sabato, Maggio 15

Russia: due ragazzi scoprono una nuova isola nell’Artico Valeria Sayenko e Artyom Makarenko stavano osservando le masse di ghiaccio che si restringevano vicino all'arcipelago di Novaya Zemlya, quando si sono imbattuti in una formazione particolare

0

Due adolescenti russi hanno scoperto una nuova isola nell’Artico che è poi stata confermata dagli esperti. Tutto grazie ad un progetto extrascolastico che riguardava lo studio delle fotografie satellitari dei ghiacciai.

Valeria Sayenko, 15 anni, e Artyom Makarenko, 14, stavano osservando le masse di ghiaccio che si restringevano vicino all’arcipelago di Novaya Zemlya nell’Oceano Artico, quando si sono imbattuti in una formazione particolare. Dove una volta c’era un solido ghiacciaio che si era diviso in due parti, ecco spuntare un’isola.

«Siamo stati travolti dall’emozione quando abbiamo visto i contorni dell’isola», ha detto Artyom a ‘RT‘. «Abbiamo continuato a guardarlo mentre la striscia di connessione diventava sempre più piccola. E finalmente a dicembre abbiamo avuto una foto dell’isola completamente formata».

La scoperta dell’isola, 410 metri per 780 metri, è stata confermata dal Northern Hydret Hydrographic Service. Per registrare ufficialmente il risultato, i ricercatori della marina devono intraprendere una spedizione nell’Artico, prevista per l’estate. E i due giovani russi sperano di parteciparvi. Per il momento gli scienziati russi l’hanno soprannominato l’isola degli alunni.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->