martedì, Maggio 11

Russia e il sogno di un’altra Russia di Ksenia Sobchak Consegnate le ultime candidature per le presidenziali del 18 marzo. La giornalista sfida apertamente Putin

0

Consegnate le ultime candidature per le presidenziali del 18 marzo in Russia. Tra i primi il presidente uscente Vladimir Putin, che formalmente corre come candidato indipendente, che ha depositato 315.000 sottoscrizioni, mentre ne hanno presentate 105.000 ciascuno i candidati di Yabloko e del Partito comunista russo. Esentati dalla presentazione delle firme gli altri due candidati, Zhirinovsky e Grudinin, espressione diretta di partiti rappresentati n parlamento.

A presentare per ultima la candidatura la giornalista televisiva Ksenia Sobchak. Sostenuta dal partito dell’Iniziativa civile, la Sobchak, figlia dell’ex sindaco di San Pietroburgo, ha consegnato 130.000 firme. Le decisioni finali dell’Ufficio centrale elettorale sulle candidature sono attese per il 10 febbraio.

Intanto in tv la Sobchak ha ribadito il suo programma: femminista e sostenitrice del libero mercato e delle privatizzazioni. Vuole una riavvicinamento con gli Usa e rapporti più amichevoli a livello internazionale. In più contesta l’azione russa in Crimea, che considera territorio ucraino.

«Potete ridere di me, ma so come funziona il mondo dello show business. Il mio compito è quello di riscriverne le regole, portando un volto nuovo», ha detto qualche tempo fa la Sobchak. Che ora sogna in grande.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->