Russia – Corea del Nord: tra sanzionati ci si aiuta La Russia si rivolge alla Corea del Nord per infrangere le regole della comunità internazionale. I due Paesi stanno cercando modi per aiutarsi a vicenda. Ora la notizia che Mosca potrebbe assumere lavoratori nordcoreani per ricostruire il Donbass, e Pyongyang ha mostrato interesse nell'importazione di beni prodotti russi

La Russia e la Corea del Nord, entrambe afflitte da sanzioni economiche punitive, sembrano cercare modi per aiutarsi a vicenda, mentre scherzano sull’ordine basato sulle regole sposato dalla più ampia comunità internazionale, affermano gli esperti.
Cinque mesi dopo l’invasione dell’Ucraina, la Russia è stata colpita da successive serie di sanzioni da parte degli Stati Uniti e dei suoi partner.
A corto di alleati, Mosca ha iniziato a cercare nuove relazioni economiche.

L’ambasciatore russo in Corea del Nord Alexander Matsegora ha dichiarato in un’intervista al quotidiano russo ‘Izvestia‘, il 19 luglio, che Mosca potrebbe assumere lavoratori nordcoreani per ricostruire la regione ucraina del Donbass, ora in gran parte sotto il controllo russo. Pyongyang ha mostrato interesse nell’importazione di beni prodotti russi, secondo il ‘Moscow Times‘.

Ciò «mostra solo fino a che punto [il presidente russo Vladimir] Putin è isolato. Ora deve rivolgersi alla Corea del Nord», ha osservato lo stesso giorno John Kirby, coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca per le comunicazioni strategiche.
Il servizio coreano di ‘VOA‘ ha contattato l’ambasciata russa a Washington e il Ministero degli Esteri a Mosca chiedendo un commento sulle osservazioni di Matsegora, ma non ha ricevuto risposta. Il servizio ha anche contattato la Missione nordcoreana presso le Nazioni Unite chiedendo conferma delle osservazioni di Matsegora ma non ha ricevuto risposta.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, di cui la Russia è membro permanente, nel dicembre 2017 ha approvato una risoluzione che vieta agli Stati membri di assumere lavoratori nordcoreaniin risposta al lancio di un missile balistico intercontinentale da parte di Pyongyang il mese prima.
Desideroso di valuta estera, Pyongyang aveva da tempo inviato lavoratori nordcoreani in Russia per fare soldi da mandare a casa. Gli Stati Uniti stimano che 30.000 lavoratori nordcoreani fossero in Russia prima che le Nazioni Unite emettessero sanzioni. Molti sono rimasti in Russia e hanno lavorato utilizzando visti per studenti o di viaggio. In un rapporto presentato alle Nazioni Unite nel marzo 2020, la Russia ha riconosciuto che 511 nordcoreani sono rimasti nel Paese.
«Mosca ha violato le sanzioni alla Corea del Nord dal momento in cui la Russia le ha votate», ha affermato Anthony Ruggiero, senior fellow presso la Foundation for Defense of Democracies. Ma le osservazioni di Matsegora indicano un’assoluta volontà di «sostenere apertamente una tale violazione», secondo Bruce Klingner, un membro anziano della Heritage Foundation.
Sergey Radchenko, uno storico della Guerra Fredda presso la Johns Hopkins School of Advanced International Studies, ha dichiarato: «Ora che la stessa Russia è sotto sanzioni, ovviamente non ha motivo di rispettare alcuna restrizione».

Gli esperti vedono vantaggi reciproci nella crescente cooperazione tra Russia e Corea del Nord, entrambe disposte a infrangere le regole e a violare le norme stabilite dagli Stati Uniti e da Paesi che la pensano allo stesso modo.
Patricia Kim, una collega che si concentra sull’Asia orientale presso la Brookings Institution con sede a Washington, ha affermato: «I due Stati vedono chiari parallelismi nelle rispettive situazioni e condividono una causa comune nell’opporsi alle sanzioni e all’ordine occidentaleguidato dagli Stati Uniti». Ha continuato: «È molto probabile che nei prossimi mesi vedremo l’approfondimento dei legami diplomatici, economici e forse anche militari tra la Corea del Nord e la Russia, poiché entrambi gli Stati affrontano l’isolamento globale».
Harry Kazianis, presidente del Rogue States Project, che si autodefinisce un think tank bipartisan sulla sicurezza nazionale, ha affermato che la cooperazione «non sarebbe sorprendente dato che sia Mosca che Pyongyang sono così isolate che cercheranno di lavorare insieme in ogni modo possibile».

Le relazioni tra Mosca e Pyongyang si erano deteriorate dopo il crollo dell’Unione Sovietica, ma la guerra in Ucraina le sta rianimando, affermano gli analisti.
Poco dopo lo scoppio della guerra a febbraio, la Corea del Nord ha difeso l’invasione russa dell’Ucraina. A marzo, insieme a Bielorussia, Eritrea e Siria, Pyongyang ha votato contro una risoluzione delle Nazioni Unite che chiedeva alla Russia di porre fine all’invasione.
Il 14 luglio, prima delle osservazioni di Matsegora, Pyongyang ha riconosciuto l’indipendenza di due regioni separatiste sostenute dalla Russia: le sedicenti Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nella regione ucraina del Donbass.
Cinque giorni dopo, il Ministero degli Esteri della Corea del Nord ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che le sue relazioni con Mosca«stanno raggiungendo un nuovo livello strategico».

Ken Gause, direttore dell’Adversary Analytics Program, presso l’organizzazione di ricerca e analisi senza scopo di lucro CNA, ha affermato che le osservazioni di Matsegora mostrano che «i russi sono concentrati sull’indebolimento dell’ordine democratico liberale, il modo in cui la comunità internazionale è strutturata per sostenere l’interesse nazionale degli Stati Uniti, dal punto di vista russo.
Gause ha aggiunto che Russia e Cina «si prenderanno pezzi della comunità internazionale» come la Corea del Nord, «che non vuole davvero avere a che fare con gli Stati Uniti e tutte le sue regole», e li porterà sotto la sua ombra.

La Russia si è anche rivolta all’Iran per le armi da utilizzare nella guerra in Ucraina, ha affermato il 12 luglio il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan.
Patrick Cronin, Presidente della sicurezza dell’Asia-Pacifico presso l’Hudson Institute con sede in California, ha dichiarato: «La Russia è desiderosa di dimostrare che mantiene l’iniziativa nella sua guerra con l’Ucraina e per farlo ha bisogno di un partner disposto a resistere alla comunità internazionale». E ha continuato: «lo Stato paria aiuta un altro Stato».
Andando avanti, ha detto Cronin, Pyongyang potrebbe fornire «manodopera a basso costo»mentre Mosca fornisce energia e cibo. Ha aggiunto: «C’è il potenziale per una partnership tecnologica militare più forte che può aiutare la Corea del Nord con il suo crescente arsenale di armi nucleari».

La Corea del Nord è sospettata di aver completato i preparativi per il suo settimo test di armi nucleari.
Samuel Wells, specializzato nella Guerra Fredda presso il Wilson Center, ha affermato: «L’espressione di questo interesse per la cooperazione economica può essere un trial balloon», ma «punta sicuramente a una limitazione [dell’uso] delle sanzioni».