martedì, Maggio 17

Russia: dopo il ‘petrodollaro’, il ‘petrorublo’? Il Cremlino chiede di pagare gas e petrolio russi in rubli. Dopo sanzioni e SWIFT, nella guerra finanziaria tra l’Occidente e Mosca, arriva il ‘petrorublo’?

0

La terribile ed angosciante guerra sul campo viene affiancata da una guerra finanziaria avviata con le sanzioni ed il ricorso al sistema SWIFT per congelare la finanza della Russia che ora risponde con la richiesta di ottenere in rubli i pagamenti della sua energia, gas e petrolio, un miliardo di dollari al giorno. Si presenta il petrorublo accanto al petrodollaro nella guerra monetaria tra Occidente e Russia?

Per capire la valenza di questa operazione funzionale a sostenere il rublo, ma anche in modo incisivo ad un processo di de-dollarizzazione unitamente alla Cina è utile ricordare la nascita del petrodollaro e del sistema Swift.

Il petrodollaro nasce nel 1973 unitamente allo SWIFT per sostenere il dollaro la cui stampa nel 1971 viene staccata dal sottostante oro, creando un sistema monetario infinito basato sul dollaro ed a rischio di tempeste inflattive.

Il sistema fino ad allora in vigore era il ‘gold exchange standard’ che legava la stampa di carta – moneta ad una determinata quantità di oro (36 dollari ogni oncia di oro) definito negli accordi del 1944 a Bretton Wood per evitare tempeste monetarie. Fino al 1971, il sistema ha dato stabilità monetaria negli scambi internazionali, il dollaro valeva 630/4 lire, l’inflazione era bassa, il 4 %, così come il debito sul PIL, il 33%. Ma la guerra del Vietnam ed i disordini interni hanno obbligato gli Usa a stampare cartamoneta  senzaavere l’oro necessario per mantenere l’equilibrio. Così, nel 1971, Nixon dichiarò unilateralmente la fine di quel sistema dando l’avvio alla rivoluzione finanziaria sempre meno controllata che ci avrebbe investito come uno tsunami.

L’immediato effetto fu l’innalzamento dell’inflazione per i volumi di carta-moneta stampata senza sottostante. Per non fare la fine della Germania di Weimar del 1923 stroncata dall’inflazione, era necessario creare fittiziamente la crescente domanda di dollari stampati senza sottostante. Gli arabi vennero convinti a farsi pagare il petrolio solo in dollari in cambio di protezione, dando vita al petrodollaro saldato dal sistema SWIFT che avrebbero vincolato il sistema di scambi internazionali alla moneta americana. Il dollaro divenne la moneta globale di riferimento e le altre monete furono costrette a deprezzarsi ed ad accettare un ruolo ancillare.

L’evoluzione dei sistemi economici ha cambiato le condizioni che consentivano al dollaro (unitamente, ma in misura ridotta, anche per l’euroun uso quasi esclusivo nelle transazioni finanziarie. L’evoluzione geopolitica ha rafforzato altre economie, la Cina per prima, che hanno progressivamente condiviso un progetto di dedollarizzazione per potere usare in alternativa le loro valute. Gli accordi sul tavolo riguardano lo scambio in valuta locale del petrolio tra Iran, Stati Arabi e la Cina che potrebbe pagare le forniture in yuan così come l’India con la Russia che possono regolare i loro scambi nelle loro valute. Va sottolineata, come già scritto su queste colonnela rincorsa all’oro di Cina e Russia per ritornare a dare un sottostante in oro alle loro valute: Pechino ha già emesso dei ‘futures’ legati all’oro e, con Mosca, hanno già ridotto dal 90% al 40% gli scambi in dollari.

L’avvio di un sistema di pagamento legato a valute alternative al dollaro ne abbatte la domanda che serve a sostenere quella valuta e rischia di causare un processo inflattivocome si vede ora, insieme ad una sua possibile svalutazionel’oncia di oro vale più di 2000 dollari. Gli Stati Uniti, in questo modo, rischiano di avere una minore domanda di dollari a fronte di un’offerta di dollari senza limiti ed è evidente che, qualora il processo di de-dollarizzazione venisse ulteriormente incentivato, il dollaro potrebbe dover fare i conti con una sua crescente debolezza per la logica che determina l’equilibrio tra domanda ed offerta di moneta.

Come sosteneva Carl von Clausewitzla politica diventa guerra drammatica sul campo e monetaria nei mercati finanziariLe due guerre procedono sullo stesso piano, creando un disordine non solo nei principi di tutela della persone con la guerra sul campo, ma anche con lo squilibrio nelle economie globali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Fabrizio Pezzani è professore ordinario di Economia Aziendale presso l’Università L.Bocconi di Milano e distinguished professor presso la SDA Bocconi School of Management. Ha insegnato nelle Università di Parma, di Trento e di Brescia; è membro del comitato scientifico della Fondazione 'Centesimus Annus pro Pontifice' e di svariati Editorial Board di riviste internazionali di economia; è stato fino al 24 febbraio 2013 presidente del collegio dei revisori di Milano. E’ autore di contributi importanti sia a livello nazionale che internazionale sui temi dell’economia aziendale italiana fondata sulla realizzazione del bene comune, la sua lettura è ampia ed estesa ad altre scienze sociali. L’economia, in questa visione, è e rimane una scienza sociale e non una scienza esatta come oggi viene intesa.

End Comment -->