domenica, Settembre 19

Russia, test su nuovi armamenti Dopo la Siria, nuovi 'prodotti' in fase di collaudo in Crimea. Stavolta torrette automatizzate

0

In Crimea la Russia sta testando nuove torrette con cannoni azionati da remoto. La postazione, secondo gli inventori, può essere posta a 50km di distanza, sempre che la connessione sia di qualità. A lavorare su soluzioni simili anche l’azienda russa KBP: «In questo momento stiamo creando delle versioni più efficienti delle torrette comandate da remoto per i veicoli del futuro, che prenderanno il posto delle autoblindo T-15, basato sulla piattaforma “Armata”, “Kurganetz-25” e “Boomerang”», il commento del rappresentante dell’azienda, intervistato dall’agenzia RIA Novosti durante la fiera degli armamenti RAE-2015 a Nizhny Tagil. Il rilevamento del bersaglio, con questi nuovi dispositivi, avverrà automaticamente, con un margine di precisione che esclude, secondo i produttori, gli errori. Continua dunque lo sviluppo di nuove armi da parte della Russia. Come accennammo a dicembre, il Paese sta testando anche sul campo il suo nuovo armamentario bellico. La campagna aerea in Siria ha offerto alla Russia proprio la possibilità di provare alcune delle sue nuove armi nel combattimento reale.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->