sabato, Ottobre 16

Russia, nuovo satellite in orbita. Ma emergono informazioni segrete

0

Tutto ok il lancio venerdì scorso dal cosmodromo di Plesetsk del nuovo satellite del ministero della Difesa russo Kosmos-2519. Secondo le ultime notizie, il satellite riprenderà le immagini degli oggetti spaziali: «La sonda è una piattaforma spaziale in cui possono essere collocati vari tipi di apparecchiature. Nella piattaforma sono stati installati strumenti di telerilevamento della Terra e apparecchiature per la ripresa degli oggetti spaziali», si legge in un comunicato del ministero.

Ma intanto emerge che la Russia 27. Il 6 giugno scorso infatti un gruppo di alti funzionari, tra cui il Ministro della Difesa Sergei Shoigu, ha visitato la fabbrica satellitare ISS Reshetnev, nei pressi di Krasnoyarsk. Le fotografie ufficiali, riprese da tutti i media russi, provenivano direttamente dal Ministero della Difesa. Ma secondo alcune diverse analisi occidentali come quella di IHS Jane’s, le foto mostrerebbero un programma satellitare militare russo precedentemente sconosciuto. In particolare si scoprirebbero informazioni su due satelliti Repei, che potrebbero servire sia per le comunicazioni che per la raccolta di informazioni.

Ma gli esperti qui sono incerti. C’è infatti chi crede che  due nuovi satelliti, qualora esistessero davvero, rappresenterebbero un’evoluzione della capacità d’intelligence della Russia. Tuttavia il nome prescelto, potrebbe essere un depistaggio per i nuovi satelliti della famiglia Sfera. Sarà così? Di certo è che è in atto una nuova guerra ‘spaziale’ Come risponderanno gli americani?

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->