giovedì, Dicembre 2

Russia: Putin giura da presidente e conferma Medvedev premier Trump, forse a Singapore a metà giugno l'incontro con Kim Jong-Un. E intanto attacca John Kerry sull'Iran

0

In Gran Bretagna, pattuglie di polizia supplementari sono comparse oggi per le strade di Londra, in occasione della festività del May Bank Holiday Monday, dopo i nuovi episodi di violenza che hanno insanguinato il week end. Lo ha reso noto Simon Messinger, sovrintendente capo di Scotland Yard, precisando che in alcune aree sono stati schierati anche agenti armati. Intanto almeno 1000 migranti extracomunitari integrati da tempo nel Paese e con contratti di lavoro ad alta qualificazione, rischiano di essere espulsi dal Regno sulla base di un’applicazione delle restrizioni in materia di immigrazione da parte del ministero dell’Interno denunciata da più parti come arbitraria. Lo rivela il Guardian. Si tratta di medici, ingegneri, avvocati, informatici, che avevano tutti presentato regolare domanda per un permesso di lavoro a tempo indeterminato, come previsto dopo un certo numero di anni.

In Francia, tentativo di invasione della gare Montparnasse, a Parigi, da parte di un gruppo di circa 200 ferrovieri, da due mesi in agitazione contro la riforma di Emmanuel Macron. I manifestanti, aderenti al sindacato Sud-Rail, sono stati respinti dalla polizia. Intanto oggi il premier, Edouard Philippe, ha ricevuto i sindacati, ribadendo che il testo non sarà cambiato nei suoi tre capitoli principali ma che qualche modifica può essere ipotizzata.

Passiamo alla Catalogna, perché la ‘legge Puigdemont’ votata la settimana scorsa dalla maggioranza indipendentista del Parlament catalano per consentire la rielezione a distanza del presidente deposto in esilio sarà sospesa mercoledì dalla Corte costituzionale spagnola. A dirlo Efe citando fonti della Corte.

E’ del 34,4% il tasso ufficiale definitivo di affluenza alle urne delle prime elezioni comunali post-rivoluzione in Tunisia. Lo ha annunciato il presidente della Commissione Superiore Indipendente per le Elezioni (Isie), Mohamed Tlili Mansri, precisando che si sono recati alle urne 1.796.154 elettori sugli oltre 5 milioni e 300 mila aventi diritto. «Mi congratulo con le autorità tunisine per lo svolgimento delle elezioni amministrative. Una tappa storica per la giovane democrazia tunisina». E’ quanto afferma in una nota il ministro degli Esteri Angelino Alfano. «Le consultazioni elettorali servano da sprone al governo tunisino e alla comunità internazionale per profondere ogni sforzo a sostegno delle riforme e della transizione democratica».

Chiudiamo con la Malaysia, che domani va al voto per rinnovare il Parlamento e scegliere il nuovo governo. Per molti però sembra più un referendum popolare sull’esecutivo di Najib Razak, primo ministro al centro di un colossale scandalo di corruzione. I due blocchi che si sfidano sono la coalizione del Barisan Nasional (Bn) e l’alleanza d’opposizione Pakatan Harapan (Ph).

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->