- è bloccato nella zona industriale dello stabilimento Azovstal». E ha aggiunto che «ci vogliono circa tre o quattro giorni per completare questo lavoro ad Azovstal». Nulla è stato riferito circa le perdite tra i militari russi.

Secondo gli analisti militari con i quali abbiamo parlato, non è affatto detto che l’ordine di Putin sia vero e sia definitivo, considerando che in quella acciaieria militari e civili potrebbero restare asserragliati senza morire di fame molto a lungo, teoricamente, essendo un edificio costruito per resistere ad un attacco nucleare, anche anni, ed essendo il 9 maggio relativamente vicino.
L’ordine di Putin è mirato a: liberare una parte delle forze russe da Mariupol per spostarle in altre aree dell’Ucraina orientale; provare a contenere la resistenza ucraina a Mariupol, così da trovare meno resistenza nel Donbass. Considerazioni, per altro, che sono le stesse che l’Intelligence britannica ha diffuso nella mattinata di oggi. Un «assalto di terra russo completo all’acciaieria costerebbe probabilmente perdite significative ai russi», ha sottolineato Londra, diminuendo ulteriormente il numero degli uomini a disposizione -aggravando la già gravissima carenza di risorse umane che sta penalizzando Mosca in questo conflitto- e la loro «complessiva efficacia nei combattimenti».

Gli sforzi di Mosca al momento sono concentrati nel Donbass orientale, dove continuano pesanti bombardamenti e combattimenti intensi. Le forze russe sono chiamate a proseguire la loro avanzata, che ha come obiettivo dichiarato il controllo completo delle regioni di Lugansk e Donetsk, solo in parte già in mano ai separatisti filorussi delle omonime repubbliche. Secondo le informazioni di due giorni fa, le forze russe avrebbero già conquistato ampie zone della regione di Luhansk e gran parte della costa meridionale lungo il Mar d’Azov.
Chiaro che la caduta totale di Mariupol, rasa al suolo dopo quasi due mesi di bombardamenti, non è un obiettivo per il quale Mosca ha perso di interesse. Mosca sta cercando di creare un ponte di terra che colleghi la Crimea, annessa nel 2014, con le aree separatiste filo-russe nella regione del Donbass, dove ora si stanno appunto concentrando i combattimenti, per tanto la presa di Mariupol, secondo questo progetto, è decisamente necessaria. La caduta della città sarebbe per Mosca la sua prima grande vittoria in questa guerra.
Finora le forze russe hanno preso il controllo solo di una grande città ucraina, Kherson, lungo la costa meridionale, che prima della guerra aveva una popolazione di quasi 300.000 persone.

Funzionari occidentali e osservatori locali da settimane stanno sostenendo che Mosca potrebbe operare sotto pressione autoimposta per avere qualcosa da mostrare come frutto dello sforzo bellico entro il 9 maggio, quando la Russia celebrerà la fine della seconda guerra mondiale. «Putin ha bisogno di controllare Mariupol il prima possibile e prima della fine del mese, poiché ha bisogno di un successo prima del 9 maggio», ha affermato un funzionario europeo parlando, in condizione di anonimato, con Amy Mackinnon, giornalista della sicurezza nazionale e dell’intelligence di ‘Foreign Policy’

«Prendere il pieno controllo di Mariupol avrebbe profonde implicazioni per lo sforzo bellico della Russia e obiettivi strategici più ampi. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stima che libererebbe circa 12 gruppi tattici di battaglione, circa 8.000 o più soldati, ma potrebbero non essere pronti per la battaglia». «Se sono lì da settimane, non prevedo che saranno in ottime condizioni per voltarsi e prendere parte a una nuova offensiva», ha detto il tenente generale Ben Hodges, ex comandante generale dell’esercito americano in Europa. Mosca sta lottato con gli alti tassi di logoramento e morale basso, queste forze potrebbero essere ridistribuite come parte della prevista escalation dei combattimenti nel Donbass, ma certamente non senza problemi.
«Mariupol darebbe a Mosca un punto d’appoggio strategico sul Mar d’Azov da cui partire per spingersi a nord, nel tentativo di collegarsi con le forze russe che scendono da Kharkiv. “Devono attraversare Mariupol per andare a nord”, ha detto Samuel Charap, politologo senior della Rand Corporation. Permetterebbe inoltre a Mosca di collegare due dei suoi principali assi di attacco: dalla Crimea e dal Donbas», afferma …

Poco prima della guerra, Putin annunciò che il suo Paese avrebbe riconosciuto l’indipendenza delle repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk. «Il territorio riconosciuto da Putin andava ben oltre le sacche di terra nell’Ucraina orientale detenuto dai ribelli sostenuti dalla Russia e invece esteso a tutte le regioni di Donetsk e Luhansk. Gli analisti ora ritengono che Mosca cercherà di prendere il controllo delle due regioni, inclusa Mariupol, la più grande città della regione di Donetsk, che era sotto il controllo ucraino prima dell’inizio della guerra a febbraio. Prendere il controllo dell’intera regione darebbe a Mosca una notevole merce di scambio nei colloqui di pace e qualcosa da trasformare in una vittoria, nonostante abbia dovuto ridimensionare drasticamente le ambizioni iniziali della guerra».
«Mariupol ostacola anche un altro degli obiettivi della Russia:
creare un cosiddetto ponte di terra tra la Russia e la penisola di Crimea, che Mosca ha annesso illegalmente nel 2014. «Crediamo che i russi vogliano [Mariupol] per una serie di ragioni. Uno è fornire loro un ponte di terra libero dal Donbas alla Crimea», ha detto un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti.
Anche se la caduta di Mariupol sarebbe un vantaggio per le forze russe, non giocherebbe necessariamente un ruolo decisivo nell’imminente battaglia nel Donbas»

Dunque: «Mariupol è l’ultima città che ostacola un corridoio terrestre russo che va dalle città russe al confine con l’Ucraina direttamente alla Crimea occupata. Se la creazione di un tale ponte terrestre sazierebbe Putin e porrebbe fine alla guerra è una questione aperta», afferma Anchal Vohra, editorialista di ‘Foreign Policy’.
«Un tale ponte terrestre costerebbe agli ucraini una larga fetta del loro territorio e imporrebbe una battuta d’arresto dannosa alla loro economia, che dipende in gran parte dal commercio condotto attraverso i porti della regione del Mar Nero. Anche i russi pagherebbero un prezzo pesante sotto forma di vite, equipaggiamento e nuove sanzioniMa anche se guadagnano il territorio ora, probabilmente dovranno lottare per mantenerlo a lungo termine di fronte alla resistenza ucraina e alla diminuzione della popolarità tra gli ucraini di lingua russa».

«Funzionari ucraini affermano che almeno 21.000 persone sono morte sotto i bombardamenti russi a Mariupol e almeno 100.000 persone sono ancora bloccate in città e cercano un passaggio sicuro»

«Mariupol è stato a lungo un porto strategicamente importante sul Mar d’Azov, che fa parte del Mar Nero, e un centro per il commercio di acciaio, carbone e grano. Ha il porto più grande della regione del Mar d’Azov e con i suoi approdi profondi fungeva da perfetto hub di esportazione per i prodotti agricoli ucraini in Medio Oriente e altrove. Se la Russia ottiene una vittoria a Mariupol e ottiene un ponte di terra, si sarà assicurata il controllo di oltre 400 chilometri (o 249 miglia) della costa del Mar Nero dall’inizio della guerra, e avrà negato all’Ucraina l’accesso all’80% della sua costa precedente, distruggendo ulteriormente la sua economia

Il successo nello scolpire un ponte di terra sarebbe un’enorme vittoria per Putin, sostiene Zachary Paikin, ricercatore presso il Center for European Policy Studies, ha affermato che Putin probabilmente si accontenterà di un ponte terrestre verso la Crimea e del pieno controllo delle oblast di Donetsk e Luhansk. «Naturalmente, qualsiasi accordo di cessate il fuoco raggiunto può durare solo così a lungo, quindi potrebbe consentire di perseguire obiettivi più ampi nel tempo», ha affermato Amy Mackinnon. Alcuni analisti si chiedono se il ponte terrestre incoraggerebbe Putin ad espandere le operazioni per isolare completamente l’Ucraina dal mare. 

Le truppe russe hanno continuato a bombardare sporadicamente città nell’Ucraina meridionale con l’apparente obiettivo di collegare le aree dell’Ucraina già sotto il controllo russo alla Transnistria, una regione separatista moldava sotto il controllo russo adiacente al confine occidentale dell’Ucraina. Il Presidente russo ha chiamato ‘Novorossiya‘ (Nuova Russia), che nel XVIII secolo faceva parte della Russia zarista, questo enorme tratto di territorio ucraino, che si estende da est a sud lungo la costa del Mar Nero

Putin ha spinto l’idea di ‘Novorossiya’ per suscitare sentimenti nazionalisti nella regione dal 2014, con l’obiettivo di creare una zona cuscinetto sulle terre ucraine. L’idea è di creare una serie di pseudo-Stati sotto la guida di delegati russi e fare dei loro confini la nuova linea del fronte tra Mosca e Kiev. Gli esperti ritengono che sia un obiettivo di guerra un passo avanti rispetto alla rivendicazione di un ponte di terra e un obiettivo prima di rovesciare il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. La Russia ha già occupato la città di Kherson, in Ucraina, dalla quale sembra voler lanciare una missione per catturare la città ucraina di Odessa. L’unica città nel sud sulla via dei russi è Mykolaiv, una volta una vivace città portuale ucraina che ora è regolarmente colpita dai missili russi».

«Nick Reynolds, un analista di ricerca per la guerra terrestre presso il Royal United Services Institute, ha affermato che «l’operazione russa a Odessa dipenderà dal successo nel Donbass». La Russia deteneva due terzi del Donbass prima della recente invasione e ha già occupato Izyum, una strategica città ucraina diretta nell’est controllato dai separatisti, e la piccola città orientale di Creminna nella sua ultima offensiva. Sta bombardando ferocemente Slovyansk, una città di oltre 100.000 persone, e si prevede che in seguito intensificherà i bombardamenti in una serie di città a Luhansk, tra cui Rubizhne, Popasna, Lysychansk e Severodonetsk. 

Reynolds ha affermato che la Russia ha una possibilità di conquistare l’intero Donbass, ma sarà difficile dato lo stato di esaurimento delle sue forze, che hanno subito un significativo logoramento. «Se il conflitto si protrae, la cosa a cui guarderei è una più ampia mobilitazione russa», ha detto. «Finora il governo russo ha evitato di mettere il proprio Paese sul piede di guerra, ma le cose potrebbero cambiareCiò sarebbe destabilizzante a livello nazionale e difficile da sostenere, ma potrebbe anche consentire alla Russia di condurre nuove operazioni militari offensive».

Tuttavia, anche se la Russia proteggerà militarmente l’est e creerà un ponte di terra verso la Crimea, dovrà lottare per mantenere il territorio». L’accettabilità della Russia nella regione, spiega Mackinnon, «è crollata anche tra i sostenitori dalla sua invasione. Secondo un recente sondaggio , quasi il 60% degli ucraini ha affermato che resisterà all’occupazione russa, mentre più di un terzo ha affermato che raccoglierà armi per combattere le truppe e i burattini che la Russia si lascia alle spalle.
La Russia ha iniziato a installare i suoi proxy nelle città conquistate. L’11 marzo, il sindaco di Melitopol è stato scortato fuori dal suo ufficio dalle truppe russe. Poco dopo, una separatista filorussa è apparsa alla radio locale e si è dichiarata sindaco ad interim della città. A Kherson, tuttavia, il sindaco sostenuto dalla Russia che aveva chiesto una nuova struttura ‘per ristabilire l’ordine’ ha fatto un voltafaccia in mezzo al crescente nazionalismo in Ucraina e ha affermato di essere stato arrestato e costretto dai russi a prendere una posizione filo-russa. Ha dichiarato la sua opposizione alla creazione di una ‘Repubblica popolare di Kherson’. 

Qualunque sia l’esito della battaglia di Mariupol, i russi saranno sfidati a ogni passo sul loro ponte terrestre. La Russia può vincere la battaglia, ma non vincerà la pace finché non raggiungerà un possibile compromesso a lungo termine con le sue controparti ucraine», afferma Amy Mackinnon.
Questo al momento resta il problema: né russi, ne ucraini parlano di trattative, dialoghi funzionali alla pace. Putin mostra i suoi missili, Volodymyr Zelensky chiede sempre più armi, il ponte terrestre richiede ancora tempo. Solo allora forse sarà possibile che le due parti provino a costruire una pace. Non è altresì da escludere, come sostengono alcuni analisti da noi sentiti, che il conflitto si incancrenisca, e israeliani e palestinesi potrebbero diventare il modello più calzante a russi e ucraini.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->