martedì, Aprile 13

Russia, test ok del nuovo missile Iskander Il razzo è riuscito ad eludere gli scudi anti-missilistici nemici

0

La Russia continua a testare nuovi prodotti della sua industria bellica. L’ultimo in campo missilistico è l’Iskander, che è stato lanciato dal poligono di Kapustin Yar, nella regione meridionale di Astrakhan, nell’ambito di alcune esercitazioni pianificate.
L’Iskander, nome in codice NATO SS-26 Stone, è un sistema balistico tattico dotato di Gps in grado di colpire bersagli di piccole e grandi dimensioni ad una distanza massima di 500 km con una probabilità di errore di 10 metri. Quello lanciato sarebbe uno degli ultimi Iskander, progettato per eludere i più avanzati sistemi di difesa aerea, compreso lo scudo spaziale americano. Può arrivare ad una velocità massima di 7mila km/h, e la sua particolarità sta nel fatto proprio che nella fase finale può compiere manovre rapide per evitare le difese aeree e rilascia esche per ingannare i radar nemici. Il test è andato perfettamente, tanto che secondo il Distretto Militare Centrale «il nemico simulato non è riuscito a rilevare il sistema Iskander». Insomma la Russia continua a testare con successo le sue nuove armi, dopo averlo fatto proprio sul campo sia in Ucraina che in Siria. E nei prossimi anni è in vista proprio un ricambio generazionale dell’armamentario dell’Esercito.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->