sabato, Aprile 17

Russia: MiG-35 pronto al debutto ufficiale

0

Può raggiungere una velocità di 2800 km/h e volare a un’altezza massima di 17.500 metri. Numeri importanti per il Mig-35, il nuovo aereo da guerra presentato ufficialmente il 27 gennaio a Mosca. e nuovo fiore all’occhiello della Russia.  Ora l’aereo sta concludendo i collaudi ed è pronto al debutto.

Il Mig-35 sarà prodotto in serie dal 2019 e, secondo i suoi progettisti, si tratta di un vero gioiello della tecnologia. Per quanto riguarda l’aerodinamica è lo sviluppo del Mig-29, può trasportare fino a sette tonnellate di armi ed è invisibile ai radar. Il MiG-35 è il 30% più grande rispetto al MiG-29 e nelle intenzioni della Mikoyan-Gurevich, affiancherà il T-50 come piattaforma leggera a basso costo per la superiorità aerea. Rispetto all’originale Fulcrum, il MiG-35 presenta un nuovo sistema di controllo fly-by-wire. La struttura del velivolo, grazie al largo impiego di materiali compositi, è molto più leggera del MiG-29: rispetto a quest’ultimo, il MiG-35 è in grado di trasportare più carburante ottimizzato da un nuovo sistema di gestione digitale.

L’Air Force russa si è impegnata ad acquistare un primo lotto di 37 Mig-35, che diverranno pienamente operativi entro il 2020. I produttori sono ottimisti, perché il nuovo aereo può davvero spezzare lo strapotere dei caccia della Sukhoi nelle forniture ufficiali dell’aeronautica militare russa.

Il Mig-35 è stato progettato per essere venduto in 30 Paesi ed è già stato testato da piloti esperti del Sudamerica; gli ordini ammontano a 4 miliardi di dollari.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->