giovedì, Maggio 19

Russia: dall’’antifascismo’ al ‘fascismo’ Gli obiettivi revanscisti di politica estera di Putin si adattano perfettamente al modello del fascismo e fanno eco direttamente all'agenda revisionista perseguita da Adolf Hitler quasi un secolo prima

0

Quando Vladimir Putin è salito al potere per la prima volta all’inizio del millennio, una delle principali sfide che ha dovuto affrontare è stata la necessità di riparare il maltrattato orgoglio nazionale russo dopo un decennio di turbolenze post-sovietiche segnato dal collasso economico e dalle infinite rivelazioni sui crimini dell’era sovietica contro l’umanità.

La soluzione di Putin è stata di una semplicità disarmante, ma brillantemente efficace. Ha deciso di far rivivere il patriottismo russo costruendo un’identità nazionale moderna attorno al ruolo dell’Unione Sovietica nella sconfitta della Germania nazista. Mentre la Seconda Guerra Mondiale ha sempre svolto un ruolo di primo piano nel plasmare la psiche nazionale, sotto Putin sarebbe salita a nuove vette come il momento decisivo nella storia russa.

Lungi dal vergognarsi del loro passato sovietico, ai russi ora veniva detto che potevano essere orgogliosi di appartenere a una ‘nazione vincitrice’. Invece di soffermarsi sui milioni di vittime innocenti uccise durante l’era di Stalin, dovrebbero onorare il giusto eroismo dello sforzo bellico sovietico.

Questa venerazione dell’esperienza sovietica della Seconda Guerra Mondiale si è rivelata estremamente popolare tra il pubblico russo. Negli ultimi due decenni, si è evoluto in un culto quasi religioso completo di lessico, rituali, monumenti e festività. Nel 2020 ha persino ricevuto una cattedrale tutta sua.

Come per ogni religione, l‘eresia non è tollerata. Le deviazioni dalle narrazioni ufficialmente approvate della nazione vincitrice sono soggette a procedimenti penali e la blasfemia viene trattata spietatamente. Nella Russia di Putin, non c’è crimine più grande che mettere in discussione la santità della vittoria sovietica sulla Germania nazista.

Il regime cleptocratico di Putin ha usato questo culto della vittoria per creare l’illusione di un impegno ideologico nella lotta al fascismo. In linea con questa posizione antifascista, gli oppositori delle attuali autorità russe vengono regolarmente bollati come fascisti e nazisti. Queste etichette vaghe, ma emotive sono state attaccate a una serie vertiginosa di avversari che vanno dai dissidenti domestici ai vicini recalcitranti.

In nessun luogo la fissazione della Russia moderna per i ‘fascisti fantasma’ è più immediatamente evidente che nella politica del Cremlino nei confronti dell’Ucraina. Per anni, Mosca ha equiparato l’identità nazionale ucraina al fascismo mentre descriveva l’aggressione russa in Ucraina come una continuazione della lotta contro la Germania nazista.

Le assurde affermazioni del Cremlino ignorano la scomoda realtà che l’Ucraina di oggi è una democrazia vibrante con un Presidente ebreo eletto dal popolo e una frangia di estrema destra che costantemente non riesce ad assicurarsi più del 2% alle elezioni nazionali. Invece, il pubblico russo è incoraggiato a considerare l’attuale invasione dell’Ucraina come una crociata antifascista per liberare il mondo dagli eredi di Hitler.

Gli sforzi di Mosca per rappresentare la guerra in Ucraina come una battaglia contro il nazismo sono stati ampiamente derisi e completamente respinti dalla comunità internazionale. Queste pretese antifasciste sono rese ancora più ridicole dalla costante discesa del Paese sotto Putin nel fascismo in piena regola. In effetti, l’attuale guerra in Ucraina ha portato molti a concludere che la Russia moderna sta seguendo le orme delle dittature fasciste a cui afferma di opporsi.

Definire se un regime si qualifichi come fascista non è cosa facile. In effetti, già nel 1944, George Orwell si lamentava del fatto che la parola ‘fascismo’ fosse diventata “quasi del tutto priva di significato” e fosse semplicemente usata come sinonimo di “prepotente”. Tuttavia, la maggior parte delle definizioni di fascismo indicherebbe un sistema di governo dittatoriale caratterizzato da nazionalismo, militarismo, xenofobia, revisionismo ed espansionismo. La Russia di Putin soddisfa senza dubbio tutte queste caratteristiche.

La Russia ha completato la sua transizione dall’autoritarismo alla dittatura in seguito alle modifiche costituzionali adottate nel 2020 tramite un referendum fittizio che ha permesso a Putin di rimanere al potere fino al 2036. Ciò ha confermato il suo status di Presidente a vita e ha spento ogni speranza persistente sulla possibilità di una futura evoluzione democratica della Russia. Dal 2020, l’opposizione politica, i media indipendenti e tutte le forme di protesta pubblica sono state soggette a nuovi livelli di repressione in Russia e schiacciate senza pietà.

Questo processo è accelerato negli ultimi mesi poiché il Cremlino ha cercato di mettere a tacere l’opposizione interna alla guerra in Ucraina. Le leggi sulla censura draconiane hanno introdotto la responsabilità penale per qualsiasi deviazione dalla narrativa ufficiale del governo di una ‘operazione militare speciale’ per ‘de-nazificare’ l’Ucraina. Nel frattempo, i discorsi di Putin per giustificare l’invasione hanno sempre più fatto eco alla retorica dei regimi fascisti del XX secolo. Ciò ha incluso appelli alla purificazione della nazione e feroci denunce di traditori nazionali.

Durante il suo regno, Putin ha costantemente mobilitato il nazionalismo tossico come elemento chiave della sua dittatura. Questo processo iniziò nei primi giorni della presidenza di Putin, quando riportò l’inno nazionale sovietico. Da allora ha continuato a guadagnare slancio.

Dopo la Rivoluzione arancione del 2004 in Ucraina, il Cremlino ha abbracciato il nazionalismo conservatore come salvaguardia contro qualsiasi rivolta pro-democrazia simile all’interno della Russia. Ciò ha portato alla formazione di gruppi come ‘Nashi’, un gruppo giovanile pro-Cremlino virulentemente nazionalista che è stato ampiamente paragonato alla Gioventù hitleriana. Oltre al suddetto culto della vittoria che circonda la Seconda Guerra Mondiale, Putin ha anche elevato il ruolo della Chiesa ortodossa russa nella vita nazionale e ha promosso l’idea della Russia comeciviltà distinta“.

Il nazionalismo dilagante dell’era Putin è stato accompagnato da un crescente militarismo promosso da tutto, dai film e serie TV ai giorni festivi e al curriculum nazionale per gli scolari russi. L’umore militarista nel Paese ha riflesso le realtà della politica estera di Putin, con la Russia in guerra per gran parte del suo regno. Prima dell’attuale invasione su vasta scala dell’Ucraina, il paese aveva condotto una serie di guerre in Cecenia, Georgia, Ucraina orientale e Siria.

Questo militarismo è ora ulteriormente rafforzato in Russia dall’uso della lettera ‘Z’ che è emersa come simbolo della guerra di Putin in Ucraina dopo essere stata utilizzata per identificare i veicoli all’interno della forza di invasione. I russi sono incoraggiati a mostrare le Z ove possibile per mostrare il loro sostegno alla guerra, con molti commentatori che confrontano la lettera sempre più onnipresente alla svastica nazista.

Gli sforzi per generare sostegno popolare per lo sforzo bellico sembrano funzionare. Un recente sondaggio condotto dall’unico sondaggista indipendente russo, il Levada Center, ha rilevato che l’81% dei russi sostiene l’invasione. Questi risultati sono confermati da un flusso costante di video e post sui social media a sostegno della guerra. Allo stesso tempo, le proteste russe contro la guerra non sono riuscite a raccogliere alcuno slancio e sono invece rimaste deludenti.

Mentre la Russia di Putin si è avvicinata alle definizioni tradizionali di fascismo, il regime ha abbracciato sempre più narrazioni xenofobe progettate per disumanizzare gli ucraini come il nemico nazionale più significativo del Paese. In effetti, un saggio pubblicato dallo stesso Putin nel luglio 2021 in cui negava il diritto all’esistenza dell’Ucraina e affermava che russi e ucraini sono “un solo popolo” ha semplicemente messo per iscritto le convinzioni razziste che ha a lungo sostenuto e sposato. Oltre a rappresentare gli ucraini come nazisti ed estremisti, la propaganda russa ha a lungo rifiutato la legittimità dell’Ucraina come stato indipendente e ha respinto l’intero concetto di un’identità nazionale ucraina separata come un complotto straniero inteso a dividere e indebolire la Russia.

Questa retorica anti-ucraina è aumentata in modo allarmante negli ultimi mesi. Alla vigilia della guerra in corso, Putin ha condannato l’Ucraina come un’intollerabile “anti-Russia” gestita da “neo-nazisti e tossicodipendenti” e ha accusato Kiev di occupare terre storicamente russe. Con Mosca che ora affronta inaspettate battute d’arresto militari e soffre dolorose perdite sul campo di battaglia, le minacce apertamente genocide dirette all’Ucraina sono diventate una caratteristica quotidiana dei media mainstream russi controllati dal Cremlino.

Gli obiettivi revanscisti di politica estera di Putin si adattano perfettamente al modello del fascismo e fanno eco direttamente all’agenda revisionista perseguita da Adolf Hitler quasi un secolo prima. Come il leader nazista prima di lui, Putin ha espresso apertamente il suo desiderio di sfidare quello che vede come il verdetto ingiusto di una guerra perduta. Mentre Hitler ha cercato di annullare il Trattato di Versailles, l’obiettivo di Putin è quello di invertire l’esito della Guerra Fredda. Entrambi i dittatori hanno inquadrato le loro politiche espansionistiche come sacre missioni per salvare i ‘parenti’ etnici dalla separazione artificiale e dall’oppressione straniera.

Putin si riferisce alla rottura dell’URSS come “la disintegrazione della Russia storica” ​​e cerca di riunire quella che considera la legittima eredità della Russia. Questo significa innanzitutto riconquistare l’Ucraina. Il sovrano russo ha cercato di giustificare la sua politica estera aggressiva affermando che gran parte dell’Ucraina odierna era stata erroneamente attaccata al Paese da Vladimir Lenin durante i primi anni dell’Unione Sovietica. In altre parole, l’attuale invasione è semplicemente l’ultima e più estrema espressione degli obiettivi espansionistici a lungo dichiarati di Putin.

I risultati disastrosi della discesa della Russia al fascismo sono ora sotto gli occhi di tutti. Oltre a trasformare la Russia in una dittatura, Putin ha scatenato una guerra di annientamento nella vicina Ucraina che sia il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che il suo predecessore Donald Trump hanno condannato come genocidio.

I crimini di guerra russi in Ucraina hanno sbalordito il pubblico globale, ma le atrocità a cui stiamo assistendo non dovrebbero davvero sorprendere. Al contrario, sono la logica conseguenza di un regime dittatoriale che da molti anni abbraccia con entusiasmo nazionalismo, militarismo, espansionismo e xenofobia anti-ucraina.

La comunità internazionale deve ora rispondere con urgenza alla grave minaccia rappresentata dal fascismo russo prima che sia troppo tardi. Ciò significa un aumento delle sanzioni fornendo al contempo all’Ucraina le armi di cui ha bisogno per difendersi. Vladimir Putin finge di ‘de-nazificare’ l’Ucraina democratica, ma è chiaramente la stessa Russia che necessita di una ‘de-nazificazione’.

 

 

 

* Taras Kuzio è Research Fellow alla Henry Jackson Society ed autore del libro ‘Russian Nationalism and the Russian-Ukrainian War’.

La versione originale di questo intervento si trova qui.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Taras Kuzio è Research Fellow alla Henry Jackson Society ed autore del libro ‘Russian Nationalism and the Russian-Ukrainian War’.

End Comment -->