mercoledì, Maggio 18

Russia: la Resistenza femminista contro la guerra in Ucraina Nata il giorno dopo l'invasione di Putin, è diventata, secondo il numero dei suoi iscritti ai social network, la più grande associazione impegnata nell'organizzazione di manifestazioni contro la guerra

0

La Resistenza femminista contro la guerra, nota con l’acronimo russo FAS, è nata il giorno dopo l’invasione di Putin in Ucraina ed è diventata, secondo il numero dei suoi iscritti ai social network, la più grande associazione impegnata nell’organizzazione di manifestazioni contro la guerra.

È un’associazione di rete senza leader o gerarchie specifici, qualcosa che spesso rende difficile la collaborazione tra i suoi vari componenti, ma aiuta a mantenere un senso di sicurezza fornendo opportunità a coloro che non sono supportati dalle loro famiglie di sapere che non sono soli.

L‘esistenza della FAS ispira i suoi seguaci a parlare e condividere informazioni e prospettive non solo tra loro, ma anche con i russi che sempre più spesso non hanno accesso a informazioni accurate sulla guerra. E aiuta i suoi membri che subiscono la carcerazione a resistere e continuare la lotta dopo il loro rilascio.

Secondo l’agenzia di stampa 7×7, chi partecipa alle manifestazioni organizzate dalla FAS o ne segue i post online diventa quasi inevitabilmente più radicale nella critica al regime e alla sua guerra, più preparato a soffrire per le proprie convinzioni e anche più pronto collaborare con altri movimenti di opposizione.

La FAS è anche diventata internazionale stabilendo legami con gli oppositori della guerra di Putin in Ucraina in altri Paesi e ha creato due hashtag per Twitter, Voci delle donne ucraine e Voci delle donne russe, in cui le persone su entrambi i lati della linea di battaglia possono parlare tra loro.

Tutti i seguaci della FAS con cui 7×7 ha parlato hanno affermato di voler continuare come movimento anche quando la guerra sarà finita; e molti si sono detti convinti che aumentare il numero delle donne in posizioni di governo di primo piano sarà la salvezza della Federazione Russa in futuro.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->