mercoledì, Maggio 18

Russia vs Nord Europa: ‘scontro di civiltà’ alla Biennale di Venezia Anche alla mostra d’arte più prestigiosa del mondo, la battaglia per la forma dell'ordine mondiale di questo secolo che si combatte nelle strade delle città, paesi e villaggi ucraini

0

I padiglioni della Russia e dei Paesi nordici alla Biennale di Venezia di quest’anno, la mostra d’arte più prestigiosa del mondo, proiettano due diversi concetti di civiltà, nazionalismo e sovranità che si scontrano in Ucraina.

Recentemente rinnovato e introspettivo, il padiglione in stile art nouveau della Russia è vuoto e abbandonato dopo che il suo curatore e gli artisti lituani si sono dimessi in segno di protesta contro l’invasione russa dell’Ucraina. Una sola guardia armata è ciò che resta di quello che sarebbe stato il contributo culturale della Russia.

Il padiglione, situato ai Giardini, un parco cittadino di Venezia, dovrebbe attirare manifestanti invece che visitatori.

Al contrario, la moderna struttura che rappresenta gli Stati nordici, – Svezia, Norvegia e Finlandia, – irradia luce e apertura in un momento in cui le azioni della Russia hanno spinto svedesi e finlandesi a considerare di scambiare la loro neutralità di lunga data per l’adesione all’alleanza di Mosca nemesis, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO).

Il padiglione nordico respira anche il tipo di inclusività e riconciliazione storica che è diametralmente opposto al concetto del presidente russo Vladimir Putin di un mondo russo i cui confini sono definiti dalle rappresentazioni della civiltà russa piuttosto che dal diritto internazionale.

Dedicando il loro gazebo ai Sami e lasciando che gli artisti di una minoranza indigena lo popolassero, gli scandinavi hanno deciso di proiettare un’etnia che li vede come colonizzatori.

“Riconosce i Sami come una nazione che esiste al di là dei confini contigui; fa spazio a una diversa nozione di nazione”, ha affermato Jolene Rickard, storica dell’arte specializzata in arte indigena e membro della Tuscarora Nation, una tribù di nativi americani.

Il gesto senza precedenti proietta un’identità nazionale ed etnica che, sebbene oltrepassi i confini internazionalmente riconosciuti e sia di civiltà, è totalizzante, accogliente e armoniosa. È in contrasto con la civiltà sostenuta da Putin e dai suoi omologhi autocratici in Asia, Europa e nelle Americhe, alimentata da rabbia, rancore, rettitudine e ricerca di un passato immaginario.

Implicitamente, il padiglione nordico propone una nozione di sovranità del 21° secolo che riconosce che molteplici sfide e identità comuni del 21° secolo trascendono i confini nazionali.

È una nozione che abbraccia la globalizzazione piuttosto che una definizione di sovranità che pone lo stato-nazione al di là del diritto internazionale e della supervisione di organizzazioni sovranazionali come le Nazioni Unite; vede la nazione come un’entità etnoculturale omogenea in cui le minoranze o gli immigrati sono accettati solo se accettano di assimilare; e abbraccia il protezionismo economico come difesa contro la globalizzazione.

Un popolo tradizionalmente semi-nomade che conta circa 100.000 abitanti, i Sami sono sparsi nel nord della Finlandia, in Norvegia, in Svezia e nella penisola russa di Kola. Per gran parte degli ultimi due secoli, sono stati culturalmente repressi e messi in pericolo dalla deforestazione e dagli insediamenti nelle terre in cui vivevano, cacciavano e allevavano le renne.

Le definizioni di nazionalismo, civilizzazione e sovranità sono un aspetto della lotta sami e forse non quello che è più importante nelle menti sami. Più immediate per loro sono le sfide critiche del 21° secolo che hanno plasmato la loro ricerca: l’impatto del cambiamento climatico, la costruzione di parchi eolici sui loro terreni, l’espropriazione della terra per l’estrazione di minerali e la costruzione di dighe.

Il padiglione di Venezia a tema Sami è l’ultimo passo nordico nel riconoscere i diritti dei gruppi e affrontare i torti del passato. Nonostante abbiano i propri parlamenti eletti in Scandinavia che si concentrano su questioni culturali, educative e di sviluppo, molti Sami ritengono che il razzismo rimanga diffuso e che abbiano ancora poca voce in capitolo su ciò che accade sulla loro terra o sulla loro terra.

Di conseguenza, Samis potrebbe ritenere che gli stati nordici potrebbero fare di più. Anche così, i principi alla base dell’impegno nordico implicano una visione dell’identità, del nazionalismo e della civiltà che offre la prospettiva di un mondo in cui le lamentele e le sfide vengono affrontate in modo non violento in conformità con norme e regole accettate.

Nonostante l’aumento del sentimento populista contro gli immigrati in paesi come la Svezia, l’impegno nordico è in netto contrasto con il track record della Russia di scontri violenti, brutali aggressioni militari e accaparramenti di terre in violazione del diritto internazionale.

La giustapposizione dei padiglioni russo e nordico alla Biennale illustra graficamente la battaglia per la forma dell’ordine mondiale di questo secolo che si combatte nelle strade delle città, paesi e villaggi ucraini. È una battaglia non solo per la sovranità ucraina e l’integrità territoriale, ma anche per la definizione dei concetti di sovranità, nazionalismo e civiltà.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->