mercoledì, Maggio 12

Russia: Techa, il fiume più radioattivo del mondo Fino al 1952 il sito di Mayak riversò circa 76 milioni di metri cubi di rifiuti liquidi altamente radioattivi

0

Nella regione meridionale degli Urali in Russia, il fiume Techa si alimenta in un sistema idrico che serve centinaia di migliaia di persone. È considerato uno dei corsi d’acqua più inquinati del mondo che diffonde la contaminazione radioattiva fino all’Oceano Artico.

In realtà la presenza di concentrazioni «estremamente alte» di materiale radioattivo nel Techa, fino a 986 volte superiori alla radiazione naturale di fondo, è stata confermata sin dallo scorso anno. Parliamo di rutenio-106, un prodotto della fissione nucleare, il processo utilizzato nelle centrali atomiche per produrre energia elettrica. Il primo allarme, in realtà, era stato lanciato nel 2016 dall’Istituto per la Sicurezza nucleare francese, che aveva rilevato tracce di rutenio-106 in territorio francese ma che proveniva da un punto compreso fra il Volga e gli Urali. L’ente nucleare russo, Rosatom, aveva allora negato i dati francesi, dichiarando che i livelli radioattivi «attorno all’intera infrastruttura nucleare russa sono nella norma e al livello della radiazione di fondo».

Poi lo scorso anno le autorità russe hanno confermato le concentrazioni anomale di rutenio-106 in diverse zone della Russia, tra cui il fiume Techa. Il ‘colpevole’ era il sito nucleare di Mayak negli Urali meridionali, dove nel 1957 avvenne il più grave incidente nucleare della storia e che oggi è utilizzato come impianto di riprocessamento del combustibile esaurito. Fino al 1952 riversò circa 76 milioni di metri cubi di rifiuti liquidi altamente radioattivi nel fiume Techa. Nel 1957, esplose un serbatoio di rifiuti radioattivi e fuoriuscì anche il pericolosissimo plutonio: la nube radioattiva coprì un’area di circa 23.000 chilometri quadrati. Parliamo di un livello di radioattività addirittura doppia rispetto al successivo incidente di Chernobyl.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->