sabato, Maggio 21

Russia: sanzioni di avvertimento, Pechino potrebbe ‘scudarle’ Le sanzioni annunciate non avranno un impatto immediato sull'economia russa, grazie all'accumulo da parte della Russia di un'enorme quantità di riserve estere, afferma Jeffrey Halley, Senior Market Analyst. “E Putin avrà un'enorme ancora di salvezza se la Cina lo coprirà silenziosamente attraverso il suo sistema finanziario”

0

Ci sono molti dubbi sul fatto che le sanzioni che USA, UE e alcuni loro alleati hanno annunciato iericontro la Russia, in risposta alla decisione del Presidente russo Vladimir Putin, del 21 febbraio, di riconoscere, l’indipendenza delle due autoproclamate repubbliche separatiste del Donbas, la Repubblica Popolare di Doneck (DNR) e la Repubblica Popolare di Lugansk (LNR), riescano essere efficaci, e anche la valutazione della loro capacità di ‘mordere’ Mosca e farla desistere da nuovi attacchi all’Ucraina è ancora molto incerta.

Abbiamo chiesto a Jeffrey Halley, Senior Market Analyst, di OANDA per l’Asia Pacifica, con oltre 30 anni di esperienza alle spalle, e ora responsabile della fornitura di analisi macro tempestive che coprono un’ampia gamma di classi di attività, di farci una sua prima valutazione. Se devo essere totalmente onesto, temo il peggio per l’Ucraina, e non si fermerà qui, quindi l’Europa deve essere forte”, ci dice al termine di questa intervista. “EPutin avrà un’enorme ancora di salvezza se la Cina lo coprirà silenziosamente attraverso il suo sistema finanziario. Avvisavo i lettori dell’Ucraina all’inizio di dicembre, avrei voluto sbagliarmi, non mi sono sbagliato. Questa volta vorrei proprio sbagliarmi”.

 

USA, Ue, Canada, Giappone e altri hanno deciso praticamente fotocopie sanzioni contro la Russia. Alcune domande. Questa unità e allineamento di tutti coloro che hanno deciso di sanzionare le stesse aree di intervento rappresenteranno una massa critica in grado di colpire di più la Russia?
Chiaramente c’è stato un coordinamento dietro le quinte rispetto alle sanzioni. La strategia sembra essere un’escalation delle sanzioni proporzionale alle azioni della Russia in Ucraina. Le sanzioni annunciate sembrano essere più un colpo di avvertimento e non avranno un impatto materiale immediatamente sull’economia russa, grazie all’accumulo da parte della Russia di un’enorme quantità di riserve estere. La posizione assunta dalla Cina dovrà essere attentamente osservata, poiché ciò lascia un enorme buco nel muro per escludere la Russia dai mercati finanziari globali.

Quanto saranno efficaci le sanzioni di ‘blocco totale’ nei confronti di alcune delle principali banche russe?
Alcuni nominativi della lista sono stati comunque soggetti a sanzioni più blande da diversi anni e quindi l’impatto immediato sarà limitato, in quanto finora sono andati bene. Non mi aspetto che nessuna di queste banche si trovi in condizioni di stress immediato e, se necessario, verranno bloccate dalla banca centrale russa. Un giorno è troppo presto per valutare eventuali danni, tuttavia, mi aspetto che il danno sia minimo. L’economia non entra davvero in gioco in questa situazione, è politico/dottrinale, proprio come la Cina, Hong Kong e Taiwan. Il costo economico per i cittadini è irrilevante per il governo.

L’inibizione della capacità dello Stato e del governo russi di accedere a capitali e finanziamenti sui mercati europei, americani e altri, quanto influirà sulla capacità finanziaria della Russia?
La Russia aveva, nel dicembre 2021, un debito estero di 478,2 miliardi di dollari, circa il 40% in meno rispetto al picco del 2014. È difficile rispondere senza avere visibilità sulla scadenza e sul calendario di rollover. Direi che le sanzioni avrebbero bisogno di un anno per mordere davvero, e ciò solleva anche la prospettiva di insolvenze per i creditori esterni. Se l’Occidente punta a questo è un’altra questione. Inoltre, se la Russia può continuare a vendere minerali ed energia al di fuori del Paese, potrebbe essere in grado di finanziare autonomamente le scadenze e i rollover, o di farlo con l’aiuto della Cina. Il rublo rimarrà sotto pressione e la Banca centrale russa potrebbe dover difenderlo, introdurre restrizioni valutarie o aumentare i tassi di interesse. Tutto ciò avrà un impatto sui cittadini, ma è improbabile che scoraggi il Presidente Putin. Le azioni russe sono già scese drasticamente e probabilmente continueranno a farlo.

Riuscirà la Cina a colmare le criticità finanziarie causate dalle sanzioni?
Questa è la domanda da 100 miliardi di dollari! Teoricamente sì, ma a quale costo politico? La Cina ha fatto molto della sua posizione secondo cui gli affari interni delle Nazioni sovrane sono affari interni e le forze esterne dovrebbero astenersi dall’interferire. Sarà difficile salvare questa politica se finiranno per essere i banchieri della Russia, a meno che non decidano di non riconoscere la sovranità dell’Ucraina, che apre un altro barattolo di vermi con il mondo.

Quanto danneggeranno l’economia russa le sanzioni contro gli oligarchi russi?
I ricchi hanno un modo per non pagare molte tasse ed evitare la peggiore delle crisi che danneggiano l’uomo comune. Sono sicuro che è lo stesso con i russi molto ricchi.

Il blocco del Nord Stream 2 quanto sarà dannoso? E come può la Russia ridurre i danni puntando sul mercato asiatico?
L’arresto del Nord Stream 2 è stata una mossa forte da parte della Germania, ma è già stato costruito e potrebbe essere convenientemente attivato in futuro. Dato che non sta trasportando gas, il suo impatto immediato sarà zero sia sugli importatori che sugli esportatori di gas e sui mercati. La Russia si sta già orientando verso la Cina e sarei enormemente sorpreso se Putin non avesse già calcolato questo scenario e pianificato per affrontarlo. La politica energetica e l’ingenuità strategica dell’Europa sono state crudelmente smascherate. Se la Germania non gioca a palla, però, l’intero edificio sanzionatorio occidentale crollerà.

È possibile stimare l’ammontare dei danni previsti da queste sanzioni nel loro insieme se restano attive almeno per tutto il 2022?
Qualcuno tenterà di farlo, ma non io.

Quanto queste sanzioni andranno a scapito dei Paesi che le hanno decise? In particolare, quali danni subirà l’Europa?
Sicuramente l’Europa è la più esposta, soprattutto se la Russia chiude le forniture di gas. L’Ucraina ha il potenziale per provocare uno shock inflazionistico al lavoro se la situazione degenera in un’invasione in piena regola, poiché i prezzi dell’energia aumenteranno, così come quelli dei metalli industriali che la Russia esporta, così come i prezzi dei generi alimentari se i cereali vengono interrotti in Ucraina. Una guerra alle porte dell’Europa non gioverà ai mercati lì. A questo proposito, non puoi avere la tua torta e mangiarla. L’Europa, e il resto del mondo allineati a sostegno dell’Ucraina, dovranno accettare che per loro ciò avrà un costo, ovvero il prezzo di abbattere un dittatore. Resta da vedere se l’Europa e gli altri sono disposti a pagarlo, ho i miei dubbi personalmente. Si spera che il messaggio arrivi a casa in Europa e Germania che la loro futura sicurezza energetica e la sicurezza delle frontiere non si trovano a est. Il fatto di chiudere le loro centrali nucleari in modo che possano fingere di passare a un futuro di energia rinnovabile esternalizzandolo a est, è tornato a perseguitarli.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->