venerdì, Aprile 23

Russia: quale ruolo nella guerra in Siria? Quali accordi hanno i russi con il regime di Assad?

0

Il presidente russo Vladimir Putin si rivolge all’ONU oggi, e tutti vogliono sentire cosa ha da dire circa le intenzioni russe per la guerra in Siria. Durante l’ultima settimana, un diluvio di immagini satellitari ha rappresentato crescente presenza del militare russa sulla costa siriana (una zona ancora detenuta dal regime di Bashar al-Assad), ma sotto crescente minaccia di attacco perchè i russi hanno anche intensificato le forniture di hardware e formatori militari avanzati esperti del regime siriano.

L’aeroporto principale, circa 25 chilometri (15 miglia) a sud di Latakia, ora assomiglia a una base militare, secondo le immagini, che mostrano top di gamma jet Sukhoi Fencer da combattimento e carri armati T-90, elicotteri da trasporto e attacco, carburante discariche e rifugi temprati. Secondo l’Intelligence Review di IHS Jane, le fotografie satellitari mostrano quasi il 30 aerei da combattimento in teatro. Sono inoltre in fase di sviluppo altri due siti vicino Latakia. Rapporti locali parlano di un afflusso di russi in hotel a Latakia, che servirà solo a dire che volano gli aerei cargo, presumibilmente giganti Ilyushin Il-76 e Antonov An-124S,  ​​che stanno portando in gran parte del materiale.

Gli Stati Uniti dicono che stanno guardando da vicino il nemico. Il Segretario alla Difesa Ash Carter ha detto alla giornalista Barbara Starr della CNN  giovedi che “è una questione di vedere ciò che i russi faranno da ora in avanti“, sospettando che i russi erano lì per aiutare il regime di Assad, trattandosi  di una questione per incrementare l’odio islamico e favorire una guerra civile in Siria, non certo produttiva dal punto di vista degli USA.

(tratto dalla sezione video del sito della ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->