martedì, Maggio 17

Russia: il Patriarca Kirill dà contenuto religioso al potere centrale di Putin Le parole del patriarca forniscono sostegno religioso alle politiche estere e interne di Putin, ai suoi sforzi per creare una verticale di potere in patria e per distruggere l'Ucraina e i legami con l'Occidente a favore di legami con l'Est

0

I russi hanno tradizionalmente considerato Kiev il primo centro della civiltà ortodossa russa, ma il patriarca Kirill afferma che devono concentrarsi prima di tutto su Mosca piuttosto che su qualsiasi altro centro di potere per garantire l’unità del Paese in un momento di prova.

“Oggi” – afferma il capo del deputato della Repubblica Democratica del Congo – “il nostro popolo ha particolarmente bisogno dell’unità interna… e quindi il nostro popolo oggi dovrebbe radunarsi soprattutto intorno alla città di Mosca, questo centro storico di tutta la Russia, per riconoscere che la nostra forza è solo nell’unità” e che finché saremo uniti, saremo forti.

Troppe persone, dice l’ecclesiastico russo, ora “vogliono seminare confusione in Russia e instillare i loro ‘pseudo-valori”, spostando la coscienza di una persona dalla dimensione verticale della vita che collega una persona con Dio all’orizzontale su cui si basano su tutti i bisogni del corpo”.

Kirill ha scelto di fare questa dichiarazione come ha notato nella cattedrale Uspensky del Cremlino, costruita nel XV secolo come segno dell’unificazione delle terre russe, uno sviluppo che è stato sottolineato dal cambiamento nella vita della chiesa prima da Kiev a Vladimir e poi da Vladimir a Mosca.

La cattedrale fu costruita dal metropolita Petr, che iniziò la sua vita in Volinia, che ora fa parte dell’Ucraina occidentale, ma poi si trasferì a Vladimir e infine a Mosca. Kirill ha osservato che le peregrinazioni di Petr furono contrastate dal patriarca di Costantinopoli, ma rese possibili quando il sovrano di Mosca ricevette il riconoscimento dall’Orda d’oro che era diventata musulmana.

Nel riferire ciò, Andrey Melnikov, direttore di NG-Religii, osserva che “poiché nella politica russa moderna i concetti storici spesso assumono il carattere di manifesti o addirittura di guide per l’azione, il sermone di Kirill dovrebbe essere letto nel contesto dell’attuale conflitto di Mosca con l’Occidente e la sua svolta esistenziale verso Oriente”.

Le parole del patriarca forniscono quindi sostegno religioso alle politiche estere e interne di Putin, ai suoi sforzi per creare una verticale di potere in patria e per distruggere l’Ucraina e i legami con l’Occidente a favore di legami con l’Est all’estero.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->