sabato, Maggio 15

Russia 2018, 100 giorni al Mondiale di calcio Per l'occasione, il presidente della Fifa, Gianni Infantino, è andato al Cremlino a far visita al presidente Vladimir Putin

0

100 giorni al Mondiale in Russia. Per l’occasione, il presidente della Fifa, Gianni Infantino, è andato al Cremlino a far visita al presidente Vladimir Putin. Un siparietto finale per i fotografi ha fatto il giro del mondo e noi ve lo proponiamo.

«Sarà un Mondiale assolutamente spettacolare, sarà il più bello della storia», ha detto Infantino, «sono stato spesso in Russia ultimamente e mi sono reso conto del fatto che il popolo russo vuole far vedere che il loro è un paese che sa accogliere i tifosi di tutto il mondo. Arriveranno un milione e mezzo di persone: potranno farlo senza bisogno del visto, ci saranno i trasporti gratuiti nelle città e l’accesso gratis ai musei grazie ai biglietti delle partite. Gli stadi sono bellissimi e per tutto il Paese sarà una questione di orgoglio nazionale far vedere che sono in grado di organizzare una bellissima competizione. Sarà una bella ed emozionante festa: venite in Russia».

Certo è che il presunto avvelenamento in Inghilterra dell’ex spia Serghei Skripal potrebbe avere conseguenze per la Russia. Lo stesso ministro britannico Boris Johnson ha paventato la possibilità di non presentare il Paese all’appuntamento calcistico, qualora Mosca sia coinvolta. Salvo poi ritrattare poche ore dopo.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->